Home / RECENSIONI / Drammatico / Riabbracciare Parigi – Recensione del Film di Alice Winocour con Virginie Efira

Riabbracciare Parigi – Recensione del Film di Alice Winocour con Virginie Efira

Riabbracciare Parigi: in sala la toccante pellicola ispirata alla dolorosa esperienza della regista Alice Winocour il cui fratello è miracolosamente scampato alla morte durante gli attacchi terroristici del 2015 a Parigi.

Mia (Virginie Efira) è una traduttrice che vive a Parigi con il fidanzato medico Vincent. La sera del 13 novembre 2015 si trova in un locale del centro e sarà coinvolta in uno degli attentati terroristici che Parigi ha vissuto in quella terribile notte. Sopravvive con una ferita ma il terribile shock vissuto in quella prigionia durata quasi due ore le fa dimenticare quasi tutto.

Fuggita in provincia dalla madre per riprendersi dalle ferite fisiche dopo alcuni mesi Mia decide di tornare a Parigi dove iniziare il lungo percorso di risalita psichica dal trauma che la mente ha coperto con un processo di rimozione quasi totale.

Un percorso alquanto impervio quello affrontato dalla protagonista nel quale Mia annaspa tra ricordi, sensi di colpa, dolore, rappresentato dalla ricerca quasi ossessiva della persona con la quale ha passato quei tragici momenti e che ai suoi occhi è l’unica che può restituirle un barlume di pace.

Cosa Funziona in Riabbracciare Parigi

Quella proposta dalla regista Alice Winocour è una narrazione estremamente coinvolgente ma asciutta come una lama d’acciaio, come pure la sua bellissima colonna sonora che accompagna lo spettatore in un costante stato di tensione che non cede mai però ad una eccessivo sentimentalismo.

Virginie Efira costruisce una protagonista estremamente credibile, traumatizzata e tormentata dai suoi demoni ma determinata a cavalcarli e a non farsi annientare da essi. Una interpretazione splendida che è valsa nel 2022 a Virginie Efira il César per la miglior interpretazione femminile.

Perchè non guardare Riabbracciare Parigi

Emotivamente coinvolgente ma non ricattatoria, la pellicola della Winocour esplora attraverso i suoi personaggio tutte le sfumature del trauma ma nonostante ciò è adatta a tutti. Non è tuttavia forse le la scelta migliore per coloro che sono alla ricerca di un paio d’ore di puro svago al cinema.

In definitiva non possiamo che consigliare la visione di Riabbracciare Parigi, una pellicola capace di guardare in faccia la profondità della lacerazione dei sopravvissuti di un crimine violento ma anche in grado di delineare che una rinascita è possibile e che si può addirittura trovare un diamante nel trauma, come suggerisce la piccola ma potente parte interpretata dalla nostra Maya Sansa.

Riabbracciare Parigi è in uscita nelle sale italiane il 9 Novembre 2023 grazie a Movies Inspired.

Regia: Alice Winocour  Con: Virginie Efira , Benoît Magimel , Grégoire Colin , Maya Sansa, Mbow , Nastya Golubeva Carax , Souleymane Touré , Ema Zampa , Clarisse Makundul Anno: 2022 Durata: 105 min.  Paese: Francia Distribuzione: Movies Inspired 

About Felix

Guarda anche

la-morte-e-un-problema-dei-vivi-recensione-film-copertina

La morte è un problema dei vivi – Una commedia noir dalla Finlandia – Recensione

La morte è un problema dei vivi: In sala il film di Teemu Nikki, passato …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.