Home / RECENSIONI / Animazione / Garfield – Una missione gustosa – Lasagne e famiglia – Recensione

Garfield – Una missione gustosa – Lasagne e famiglia – Recensione

Garfield – Una missione gustosa arriva finalmente al cinema dopo una lavorazione lunga otto anni dovuta anche alle nuove acquisizioni sui diritti del celebre personaggio, un film di produzione Columbia Pictures al cinema nel nostro Paese dal primo maggio 2024 grazie a Eagle Pictures e Sony

In una notte buia e tempestosa un piccolo gattino arancione viene lasciato in un angolo di un vicolo da suo padre, che prima di andarsene lo tranquillizza dicendogli che sarebbe tornato presto.

Passano le ore, e il genitore non si vede più, così il micetto, ormai convinto di essere stato abbandonato, spinto dalla curiosità e dall’appetito parte all’avventura, e si imbatte subito in un ristorante italiano, dove un ragazzo di nome Jon è seduto da solo e sta mangiando tante prelibatezze.

Gli occhioni dolci e il pancino brontolone del felino funzionano immediatamente: Jon decide di adottarlo e di chiamarlo Garfield, nonostante abbia una fame da far concorrenza all’oca Ciccio.
Passano i mesi, Garfield è ormai adulto e nella casa di Jon ha anche trovato un nuovo amico, il cagnolino Odie. La sua vita sembra bellissima, tranne il primo giorno di ogni settimana… Non solo perché è il giorno della visita veterinaria, ma è proprio in occasione di un lunedì che si ripresenta suo padre, portando con sé nuovi guai. Riuscirà presto a risolverli?

Cosa funziona in Garfield – Una missione gustosa

Detentore del primato di striscia a fumetti più pubblicata al mondo, il gattone di Jim Davis che ama le lasagne e odia i lunedì torna protagonista sul grande schermo, un’attesa lunga quasi due decenni dato che l’ultimo lungometraggio cinematografico prima di questo, Garfiel 2 di Tim Hill, era appunto stato distribuito nel 2006.

Garfield – Una missione gustosa, come da titolo italiano (decisamente più simpatico del banalissimo The Garfield Movie originale) è un film che vi metterà decisamente tanto appetito (quindi un consiglio: acquistate da mangiare prima di entrare in sala) per via di tutte quelle prelibatezze messe in scena che abbiamo solo minimamente accennato nella sinossi. Un inno d’amore al nostro Paese, non solo dal punto di vista gastronomico ma anche musicale, dato che nella colonna sonora sono presenti canzoni come That’s Amore di Dean Martin e la tarantella napoletana, deliziose citazioni a cui si aggiungono altre molto divertenti legati al cinema d’azione (Top Gun) e spionistico (Il ponte delle spie).

Non mancheranno dunque le risate durante la visione di Garfield – Una missione gustosa, del resto non abbiamo ancora parlato del regista, Mark Dindal, autore del film Le follie dell’imperatore, considerato da milioni di persone come il film più divertente di tutta la storia della Disney.

Merito di questi personaggi che dopo decenni continuano ad appassionare, anche se in Garfield – Una missione gustosa la medaglia d’oro dell’ilarità non l’ha vinta il protagonista bensì il toro Otto, l’ex stella della Fattoria Lattosio che, seppur dopo una iniziale riluttanza, deciderà di allearsi con Garfield e la sua famiglia per cercare di ottenere anche lui una vita libera e felice.

Un personaggio imprevedibile e dai tempi comici eccellenti, in grado dunque di far fare il salto di qualità alla storia che fino a quel momento era carina ma abbastanza ordinaria.

Oltre a tanta vecchia e buona comicità vi sono anche momenti di tenerezza come le scene con Garfield piccolino, e messaggi formativi importanti legati ai sacrifici genitoriali.

Inoltre Mark Dindal, in un film realizzato con la computer grafica, non ha comunque rinunciato all’animazione tradizionale: disegni semplici ma simpatici sono serviti a raccontare alcune parti di questa storia, e inoltre sono presenti non solo durante tutti i titoli di coda ma anche e soprattutto alla fine di essi, quando una striscia classica di Garfield saluterà del tutto lo spettatore, augurandosi di rivederlo in un possibile sequel futuro.

Il doppiaggio di Garfield – Una voce gustosa

Il doppiatore italiano del protagonista non è più un mistero già da diverse settimane: Maurizio Merluzzo grazie alla sua grande popolarità sui social media ha dato il giusto risalto a un lungometraggio importante come questo e la sua interpretazione, dopo averla sentita integralmente in anteprima stampa, è risultata ideale sul personaggio, sia dal punto di vista comico che da quello avventuroso (perché, come accennato sopra, a un certo punto Garfield sarà un po’ come Maverick).

Maurizio Merluzzo non era l’unico nome già annunciato con anticipo rispetto all’uscita del film: gli appassionati di doppiaggio nei trailer finali avevano individuato Simone Mori su Vic, il padre di Garfield, e Flavio Aquilone su Jon, quello umano. Altri due grandi attori e doppiatori in grado rendere assolutamente divertenti i loro personaggi anche nella nostra lingua, mentre per quel che riguarda il toro Otto?

Non poteva non esserci su di lui Alessandro Rossi, non solo perché l’attore originale è Ving Rhames, stella di Mission: Impossible spesso doppiata da lui, ma perché la voce ufficiale di Arnold Schwarzenegger e Liam Neeson è anche uno dei migliori doppiatori di personaggi comici di sempre, basta ascoltare ogni singola battuta di Zapp Brannigan (Futurama) per rendersene conto.

Insomma, un film d’animazione che finalmente riesce ad essere doppiato solo da veri professionisti di questo mestiere, una grande squadra diretta da Marco Guadagno (curatore anche dei dialoghi presso la 3Cycle) a cui hanno aderito anche Gabriella Borri (Jinx), Massimo Bitossi (Roland), Davide Lepore (Nolan), Angela Brusa (Marge) e Luca Dal Fabbro (uno dei gatti del gattile).

Perché non guardare Garfield – Una missione gustosa

Come accennato sopra il 3D è la parte dominante dell’animazione di questo nuovo film su questo gattone tanto simile a Isidoro: non adatto quindi agli spettatori che amano solo l’animazione tradizionale, così come la computer grafica di Garfield – Una missione gustosa non è certo ai livelli di realismo degli ultimi Classici Disney o film Pixar, anche perché rispecchia le ambientazioni e le caratteristiche semplici e “gommose” delle strisce originali.

Garfield – Una missione gustosa è al cinema in Italia da mercoledì primo maggio 2024.

Regia: Mark Dindal Con: Chris Pratt, Harvey Guillén, Samuel L. Jackson, Snoop Dog, Hannah Waddingham, Nicholas Hoult, Cecily Strong, Brett Goldstein, Ving Rhames, Bowen Yang, Janelle James, Dev Joshi, Maurizio Merluzzo, Simone Mori, Flavio Aquilone, Gabriella Borri, Massimo Bitossi, Davide Lepore, Angela Brusa, Luca Dal Fabbro Anno: 2024 Paese di produzione: Stati Uniti d’America Durata: 101 min. Distribuzione: Eagle Pictures

About Valerio Brandi

Guarda anche

la-morte-e-un-problema-dei-vivi-recensione-film-copertina

La morte è un problema dei vivi – Una commedia noir dalla Finlandia – Recensione

La morte è un problema dei vivi: In sala il film di Teemu Nikki, passato …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.