Home / RECENSIONI / Fremont – Alla ricerca di un sogno con Jeremy Allen White – Recensione

Fremont – Alla ricerca di un sogno con Jeremy Allen White – Recensione

Fremont: Esce in sala il film di Babak Jalali, una storia personale di ricollocazione con un tenero Jeremy Allen White

Donya (Anaita Wali Zada), una giovane e affascinante ex traduttrice afghana che ha lavorato per il governo degli Stati Uniti, vive a Fremont, in California. Afflitta dall’insonnia, abita in un edificio popolato da altri immigrati afghani.

Solitamente trascorre le sue serate da sola in un ristorante locale, immergendosi nelle trame delle soap opera. La sua vita cambia quando viene promossa nella fabbrica dove lavora: ora è incaricata di scrivere i messaggi per i biscotti della fortuna. Mentre le sue parole raggiungono sconosciuti in tutta la Baia, un desiderio profondamente nascosto la spinge a inviare un messaggio nel mondo, incerta delle conseguenze che potrebbe scatenare.

Cosa funziona in Fremont

Il film di Babak Jalali è stato presentato al Sundance e alla Festa del cinema di Roma. E’ una commedia dolce-amara e sospesa in cui ci sono poche azioni e pochi movimenti di macchina, ma in cui avviene di tutto. Il film ricorda i primi film di Jarmusch e quindi anche un po’ Kaurismaki, gli interpreti hanno lo stesso mood sperduto ma molto positivo, e non ci si può che affezionare a loro.

Si avvale inoltre di una ricchezza di voci, lingue diverse e caratteri ben definiti grazie ai quali riesce a parlare di temi importanti come il trauma, la ricollocazione dei migranti afgani dopo l’evacuazione di Kabul, il lavoro, l’amore con tono lieve e disincantato.

Perché non guardare Fremont

Forse per attirare più gente in sala, o anche più semplicemente per trovare una distribuzione e attirare l’attenzione dei festival, viene pubblicizzata la presenza nel film di Jeremy Allen White, star della serie tv The Bear, di cui si è tanto parlato in questi anni e grazie alla quale l’attore ha vinto diversi premi tra cui due Golden Globes e un Emmy.

L’apparizione di White si fa attendere, ma è per una buona causa: le scene che ha in comune con la protagonista danno una svolta interessante e importante al film, tanto da volerne vedere ancora.

Il film è in sala distribuito da Wanted Cinema dal 27 giugno.

Regia: Babak Jalali Con: Anaita Wali Zada, Gregg Turkington, Jeremy Allen White Anno: 2023 Durata: 88 min. Paese: Usa Distribuzione: Wanted cinema

About A V

Guarda anche

la-morte-e-un-problema-dei-vivi-recensione-film-copertina

La morte è un problema dei vivi – Una commedia noir dalla Finlandia – Recensione

La morte è un problema dei vivi: In sala il film di Teemu Nikki, passato …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.