Home / RECENSIONI / Animazione / Trolls 3 – Tutti insieme – Il ritorno della Boy Band colorata – Recensione

Trolls 3 – Tutti insieme – Il ritorno della Boy Band colorata – Recensione

Trolls 3 – Tutti insieme: Arriva il terzo capitolo del film di animazione della Dreamworks con protagonisti i simpatici pupazzetti canterini. In anteprima per Alice nella Città, arriva ufficialmente nelle sale italiane il 31 ottobre.

Riprendiamo le fila di dove avevamo lasciato i nostri amati Queen Poppy (doppiata in italiano da Lodovica Comello) e Branch (Stash dei The Kolors). Dopo il confronto e la scoperta del Rock, adesso si prospettano nuove sconvolgenti verità.

La storia si apre col matrimonio dei due Burges, quelle creature che in passato avevano dilaniato la popolazione dei trolls divorandoli. Dalle precedenti avventure, prima che Poppy diventasse regina, la loro alleanza aveva fatto si che si instaurasse un rapporto fraterno tra lei e Brigida.

Il matrimonio, però, viene interrotto dall’arrivo di un personaggio totalmente inaspettato: John Dory, il fratello maggiore di Brunch. Veniamo, così, a conoscenza di un dettaglio del passato dell’amato trolls: quando aveva ancora il pannolino faceva parte di una boy band insieme ai suoi fratelli.

L’arrivo di John funge da richiamo all’avventura, perché raggiunge Brunch con lo scopo di salvare Clay, un altro dei loro fratelli. La vita di Clay è in pericolo perché è tenuto in prigionia con lo scopo di estrarre da lui tutto il suo talento, così che Velvet e Veneer possano raggiungere il successo come pop star.

Cosa funziona in Trolls 3 – Tutti insieme

Il tema centrale è dunque la famiglia: sia che essa sia andata perduta o che sia un legame ancora ben saldo e presente, come nel caso di Velvet e Veneer.

Il legame tra fratelli coinvolge l’entusiasmo di Poppy, un po’ meno ci riesce con Branch per via del trauma dell’abbandono che si porta alle spalle. Il ritorno della sua famiglia, infatti, lo metterà a stretto confronto con i propri sentimenti.

L’avventura di questi piccoli eroi si concentra su tematiche di grande importanza per il target di riferimento. Stiamo, infatti, parlando di un film d’animazione che trova riscontro nel pubblico di più piccoli. Il che comporta anche una grande responsabilità riguardo i temi da trattare all’interno della pellicola.

Oltre la famiglia e i legami che si instaurano, sentimenti che molto spesso scindono il semplice legame di sangue e creano connessioni anche con chi – precedentemente – era ritenuto un nemico.

Si parla però del talento, lo abbiamo accennato brevemente ma adesso tocca approfondire anche questo aspetto. Velvet e Veneer, due gemelli che vogliono diventare delle pop star, vogliono raggiungere i loro sogni senza combattere realmente per essi. Non vi è impegno, solo furto.

I due rubano il talento di Clay, lo assorbono quasi come se fosse una sostanza in grado di creare assuefazione. Il loro successo è una farsa e non è niente di guadagnato. Qui emerge l’importanza di studiare, di scoprire le proprie passioni e di viverle come un divertentissimo gioco. In questo modo è possibile raggiunger l’armonia necessaria per poter coltivare la propria passione.

Trolls Band Together affronta le giuste tematiche per un film di animazione. Riesce a colorarsi dei toni pastellosi che da sempre hanno caratterizzato questa saga, ma si potenzia grazie alle musicalità scelte.

Theodore Shapiro, anche in questo caso, riesce a costruire una vera e propria narrazione con la scelta musicale e la traduzione in italiano rende facilmente fruibile il significato delle canzoni. Un giusto connubio che, non vi neghiamo, ha una grande capacità attrattiva anche per i bimbi un po’ più cresciuti.

Perché non guardare Trolls 3 – Tutti insieme

L’aspetto negativo è che, con buona probabilità, possiamo dire che questa pellicola non spicchi per originalità.

Il carisma dei suoi personaggi riesce a coprire molto bene questo aspetto, ma se si fosse premuto un po’ di più su questa reunion familiare si sarebbe potuto creare un contesto in grado di potersi allargare ulteriormente in vista di futuri progetti.

La storia, quindi, continua a reggersi totalmente su i due protagonisti, non facendo emergere la possibilità di creare delle narrazioni che vada al di là di Poppy e Brunch.

Il film è al cinema dal 31 ottobre con Universal Pictures.

Regia: Walt Dohrn , Tim Heitz  Con: Anna Kendrick , Justin Timberlake , Rolando Davila-Beltran , Daveed Diggs, Zooey Deschanel , Christopher Mintz-Plasse , Eric André , Kunal Nayyar , Andrew Rannells , Amy Schumer , Zosia Mamet , Kid Cudi , Troye Sivan , Ron Funches , RuPaul , Camila Cabello , Kenan Thompson Anno: 2023 Durata: 92 min. Paese: Stati Uniti Distribuzione: Universal Pictures

About Aida Picone

Guarda anche

madoff-recensione-serie

Madoff – Il mostro di Wall Street – Recensione del documentario Netflix

Madoff – Il mostro di Wall Street – Recensione del documentario Netflix Dopo aver concisamente …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.