Home / RECENSIONI / Azione / Godzilla e Kong – Il nuovo impero – Oltre la supremazia – Recensione

Godzilla e Kong – Il nuovo impero – Oltre la supremazia – Recensione

Godzilla e Kong tornano protagonisti con Il nuovo impero, quinto capitolo del MonsterVerse ancora una volta caratterizzato da sequenze d’azione mozzafiato condite da strabilianti effetti visivi e speciali

Sono passati un po’ di anni dalla scoperta della Terra Cava da parte degli scienziati della Monarch, un luogo che ha permesso a Kong di vivere in assoluta, o meglio, eccessiva libertà: spazi enormi dove muoversi e cacciare, ma nessuno della sua specie con cui condividere tutto questo.

In superficie invece Godzilla continua a difendere l’umanità dagli attacchi degli altri Titani, anche se a modo suo (poveri monumenti di Roma…)
Una situazione in teoria accettabile che però potrebbe presto peggiorare: non si hanno più notizie dall’avamposto della Monarch all’interno della Terra Cava, e Godzilla continua a cercare di potenziarsi, come se dovesse prepararsi ad una imminente grande battaglia…

Cosa funziona in Godzilla e Kong – Il nuovo impero

Tra fantasiose creature all’interno della Terra Cava e combattimenti ad alta definizione, Godzilla e Kong – In nuovo impero è il nuovo capitolo del MonsterVerse da vedere assolutamente sul grande schermo proprio per questo motivo, e fortunatamente questa volta non ci sono chiusure sanitarie che possano ritardare questa esperienza.

E anche se l’elemento portante di questo filone rimane proprio quello, non significa che il MonsterVerse è in grado di regalare allo spettatore solo botte da orbi tra mostri realizzati in computer grafica. Così come Godzilla vs. Kong ci ha regalato un’atmosfera alla Jules Verne grazie al viaggio nella Terra Cava, quest’ultima come accennato nella sinossi viene mostrata maggiormente in questo capitolo, ma soprattutto viene dato più spazio a Kong.

“La bella e la bestia. Kong poteva restare dove stava ma non poté resistere alla bellezza”

Anche se fin dagli anni ‘70 era stato dimostrato lo spirito più altruistico del Re delle Scimmie nel difendere la Terra dai Titani pericolosi (mentre anche in questa occasione Godzilla sembra combattere più per orgoglio personale e non tanto da supereroe) l’ormai adolescente Kaylee Hottle, degna erede del personaggio di Ann Darrow interpretato in passato da grandi stelle come Fra Wray e Naomi Watts, è la bellezza che fa uscire il lato migliore di Kong, che da tempo immemore sogna di avere una vera famiglia con cui condividere la vita. Una ricerca che si preannuncia fin da subito molto toccante, come andrà a finire?

Riguardo al doppiaggio italiano, le conferme arrivano da Massimo Corvo, alla terza direzione consecutiva del MonsterVerse cinematografico (dato che Godzilla e Kong: Skull Island sono stati diretti da Carlo Cosolo e Riccardo Rossi).

Conferme anche da Laura Romano e Simone Mori che tornano a doppiare i personaggi della dottoressa Ilene Andrews e del complottista Bernie Hayes, mentre tra i nuovi abbiamo Francesco Pezzulli sul veterinario Trapper, Guendalina Ward su Hampton e Luca Graziani sul pilota Mikael.

Perché non guardare Godzilla e Kong – Il nuovo impero

Film nuovo, problema vecchio… Anche se il suo minutaggio è stato abbastanza ridotto rispetto a Godzilla vs. Kong, la presenza del personaggio di Bernie Hayes non solo è inopportuna per via delle situazioni demenziali stile Marvel Studios costruite intorno a lui ma è anche questa volta del tutto inutile ai fini della trama. Tempo che poteva essere utilizzato per altre scene con i mostri protagonisti, o al limite proprio limato per venire incontro ai fruitori che non amano i lungometraggi troppo lunghi.

Prodotto da Warner Bros. e Legendary Pictures e distribuito da Warner Bros. Pictures Italia, Godzilla e Kong – Il nuovo impero è al cinema nel nostro Paese da giovedì 28 marzo 2024.

Regia: Adam Wingard Con: Rebecca Hall, Brian Tyree Henry, Dan Stevens, Kaylee Hottle, Alex Ferns, Fala Chen, Rachel House, Ron Smyck, Chantelle Jamiesson, Greg Hatton Anno: 2024 Durata: 115 min. Paese: USA Distribuzione: Warner Bros.

About Valerio Brandi

Guarda anche

non-volere-volare-recensione-film-copertina

Non volere volare – Consigli per essere liberi – Recensione

Non volere volare parte da Londra e arriva in Islanda, un percorso tortuoso per i …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.