Home / RECENSIONI / Azione / Argylle – La super spia – La Recensione del nuovo film di Matthew Vaughn

Argylle – La super spia – La Recensione del nuovo film di Matthew Vaughn

Argylle – La super spia: Arriva in sala, dal primo febbraio, una nuova pellicola diretta da Matthew Vaughn; lo stesso che ha dato vita alla saga di “Kingsman”. Ma chi è questa super spia? Beh, in realtà non esiste ed è un personaggio nato dalla fantasia della scrittrice Elly Conway (Bryce Dallas Howard).

Arrivata alla sua quarta pubblicazione sulle avventure di questa super spia, immaginata con una giacca alla coreana e un taglio di capelli alquanto discutibile (i cui panni sono vestiti da Henry Cavill), ha già pronto il suo quinto libro.

La cosa che, però, non aveva previsto è quanto reali fossero le storie che stava raccontando: come un’indovina lei stava descrivendo dei fatti realmente accaduti, evento che la fa trovare tra i fuochi incrociati di buoni e cattivi. Qui ha il via il gioco preferito dalle spie: quello doppio con tutti i suoi inerenti colpi di scena.

Cosa funziona in Argylle – La super spia

Matthew Vaughn rigioca le carte che avevano reso interessante la saga di “Kingsman”: costumi, usi, modi di metter in scena e altissima ilarità.

In questa storia, però, un tocco di sano sarcasmo e la voglia di “non perdersi sul serio” nel raccontare una storia di spionaggio vengono aggiunti. Per fare ciò, l’espediente del libro viene utilizzato, introducendo lo spettatore all’interno della mente di una scrittrice.

Tutto diviene plausibile e credibile, se pensato come immagine proveniente da chi ha dato vita a un mondo intero. Argylle, quindi, gioca col meta-testo e con ciò che gli ruota intorno, riuscendo a compiere diversi e sorprendenti twist nel suo costrutto.

“Più grande è la spia, più grossa è la bugia”, questo è il mantra da dover tenere in testa mentre si osserva ogni singola scena. Tutto diviene una maestrale coreografia, specie nei combattimenti, tanto da sembrare quasi di vedere un film musicale.

Le colonne sonore, di conseguenza, giocano un ruolo fondamentale per poter scandire il tempo dei corpo a corpo. La musica parla con lo spettatore e descrive ciò che il fumo colorato copre. Sembra, infatti, che Vaughn abbia una passione smisurata per i fuochi d’artificio e i fumogeni colorati.

Bryce Dallas Howard interpreta perfettamente il suo personaggio, seguendo con maestria tutti i cambi tonali che le sono stati affidati. Allo stesso tempo, la complicità in scena con Sam Rockwell gioca un ruolo fondamentale nella caratterizzazione di entrambi i personaggi.

La super spia e la scrittrice che ha paura della sua stessa ombra funzionano proprio grazie al talento dei due attori, oltre che agli archetipi che rappresentano e che riescono a far evolvere nel corso della narrazione.

Alcuni degli attori che ruotano intorno ai due protagonisti sono elementi già noti per il cinema di Matthew Vaughn, ma al di la della presenza in copertina non vi vogliamo svelare molto altro su quella che è la loro funzione.

Un personaggio che, in ogni caso, va sicuramente attenzionato è Alfie, il gatto. La sua presenza è costante come vera parte comprimaria all’azione, basti pensare a tutte le volte in cui la telecamera lo inquadra mentre osserva la scena dal suo oblò. Alfie è interpretato dal gatto di Claudia Schiffer, moglie dello stesso Vaughn che si diverte ad inserire nella storia alcuni elementi che fanno parte della sua stessa vita privata.

Perché non guardare Argylle – La super spia

Beh, se si cerca il classico film di spionaggio, questo non è decisamente quel tipo di film (citazione a Kingsman). I toni sarcastici e quasi irreali potrebbero far storcere il naso ai puristi del genere. Inoltre, la sua durata potrebbe essere un deterrente all’accesso alla sala (135 min).

Il film è al cinema dal 1 febbraio con Universal Pictures.

Regia: Matthew Vaughn Con: Henry Cavill, Bryce Dallas Howard, Sam Rockwell, Bryan Cranston, Catherine O’Hara, Dua Lipa, Ariana DeBose, John Cena, Samuel L. Jackson, Rob Delaney, Jason Fuchs, Sofia Boutella, Jing Lusi, Stanley Morgan, Bobby Holland Hanton, Alfredo Tavares, Daniel Singh, Tomás Paredes, Joseph Aston Grant, Amra Mallassi Anno: 2023 Durata: 139 min. Paese: Stati Uniti Distribuzione: Universal Pictures 

About Aida Picone

Guarda anche

eric-recensione-serie-tv

Eric – Recensione della serie tv di Netflix

Eric: Recensione della serie tv Netflix con un grande Benedict Cumberbatch Oggi recensiamo, con grande …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.