Home / RECENSIONI / Horror / Insidious – La porta rossa – L’ultimo capitolo ora in sala – Recensione

Insidious – La porta rossa – L’ultimo capitolo ora in sala – Recensione

Insidious – La porta rossa: diretto per la prima volta dall’attore protagonista Patrick Wilson, questo quinto capitolo del franchise riprende la storia regolare interrotta con Oltre i confini del male – Insidious 2, al cinema in Italia dal 5 luglio 2023 grazie alla distribuzione di Sony Pictures

Dopo aver esplorato il passato con due prequel, la saga di Insidious torna regolare, con la famiglia Lambert che decide di andare da uno psicanalista per dimenticare il terribile viaggio nell’altrove.

Una cura che sembra avere successo, almeno per nove anni, quando dopo un funerale lo spaventoso passato torna a farsi vivo…

Cosa funziona in Insidious – La porta rossa

Saga horror iniziata nel 2010 grazie alla direzione di un esperto del genere come James Wan e la sceneggiatura di Leigh Whannell, i creatori della saga, il franchise è dunque arrivato al quinto lungometraggio, ma come accennato dalla sinossi due di questi sono film ambientati prima del capitolo iniziale.

La trama di Insidious – La porta rossa si può riassumere anche così: i sopravvissuti della famiglia Lambert grazie alla terapia hanno dimenticato di aver conosciuto i demoni e gli spiriti del passato, ma quando questi si rifaranno “vivi” dovranno cominciare a ricordare tutto quanto non solo per capire cosa gli sta succedendo, ma anche per trovare un modo per fermarli definitivamente.

Questo quinto capitolo, diretto da Patrick Wilson (al suo esordio come regista), il quale rimane al tempo stesso l’attore principale della pellicola, risulta godibile anche per coloro che non hanno ancora avuto tempo e modo di vedere i precedenti quattro lungometraggi.

La regia di Wilson è convincente, ci sono diversi jumpscare di buon livello oltre a un’atmosfera molto tenebrosa e spettrale con l’aggiunta di un pizzico di ilarità, ossia quando viene mostrato il bizzarro e a volte perverso mondo delle confraternite universitarie.

Ottima la versione italiana diretta da Roberto Gammino (già direttore di Oltre i confini del male – Insidious 2 ed Insidious 3 – L’inizio) che mantiene gli stessi doppiatori già presenti nei precedenti film su diversi personaggi, come Riccardo Rossi (Josh Lambert), Francesca Fiorentini (Renai Lambert), Melina Martello (Elise Rainier), Simone Mori (Tucker), Tito Marteddu (Foster Lambert) ed Angelo Maggi (Carl), con l’aggiunta di grandi professionisti come Tommaso Di Giacomo (Dalton Lambert), Alice Venditti (Chris Winslow), Antonella Giannini (Professoressa Armagan), Mirko Cannella (Nick) e Roberto Fidecaro (Professor Bower).

Perché non guardare Insidious – La porta rossa

Come accennato prima, questa sorta di racconto a ritroso sarà utile per i neofiti ma probabilmente poco gradito agli esperti che magari si aspettavano di vedere una storia del tutto nuova, senza troppe ripetizioni.

Il film è al cinema dal 5 Giugno 2023 con Eagle Pictures.

Regia: Patrick Wilson Con: Ty Simpkins, Patrick Wilson, Hiam Abbass, Sinclair Daniel, Andrew Astor, Rose Byrne, Mary Looram, Tom Toland, Lin Shaye Anno: 2023 Durata: 107 min. Paese: USA Distribuzione: Eagle Pictures

About Valerio Brandi

Guarda anche

le-avventure-del-piccolo-nicolas-recensione-film-copertina

Le avventure del piccolo Nicolas: come è nato il bambino di Sempé e Goscinny – Recensione

Le avventure del piccolo Nicolas è il primo film d’animazione dedicato all’iconico personaggio creato negli …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.