Home / RECENSIONI / Drammatico / A dire il vero – Il ritorno al cinema di Nicole Holofcener – Recensione

A dire il vero – Il ritorno al cinema di Nicole Holofcener – Recensione

A dire il vero è la nuova commedia scritta e diretta da Nicole Holofcener che arriva in Italia dopo una lunga attesa grazie alla distribuzione di Vertice 360, essendo stato presentato Sundance Film Festival 2023 e rilasciato nei cinema Statunitensi il 26 maggio successivo

Beth (Julia Louis-Dreyfus) e Don (Tobias Menzies) sono una coppia di mezza età che vive a New York a cui tutto sembra andare bene: lei oltre ad essere insegnante di scrittura è in procinto di pubblicare il suo secondo libro, mentre lui si occupa da anni di psicoterapia.

Un idillio che però traballa un giorno per puro caso, quando Beth sente di nascosto parlare Don con il suo amico Mark (Arian Moayed) sul fatto che le ha sempre mentito riguardo al suo nuovo libro.

Una bugia bianca, ossia a fin di bene: ma Beth è disposta a metterci una pietra sopra, oppure no?

E prima ancora di chiedersi se anche lei in passato ha commesso la stessa cosa, comincia a sospettare che anche le altre persone intorno a lei la stanno mentendo su delle piccole cose…

Cosa funziona in A dire il vero

Nuovo film scritto e diretto da Nicole Holofcener, regista che ha avuto come patrigno Charles H. Joffe, scomparso nel 2008 e produttore di molti film di Woody Allen.

Fin da bambina ha avuto dunque modo di accedere ai set del grande cineasta Newyorkese, imparando il suo mestiere e il suo stile, e infatti A dire il vero (titolo originale You Hurt My Feelings) assomiglia molto a una delle classiche commedie di Woody Allen, basate sui cittadini borghesi e sui loro piccoli problemi di tutti i giorni.

Piccoli, ma non meno importanti: la reazione di Beth ma anche di altri di fronte alla scoperta di queste bugie bianche sembra esagerata (infatti a un certo punto si usa una frase piena di retorica benaltrista del tipo “Il mondo va a rotoli e tu ti arrabbi tanto per queste cose?”) ma tutti nella vita abbiamo almeno una volta ottenuto queste delusioni, quindi sappiamo quanto possa far male, anche se appunto non è la fine del mondo, e allo stesso tempo mostra un lato nascosto di ognuno, quello che ha paura di sapere la verità perché è sempre dura accettare una critica, anche se piccola e costruttiva.

Al contrario dei suoi protagonisti A dire il vero è dunque un film molto onesto sui rapporti umani, regalando allo spettatore anche una (voluta o meno) decisa critica al mestiere del terapista, evidenziando che spesso e volentieri si tratta di una truffa legalizzata e costosa in cui il paziente finisce solo per rimetterci soldi e tempo.

Perché non guardare A dire il vero

Non ci sono dei veri motivi per non guardare A dire il vero, se non il banale commento che se uno si aspetta una commedia geniale e ricca di risate come quella del primo Woody Allen può restare un po’ deluso.

Il film è al cinema dall’8 febbraio con Vertice 360.

Regia: Nicole Holofcener  Con: Julia Louis-Dreyfus, Tobias Menzies, Michaela Watkins, Arian Moayed, Owen Teague, Amber Tamblyn, David Cross, Erica Matlin, Claudia Robinson, Zach Cherry, Clara Wong, Sarah Steele, LaTanya Richardson Jackson, Jeannie Berlin, Rebecca Henderson, Sue Jean Kim, Deniz Akdeniz, Sunita Mani, Kenneth Tigar , Josh Pais Anno: 2023 Durata: 93 min. Paese: Stati Uniti Distribuzione: Vertice360

About Valerio Brandi

Guarda anche

true-detective-night-country-recensione-episodi-finali-copertina

True Detective: Night Country, recensione degli episodi finali

True Detective: Night Country, recensione degli episodi finali della serie tv con Jodie Foster e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.