Home / RECENSIONI / Animazione / Kung Fu Panda 4 – Il ritorno di Po nel film Dreamworks – Recensione

Kung Fu Panda 4 – Il ritorno di Po nel film Dreamworks – Recensione

Kung Fu Panda 4: In sala il quarto capitolo con il Panda più atletico mai visto che nella versione originale è doppiato da Jack Black.


Dopo aver superato tre incredibili sfide e sconfitto nemici di fama mondiale grazie al suo coraggio straordinario e alle sue abilità nelle arti marziali, Po, il Guerriero Dragone (interpretato da Jack Black, candidato ai Golden Globe), è destinato a un nuovo ruolo nella Valle della Pace: diventare il capo spirituale.

Prima di assumere questo incarico, Po deve addestrare un nuovo Guerriero Dragone. Ma il suo destino prende una piega inaspettata quando una malvagia e potente maga, Chameleon (interpretata dall’Academy Award Viola Davis), una piccola lucertola capace di trasformarsi in qualsiasi creatura, mette gli occhi sul Bastone della Saggezza di Po. Se riuscisse a ottenere il bastone, Chameleon avrebbe il potere di risvegliare tutti i cattivi sconfitti da Po dal regno degli spiriti.

Cosa funziona in Kung Fu Panda 4

Come con la serie di film con protagonista Shrek, il personaggio di Po funziona talmente bene che potrebbero esserci capitoli infiniti della saga del Panda esperto di arti marziali.

In versione originale poi, si possono sentire talenti come Viola Davis, Dustin Hoffman, Jack Black, Bryan Cranston e molti altri. Nella storia, sempre piena di buoni principi, si aggiunge anche un’apertura alle coppie di genitori non proprio convenzionali, i genitori di Po sono infatti un panda maschio e un’oca maschio, elemento che permette di parlare di inclusione senza smettere di sorridere.

Perché non guardare Kung Fu Panda 4

Se siete stufi di storie a lieto fine, animali parlanti che fanno cose strane, mondi inventati e buoni sentimenti, questo non è il vostro film. Nonostante il pubblico ideale sia quello dei bambini e dei ragazzi, anche gli adulti possono apprezzare la levità di questa pellicola.

Il film è in sala dal 21 marzo distribuito da Universal Pictures.

Regia: Mike Mitchell Con le voci di (versione inglese): Jack Black (versione italiana: Fabio Volo), Viola Davis, Dustin Hoffman, Akwafina Anno: 2024 Durata: 94 minuti Paese: USA Distribuzione: Universal Pictures Italia

About A V

Guarda anche

la-morte-e-un-problema-dei-vivi-recensione-film-copertina

La morte è un problema dei vivi – Una commedia noir dalla Finlandia – Recensione

La morte è un problema dei vivi: In sala il film di Teemu Nikki, passato …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.