Home / RECENSIONI / Azione / Hunger Games – La ballata dell’usignolo e del serpente – Recensione del prequel della Saga

Hunger Games – La ballata dell’usignolo e del serpente – Recensione del prequel della Saga

Hunger Games – La ballata dell’usignolo e del serpente: Ora al cinema il Prequel della celebre saga con protagonista Jennifer Lawrence.

Abbiamo già visto cosa è successo a Panem dalla settantaquattresima edizione degli Hunger Games in poi, e attraverso i suoi protagonisti, come Katniss Everdeen e Peeta Mellark abbiamo saputo i motivi che hanno portato a questa moderna versione degli scontri (o meglio massacri) del Colosseo, ma cosa è successo prima?

Ci sarebbe dunque tanto da raccontare, e tanto da mostrare, e perché non partire dal più grande nemico della seconda ribellione? Questa nuova storia parte quindi con il giovanissimo Coriolanus Snow (Dexter Sol Ansell), che durante la prima ribellione ha sofferto la fame come un qualunque abitante dei distretti, e ha visto la sua famiglia perdere quasi tutte le ricchezze per sopravvivere.

Finito il conflitto la tranquillità è tornata ma non la prosperità per la famiglia Snow che cerca di nascondere i problemi come meglio può agli occhi delle altre opulente famiglie della capitale.

Una speranza per il diciottenne Coriolanus (Tom Blyth) si prospetta attraverso la vincita di un premio scolastico, peccato per lui che Decano Casca Highbottom (Peter Dinklage) ha altri piani: la borsa di studio non andrà più allo studente con i migliori voti ma al miglior mentore dei tributi dei decimi Hunger Games.

E a Coriolanus tocca Lucy Gray Baird (Rachel Zegler), ragazza proveniente dal distretto 12: insomma, la peggior candidata possibile, oppure no?

Cosa funziona in Hunger Games – La ballata dell’Usignolo e del Serpente

Cambiano gli attori (per ovvi motivi) ma non chi dirige: il regista è ancora una volta Francis Lawrence, e questo lungometraggio ha di nuovo come soggetto il lavoro di Suzanne Collins, perché basato sul romanzo Ballata dell’usignolo e del serpente, pubblicato in Italia nel 2020 grazie ad Arnoldo Mondadori Editore e con la traduzione di Simona Brogli.

Rispetto alla quadrilogia di grande successo troviamo un film che non risparmia crudeltà e violenza, e ci ripropone personaggi stravaganti e pieni di vera malvagità, come la dottoressa Volumnia Gaul interpretata da una straordinaria Viola Davis.

Essendo ambientato oltre mezzo secolo prima degli eventi del primo romanzo abbiamo un’ambientazione che ci regala novità, perché Capitol City non è certo la città futuristica di cui abbiamo letto e visto in passato. È molto più anni cinquanta, con i postumi del dopoguerra, con Tv a tubo catodico e con qualche elemento steampunk come i primi prototipi di droni e personal computer.

Perché non guardare Hunger Games – La ballata dell’Usignolo e del Serpente

Tom Blyth, al suo primo ruolo cinematografico da protagonista, alla fine convince come erede di Donald Sutherland ma appunto ci mette un po’ a conquistarci perché per gran parte del lungometraggio la sua caratterizzazione sembra un po’ edulcorata rispetto al personaggio originale.

Convince poco o nulla Rachel Zegler, scelta probabilmente per il fatto che il personaggio anche nel romanzo si mette spesso e volentieri a cantare ma la sua prestazione canora non è ancora una volta all’altezza della situazione, forse anche meno rispetto al remake di West Side Story perché in certi momenti ricorda un po’ Kate Graham in Poultrygeist: Night of the Chicken Dead, e chi sa come sono fatti i film della Troma può benissimo immaginare l’imbarazzo dello spettatore nel vedere tali scene.

Il film è al cinema da mercoledì 15 Novembre 2023 con Notorious Pictures.

Regia: Francis Lawrence Con: Rachel Zegler , Tom Blyth , Peter Dinklage , Hunter Schafer, Jason Schwartzman , Viola Davis , Laurel Marsden , Josh Andrés Rivera , Ashley Liao , Mackenzie Lansing , Lilly Maria Cooper , Sofia Sanchez , Clemens Schick , Fionnula Flanagan , Athena Strates , Florian Burgkart , Ayomide Adegun , Max Raphael , Emma Frieda Brüggler , Yalany Marschner , Flora Thiemann , Zoe Renee , Michael P. Greco , Irene Böhm , Knox Gibson , Kjell Brutscheidt , Dimitri Abold , Nick Benson , Cameron MacConomy , Scott Folan , Burn Gorman , Mona Vojacek Koper , Carl Spencer (II) , George Somner Anno: 2023 Durata: 165 min. Paese: Stati Uniti Distribuzione: Notorious Pictures

About Valerio Brandi

Guarda anche

la-morte-e-un-problema-dei-vivi-recensione-film-copertina

La morte è un problema dei vivi – Una commedia noir dalla Finlandia – Recensione

La morte è un problema dei vivi: In sala il film di Teemu Nikki, passato …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.