Home / RECENSIONI / Horror / Five Nights at Freddy’s – Attento ai pupazzi! – Recensione

Five Nights at Freddy’s – Attento ai pupazzi! – Recensione

Five Nights at Freddy’s è il primo adattamento cinematografico dell’omonima serie di videogiochi horror con protagonista Josh Hutcherson, attore rimasto celebre per aver interpretato Peeta Mellark nella fortunata saga di Hunger Games

Mike Schmidt (Josh Hutcherson) è un ragazzo sulla trentina che vive da solo con la sua giovanissima sorellina Abby (Piper Rubio) ma potrebbe presto restare da solo, perché fa fatica a mantenersi un lavoro per via di alcuni atteggiamenti sbagliati dovuti a un terribile trauma subito da bambino, e proprio per questa serie di motivi sua zia Jane (Mary Stuart Masterson) vorrebbe togliergli l’affidamento della bambina.

L’ultima spiaggia per non farsela portare via è accettare un lavoro come guardia notturna al Freddy’s, un locale per famiglie con protagonisti animali animatronici chiuso da anni, ma non ancora venduto o demolito perché il proprietario è un tipo nostalgico e non vuole assolutamente privarsene.

Mike comincia a lavorare, ma si accorge presto già dalla sua seconda notte che gli inquietanti pupazzi antropomorfi non sono normali…

Cosa funziona in Five Nights at Freddy’s

Era il 2014 quando Scott Cawthon diede vita a questa orrorifica storia videoludica, raggiungendo in breve tempo un enorme successo, tanto da veder realizzati non solo numerosi sequel e spin-off del suo videogioco, ma anche tanto merchandising, libri e oggi anche un lungometraggio live-action (in cui lo stesso Cawthon ha collaborato alla sceneggiatura), in modo da far conoscere questo inquietante mondo anche a chi non è un grande appassionato di videogame.

Dopo una produzione travagliata dovuta a cambi di regia e di copione Five Nights at Freddy’s è dunque finalmente al cinema in tutto il mondo, con la regia di Emma Tammi che ci ha mostrato una storia molto fedele a quella dei videogiochi originali e con l’introduzione dei suoi principali protagonisti, cambiando però alcune cose in modo da poter regalare anche agli appassionati seguaci di questo franchise un po’ di novità oltre alla spaventosa adrenalina dovuta alle fulminanti apparizioni di questi animali antropomorfi animatronici.

C’è poi chi, come sopra accennato, andrà al cinema a vedere Five Nights at Freddy’s completamente da zero, attratto dalla sinossi sui pupazzi animatronici assassini, perché magari ha davvero mangiato in locali come quello del Freddy’s o semplicemente ne ha sentito parlare in maniera convenzionale o quasi (vi ricordate il Lester’s Possum Park di In viaggio con Pippo?) e probabilmente resterà soddisfatto, perché questo nuovo film di Emma Tammi non è solo un horror molto ben riuscito, inquietante ma adatto anche a chi non è abituato film spaventosi troppo pesanti, ma è una storia che oltre a regalarci un bel colpo di scena finale parla in maniera ideale di famiglia e traumi giovanili da risolvere con l’aiuto di quest’ultima e di nuovi amici.

In tempi inondati dalla CGI, bella o brutta che sia, Five Nights at Freddy’s ci regala un po’ di buon cinema artigianale di una volta con l’utilizzo di veri pupazzi animatronici in gran parte delle sequenze affiancati da un buon cast di attori in carne e ossa, che oltre a quelli già citati nella sinossi vede anche la presenza di Elizabeth Lail, adorabile Anna di Arendelle nella serie TV C’era una volta.

Perché non guardare Five Nights at Freddy’s

Questa prima trasposizione cinematografica del franchise di Scott Cawthon (sembra che i sequel siano già in lavorazione) sarà piaciuta a tanti (del resto in patria ha già incassato molto bene, quindi ha già generato molti utili ricordando un po’ il successo di Insidious – La porta rossa) ma naturalmente a tutti, che magari si aspettavano di più dal punto di vista dell’originalità, rimpiangendo il fatto che tra le scelte scartate per questo lungometraggio c’era perfino un grande regista come Chris Columbus.

Five Nights at Freddy’s è uscito in ANTEPRIMA il 31 ottobre ed è disponibile dal 2 novembre al cinema con Universal Pictures.

Regia: Emma Tammi Con: Josh Hutcherson, Piper Rubio, Elizabeth Lail, Matthew Lillard, Mary Stuart Masterson, Kat Conner Sterling, Kellen Goff Anno: 2023 Durata: 109 min. Paese: USA Distribuzione: Universal Pictures

About Valerio Brandi

Guarda anche

if-gli-amici-immaginari-recensione-film-copertina

IF – Gli amici immaginari – John Krasinski dirige Ryan Reynolds in un film per tutti – Recensione

IF – Gli amici immaginari: Un film per tutta la famiglia diretto da John Krasinski, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.