Home / RECENSIONI / Drammatico / La Terra Promessa – Un western danese con Mads Mikkelsen – Recensione

La Terra Promessa – Un western danese con Mads Mikkelsen – Recensione

La Terra Promessa: il regista Nikolaj Arcel racconta una storia di conquista che ricorda i classici di John Ford. Al cinema dal 14 marzo.

Nel 1755, il disgraziato Capitano Ludvig Kahlen (Mads Mikkelsen) decide di conquistare la brughiera danese, un territorio selvaggio e inospitale, con l’audace obiettivo di stabilire una colonia in onore del re. In cambio, gli viene promesso il tanto agognato titolo nobiliare.

Tuttavia, il potente sovrano locale, il temibile Frederik de Schinkel (Simon Bennebjerg), rivendica la terra come sua. Quando de Schinkel scopre che Ann Barbara (Amanda Collin), una domestica, e suo marito sono fuggiti per cercare rifugio presso Kahlen, si scatena la sua furia, determinato a cacciare il capitano a qualunque costo. Ma Kahlen non si arrende facilmente e affronta una lotta disperata, mettendo a rischio non solo la propria vita, ma anche quella della sua famiglia.

Cosa funziona in La Terra Promessa

Il regista Nikolaj Arcel mette in scena un genere ben conosciuto: il film di conquista, dello stile più classico, realizzato quasi 80 anni fa in modo magistrale da John Ford. E per ricordare le origini, alcune inquadrature, come i campi lunghi delle vallate e le famose inquadrature “inquadrate” da porte e altri elementi geometrici, che caratterizzano Sentieri Selvaggi e Ombre Rosse.

L’elemento di novità è scoprire che ci sia stata una conquista del territorio anche in un paese piccolo e europeo come la Danimarca. L’uomo che doma la natura e poi deve difendere il suo terreno e la sua famiglia. Pilastri semplici e basilari di molte storie. La distinzione con il genere americano sta che in quei film la conquista avveniva nel nome dell’individuo, nel film di Arcel questo avviene nel nome del re e per la conquista di un titolo nobiliare. Insomma, la vecchia Europa.

Perché non guardare La Terra Promessa

Mads Mikkelsen interpreta con passione il ruolo dell’ex militare che vuole diventare latifondista. Come accade spesso in questi film, il protagonista diventa una specie di superuomo, concreto e inscalfibile che mette dura prova la comprensione delle sue azioni. Resta una bella storia di un periodo storico non conosciuto, in un paese dal quale non vengono spesso storie del genere.

Il film è in sala grazie a Movies Inspired dal 14 marzo

Regia: Nikolaj Arcel Con: Mads Mikkelsen, Amanda Collin, Simon Bellenbjerg Anno: 2023 Durata: 127 min. Paese: Danimarca Distribuzione: Movies Inspired

About A V

Guarda anche

non-volere-volare-recensione-film-copertina

Non volere volare – Consigli per essere liberi – Recensione

Non volere volare parte da Londra e arriva in Islanda, un percorso tortuoso per i …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.