i-vendicatori-the-retaliators-recensione-dvd-copertina
Home / HOME VIDEO / I vendicatori – The Retaliators – Recensione del film in DVD

I vendicatori – The Retaliators – Recensione del film in DVD

I vendicatori – The Retaliators: horroraccio low budget con qualche buona idea ora in DVD con Blue Swan Entertainment e la distribuzione di Eagle Pictures.

John Bishop è un pastore vedovo con due figlie. Un giorno l’adolescente Sarah, la più grande tra le due, viene rapita e uccisa da un criminale invischiato in un giro di droga. L’uomo cade in una disperazione che presto si tramuta in furia vendicativa e, nell’intento di cercare il colpevole, si imbatte in un sottobosco fatto di depravazione e violenza.

I vendicatori – The Retaliators, horror low budget passato in totale sordina, si palesa fin dall’inizio: l’approccio è “metal” (come la colonna sonora), grossier eppure predicatorio (l’invito a non porgere l’altra guancia sconfina, nella seconda parte, in una propaganda della violenza spudorata, da ideologia testosteronica americana bassa).

Film grezzissimo, rozzo e sgraziato questo, con un’idea di fondo finanche appetibile (verso metà c’è una svolta interessante), vanificata però da una messa in scena cafona e senza regia. Al pollice basso contribuisce anche una sceneggiatura grossolana, che taglia i personaggi con l’accetta (la caratterizzazione del prete rasenta l’imbarazzo) e non lascia spazio alla tensione. Oltretutto, lo splatter è confinato negli ultimi venti minuti e il tentativo di intavolare un discorso moralista blando.

Adatto a chi ha bassissime pretese e scarsissimi termini di paragone nel genere.

Disponibile in DVD per la distribuzione di Eagle Pictures, I vendicatori – The Retaliators, arriva sul nostro mercato in una edizione con video sufficentemente dettagliato e definito e un 5.1 Dolby Digital (Italiano e Inglese) per l’audio. Extra assenti. Il minimo sindacale come da produzione Blue Swan Entertainment.

About Raffaele Mussini

Appassionato di cinema a 360°, bulimico di visioni fin da piccolo. Si laurea in Marketing, per scoprire solo qualche anno più tardi che la sua vocazione è la scrittura. Pubblica così due romanzi e un saggio di cinema, "In ordine di sparizione - Più di duecento film che forse non avete mai visto o che avete dimenticato", edito da Corsiero Editore. Sta lavorando a un quarto libro, ma nel poco tempo libero il cinema combatte duramente per farsi strada e conquistarsi il primato tra le sue passioni. Ama Malick, Scorsese e Mario Bava, tra i tantissimi, con una predilezione per l'horror e per il noir d'altri tempi.

Guarda anche

mya-sogno-da-vivere-recensione-film-copertina

Mya – Un sogno da vivere – Il ritorno al cinema di Moccia – Recensione

Mya – Un sogno da vivere è il nuovo film da regista di Federico Moccia, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.