Home / RECENSIONI / Animazione / Il Castello Invisibile – Il fenomeno editoriale diventa Anime – Recensione

Il Castello Invisibile – Il fenomeno editoriale diventa Anime – Recensione

Il Castello Invisibile: in sala per un evento speciale l’11, 12 e 13 Settembre, grazie a Anime Factory, la trasposizione cinematografica dal romanzo omonimo di Mizuki Tsujimura, fenomeno editoriale in patria da oltre mezzo milione di copie vendute ed edito in Italia da De Agostini.

La piccola Kokoro ha soli tredici anni eppure non esce più dalla sua stanza, ha infatti deciso di non frequentare più la scuola media perchè è bullizzata dalle compagne che la seguono fino a casa pur di tormentarla.

Improvvisamente scopre che lo specchio della sua stanza è un portale capace di trasportarla in un castello misterioso in compagnia di sei suoi coetanei e di una bambina travestita da lupo. E’ l’inizio di una straordinaria avventura che cambierà per sempre le loro vite.

Cosa funziona ne Il Castello Invisibile

Se per molti l’adolescenza è un momento meraviglioso, sicuramente così non è per Kokoro e per i suoi compagni di avventura che vivono la vita scolastica come un incubo da cui sfuggire in tutti modi. Perfino un castello in cui c’è il rischio di essere divorati da un lupo è meglio della spaventosa quotidianità vissuta insieme a compagni crudeli.

Il regista di The Wonderland riconferma la sua fascinazione per il mondo fiabesco portando lo spettatore in favola moderna, colma di citazioni tra cui Alice nel Paese delle MeraviglieCappuccetto Rosso, rappresentando in questo film di animazione una serie di incubi fra i più diffusi per i giovani di oggi come di ieri.

Splendide le musica di Harumi Fuuki, che rinnova la sua collaborazione con il regista dopo il già citato The Wonderland, mentre l’animazione è affidata al prestigioso studio di animazione giapponese A-1 Pictures, famoso per successi come Sword Art Online e Blue Exorcist.

Perchè non guardare Il Castello Invisibile

Candidato come Miglior Film d’Animazione ai Japan Academy Prize del 2023, Keiichi Hara con Il Castello Invisibile tenta di ricalcare le atmosfere evocative dei più blasonati maestri della animazione digitale giapponese, Hayao Miyazaki e Makoto Shinkai fra tutti, senza riuscire a eguagliarli nè nella resa estetica che nella capacità di costruzione narrativa ma portando comunque un pò di magia nelle nostre vite nelle sue due ore di durata.

Il Castello Invisibile è in uscita nelle sale italiane per un evento speciale l’11, 12 e 13 settembre 2023 grazie a Anime Factory, etichetta di proprietà di Plaion Pictures Italia.

Regia: Keiichi Hara, Takakazu Nagatomo Anno: 2022 Durata: 116 min. Paese: Giappone Distribuzione: Anime Factory.

About Felix

Guarda anche

if-gli-amici-immaginari-recensione-film-copertina

IF – Gli amici immaginari – John Krasinski dirige Ryan Reynolds in un film per tutti – Recensione

IF – Gli amici immaginari: Un film per tutta la famiglia diretto da John Krasinski, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.