Home / RECENSIONI / Animazione / Suzume – L’ennesima meraviglia di Makoto Shinkai – Recensione

Suzume – L’ennesima meraviglia di Makoto Shinkai – Recensione

Suzume: In Concorso all’ultimo Festival di Berlino, tra i candidati all’Orso d’Oro, arriva nei cinema in Italia l’ultima meravigliosa fatica del maestro dell’animazione giapponese Makoto Shinkai.

L’incontro con Sōta Munakata porterà Suzume Iwato, un’adolescente determinata, in giro per il Giappone per una disperata missione per salvare il suo paese. In grado di vedere le forze soprannaturali, è l’unica che può aiutare Sōta, trasformato nel frattempo in sedia da una dispettosa divinità, a chiudere delle misteriose porte che diffondono il caos.

Cosa funziona in Suzume

Il talento del Sensei Makoto Shinkai, e del suo team di animatori, si conferma ancora una volta fulgido e splendente con questa settima meraviglia della sua filmografia animata.

Suzume riporta ancora una volta in auge i temi cari al regista nipponico, come spiritualità e il suo sguardo rivolto alle stelle. Una narrazione che partendo dai classici dell’animazione Giapponese, basati sulle leggende del Sol Levante, si spinge fino ai miti greci.

Il viaggio di Suzume per salvare la popolazione giapponese dai terremoti, il film affronta alcuni fatti reali come il terremoto e maremoto del Tōhoku del 2011, la metterà anche al cospetto con le ferite del suo passato. Solo superando le sue paure e i suoi traumi, la nostra eroina riuscirà a salvare se stessa, i suoi cari e il suo mondo.

Rispetto ai suoi film più celebri, la nuova fatica di Shinkai, affronta temi universali con una spiccata maturità, risultando uno dei suoi lavori più profondi dal punto di vista della scrittura.

Menzione particolare, oltre che per lo splendido aspetto visivo creato dallo studio CoMix Wave Films, la merita la bellissima colonna sonora che vede la presenza della band Radwimps, che ha già collaborato con Shinkai in Your Name. e Weathering with You, insieme al compositore Kazuma Jin’no’uchi.

Perché non guardare Suzume

Il settimo lungometraggio cinematografico di Makoto Shinkai è un capolavoro di tecnica e scrittura tuttavia, il mondo è bello perchè vario e sicuramente ci saranno spettatori che avranno da ridire.

Per fare un esempio, nonostante il tema del terremoto, il film non analizza in profondità il trauma causato alla popolazione giapponese. Ma è veramente questo il suo intento? Spesso chiediamo e ci aspettiamo dagli autori letture che non fanno parte del loro progetto e questo determina le nostre delusioni.

Il film è al cinema dal 27 Aprile con Warner Bros. per Sony Pictures in collaborazione con Crunchyroll.

Regia: Makoto Shinkai Con: Hokuto Matsumura, Eri Fukatsu, Koshiro Matsumoto, Sometani Shôta, Sairi Itoh, Kotone Hanase, Kana Hanazawa, Ryûnosuke Kamiki Anno: 2022 Durata: 122 min. Paese: Giappone Distribuzione: Warner Bros Italia 

About Davide Belardo

Editor director, ideatore e creatore del progetto Darumaview.it da più di 20 anni vive il cinema come una malattia incurabile, videogiocatore incallito ed ex redattore della rivista cartacea Evolution Magazine, ascolta la musica del diavolo ma non beve sangue di vergine.

Guarda anche

japan-days-a-maggio-il-giappone-a-roma-copertina

Japan Days a maggio il Giappone a Roma

Japan Days di maggio a Roma: showcooking + eventi su Godzilla, Kiss me Licia, Hayao …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.