Home / RECENSIONI / Horror / Nessuno ti salverà – Ovvero, i nuovi ultracorpi dell’apatia in un buon horror sci-fi – Recensione

Nessuno ti salverà – Ovvero, i nuovi ultracorpi dell’apatia in un buon horror sci-fi – Recensione

Nessuno ti salverà: Un film muto, ma soprattutto, una nuova invasione degli ultracorpi, in equilibrio tra il classico (Spielberg, Shyamalan) e bagliori di aggiornamenti contemporanei (l’apatia, la disumanizzazione sociale, la tabula rasa cerebrale)

La giovane Brynn (Kaitlyn Dever) passa le giornate in una casa isolata nella campagna dove, ilare e briosa, si dedica a vari hobby. Come esce dalla propria comfort zone, ci accorgiamo che l’intera cittadina sembra odiarla profondamente. Una notte però una creatura aliena fa irruzione in casa e per Brynn inizierà una lunga lotta per la sopravvivenza. 

Cosa funziona in Nessuno ti salverà

L’aspetto più superficiale (ma non per questo scontato o banale) è che Nessuno ti salverà è un film muto. Letteralmente e coerentemente dall’inizio alla fine salvo due battute di rottura due.

Più in profondità, è una nuova Invasione degli Ultracorpi, in equilibrio tra il classico (Spielberg, ma verrebbe da dire anche Shyamalan) e bagliori di aggiornamenti contemporanei (l’apatia, la disumanizzazione sociale, la tabula rasa cerebrale), con un bel finale nichilista.

Perché non guardare Nessuno ti salverà

Sfruttare il silenzio come leitmotiv narrativo generante tensione non è certo cosa nuova e “A Quiet Place” è lì a ricordarcelo. Ma è solo una delle tante soluzioni già viste che attraversano tutta la battaglia per la sopravvivenza di Brynn, costellata di situazioni e idee abusate e di una tensione generale che non vale la sola scena dell’assedio di “Incontri ravvicinati del terzo tipo”.

Insomma, se il film riserva qualche novità non è di certo nella forma, ma in una sostanza che si palesa nel finale. Perché non c’è nulla che possa o debba sostituire l’autenticità del sentimento, di qualunque natura esso sia. Le ombre della spersonalizzazione e dell’incomunicabilità attraversano il film con fare sinistro, ma sia chiaro: si tratta di bagliori (nel buio) in un b movie avvincente e interessante ma non memorabile.

Il film è disponibile dal 22 Settembre su Disney+.

Regia: Brian Duffield Con: Kaitlyn Dever, Zack Duhame, Geraldine Singer. Anno: 2023 Durata: 93 min. Paese: USA Distribuzione: Disney+

About Raffaele Mussini

Appassionato di cinema a 360°, bulimico di visioni fin da piccolo. Si laurea in Marketing, per scoprire solo qualche anno più tardi che la sua vocazione è la scrittura. Pubblica così due romanzi e un saggio di cinema, "In ordine di sparizione - Più di duecento film che forse non avete mai visto o che avete dimenticato", edito da Corsiero Editore. Sta lavorando a un quarto libro, ma nel poco tempo libero il cinema combatte duramente per farsi strada e conquistarsi il primato tra le sue passioni. Ama Malick, Scorsese e Mario Bava, tra i tantissimi, con una predilezione per l'horror e per il noir d'altri tempi.

Guarda anche

if-gli-amici-immaginari-recensione-film-copertina

IF – Gli amici immaginari – John Krasinski dirige Ryan Reynolds in un film per tutti – Recensione

IF – Gli amici immaginari: Un film per tutta la famiglia diretto da John Krasinski, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.