Home / CULTURAL / La morte gioca a scacchi: il settimo sigillo di Bruno Alessandro al Teatro della Visitazione – Recensione

La morte gioca a scacchi: il settimo sigillo di Bruno Alessandro al Teatro della Visitazione – Recensione

La morte gioca a scacchi è il nuovo spettacolo scritto, diretto e narrato dal grande attore e doppiatore italiano Bruno Alessandro, in scena al Teatro della Visitazione di Roma dal 24 al 28 aprile 2024

Difficile non sconoscere almeno di fama Il settimo sigillo di Ingmar Bergman, non solo perché è forse l’opera più famosa del leggendario regista svedese, ma è un film che ancor oggi ispira molte interessanti discussioni, parodie (come L’ottavo sigillo in onda nel programma Mai dire martedì, con Alessandro Cantarella, Emilio Gatto e la Gialappa’s Band) e rifacimenti, come questo che stiamo per commentare.

Ad inizio 2024 il grande attore e doppiatore italiano Bruno Alessandro (che nel corso della sua lunghissima carriera ha anche doppiato Max von Sydow in Professione fantasma) ha annunciato l’inizio della lavorazione dello spettacolo teatrale La morte gioca a scacchi, liberamente tratto da Il settimo sigillo di Bergman.

Un’idea nata non solo per omaggiare una delle più belle pellicole della storia del cinema, ma anche e soprattutto quella di fare “roba tosta ma senza annoiare”.

la-morte-gioca-a-scacchi-il-settimo-sigillo-manifesto

La location scelta è stata quella del Teatro della Visitazione di Roma, in Via dei Crispolti 142, dal 24 al 28 aprile 2024.
Obbiettivo raggiunto? In base alla nostra visione dello spettacolo del 25 aprile, decisamente sì.

Per chi ha visto e rivisto il lungometraggio originale nella versione italiana diretta da Carlo Romano e con i dialoghi di Franco Dal Cer La morte gioca a scacchi è in grado di farti vivere in prima persona la storia scritta e diretta da Ingmar Bergman che prima di essere un film era proprio una sua pièce teatrale dal titolo Pittura su legno (Trämålning).

Molti dei dialoghi di Franco Dal Cer sono stati riproposti e le differenze di trama alla fine sono davvero minime (il pittore che diventa una pittrice e il fabbro che qui è un ortolano, solo per citarne due). I costumi e la scenografia di Simone De Gasperis e le illustrazioni di Sabrina Ristori sono in grado di far immergere lo spettatore nel medioevo nordico mostrato nel film del 1957, con elementi davvero raffinati come la ricostruzione del carro degli attori e del confessionale.

Le musiche originali di Massimo De Santis (un professionista che ha anche lavorato a Il DoppiAttore – La voce oltre il buio di Angelo Maggi) sono anch’esse risultate fondamentali per mantenere viva l’atmosfera, e tra una scena e l’altra si ha la possibilità di sentire la voce narrante dello sceneggiatore e regista dello spettacolo: semplicemente l’inossidabile Bruno Alessandro, che a 88 anni continua a regalarci emozioni sia al leggio che a teatro.

Ma la voce di Philip Baker Hall, Brian Cox e Christopher Plummer (e di tantissimi altri) non è l’unico grande nome del doppiaggio italiano ad essere presente sul palco del Teatro della Visitazione di Roma nello spettacolo La morte gioca a scacchi.

C’è anche Stefano Onofri (Lupin e Gigi la trottola), Emanuela Ionica (Elle Fanning, Chloë Grace Moretz e Zendaya), Alberto Caneva (Jamie Kennedy), Francesco Fabbri (Jay Ellis in Top Gun: Maverick), Sara Giacopello (Bria Danielle Singleton in Whitney – Una voce diventata leggenda) e tanti altri, che vediamo qui nel dettaglio con i loro relativi personaggi in questo spettacolo:

Narratore: Bruno Alessandro
Antonius: Simone De Gasperis
Morte: Alberto Caneva
Jons: Francesco Leonardo Fabbri
Jof: Corrado Niro
Mia: Sara Giacopello
Skat: Stefano Onofri
Pittrice: Gabriella Salvini
Capo delle guardie: Daniele Pellegrini
Predicatore: Alexander Gentili
Maria: Carmen Sallustri
Raval: Luigi Budel
Plog: Giordano Vullo
Lisa: Maria Elena Arpaia
Strega: Anna Gallarati
Karin: Emanuela Ionica

Completano il cast di questo imperdibile spettacolo Giacomo Buttigliero, Alessio Calì, Simona D’Antimi, Beatrice Fiore, Giorgio Giannuzzi, Leonardo Pastore, Ada Suarez, Carmine Tortorella e Gaia Valbonesi, senza dimenticare il lavoro come tecnico di Davide Marchese e quello di Giacomo Gattini come fonico.

Elenco spettacoli:
24 aprile ore 21
25 aprile ore 17
26 aprile ore 21
27 aprile ore 17 e 21
28 aprile ore 17

Per info e prenotazioni chiamare Luigi al 3339527750

About Valerio Brandi

Guarda anche

memoria-assassino-recensione-film

La memoria dell’assassino – Recensione del film di e con Michael Keaton e Al Pacino

La memoria dell’assassino – Recensione del film di e con Michael Keaton e Al Pacino …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.