Home / RECENSIONI / Drammatico / The Fabelmans – Il film più intimo di Steven Spielberg – Recensione

The Fabelmans – Il film più intimo di Steven Spielberg – Recensione

The Fabelmans: L’ultimo bellissimo e malinconico film di Zio Steven è ora in corsa per la bellezza di 7 statuette ai prossimi Oscar, con due preziosi 2 Golden Globe già conquistati (Miglior film drammatico e regia), nonostante i pessimi incassi al botteghino ma con il giusto favore delle critica e degli appassionati. Presentato alla Festa del Cinema di Roma.

Sammy Fabelman (Gabriel LaBelle) è un bambino di sei anni che ha paura di assistere alla sua prima proiezione cinematografica. Durante l’attesa il padre (BurtPaul Dano) cerca di rassicurarlo raccontandogli la tecnologia dietro il proiettore mentre la madre (MitziMichelle Williams) lo tranquillizza descrivendogli la meraviglia del sogno chiamato cinema. Due approcci diversi, scienza e arte, che segneranno tutta la vita di Sammy mentre il cinema cambierà per sempre la sua esistenza…ma lui questo ancora non lo sa…

Cosa funziona di The Fabelmans

Il cuore, la meraviglia del cinema, la famiglia, l’amore e la malinconia degli affetti, sono gli ingredienti principali di un film testamento della nascita di un genio della settima arte.

Superati i 76 anni Steven Spielberg decide finalmente di raccontarci la sua vita, la sua infanzia il suo ingresso nel mondo del cinema con un film intimo e assolutamente spettacolare, non nell’utilizzo di effetti speciali o twist narrativi, ma nel raccontare con delicatezza la storia della sua famiglia e i suoi ricordi.

Dalla scoperta della macchina da presa ai primi filmini con gli amici ma anche la dolorosa separazione dei genitori e il bullismo subito al college.   

Film semplice che nella sua naturalezza trova il suo miglior pregio. Spielberg parla di sé stesso ma parla anche di noi. Mettendo a nudo le fragilità umane, le delusioni e i sogni, non solo della sua generazione. Memorabile la partecipazione di David Lynch (The Elephant Man)nei panni di John Ford.

Perché non guardare The Fabelmans

Non ci sono motivi particolari per non consigliare la visione di questa meraviglia.

La realtà dei fatti è che il film ha pagato in sala le aspettative di un pubblico che pensava, ma soprattutto pretendeva, di guardare un film spettacolare da un punto di vista dell’intrattenimento. Immaginando magari qualcosa alla Hugo Cabret di Scorsese, anche questo dedicato al cinema e comunque massacrato dal pubblico al tempo d’uscita, senza accettare invece la meraviglia della semplicità.

Il coraggio di un uomo di successo di raccontare il suo amore per il cinema e per la sua famiglia, sicuramente addolcendo la narrazione, ma senza pietismi.

Il film è al cinema dal 22 Dicembre con 01 Distribution.

Regia: Steven Spielberg Con: Michelle Williams, Paul Dano, Seth Rogen, Gabriel LaBelle, Judd Hirsch, Oakes Fegley, Gabriel Bateman, Nicolas Cantu, Julia Butters, Sam Rechner, Jeannie Berlin, Robin Bartlett, Keeley Karsten Anno: 2022 Durata: 151 min. Paese: USA  Disribuzione: 01 Distribution

About Davide Belardo

Editor director, ideatore e creatore del progetto Darumaview.it da più di 20 anni vive il cinema come una malattia incurabile, videogiocatore incallito ed ex redattore della rivista cartacea Evolution Magazine, ascolta la musica del diavolo ma non beve sangue di vergine.

Guarda anche

if-gli-amici-immaginari-recensione-film-copertina

IF – Gli amici immaginari – John Krasinski dirige Ryan Reynolds in un film per tutti – Recensione

IF – Gli amici immaginari: Un film per tutta la famiglia diretto da John Krasinski, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.