Home / RECENSIONI / Drammatico / Fingernails – Una diagnosi d’amore – Jessie Buckley e Riz Ahmed tra amore e scienza – Recensione

Fingernails – Una diagnosi d’amore – Jessie Buckley e Riz Ahmed tra amore e scienza – Recensione

Fingernails: l’opera seconda di un allievo di Yorgos Lanthimos, di cui si vedono tracce soprattutto nel comportamento dei personaggi. Presentato alla Festa del cinema di Roma 2023, è disponibile su Apple Tv+ dal 3 novembre.

Anna (Jessie Buckley) è un’insegnante in una relazione stabile con Ryan (Jeremy Allen White) che fa un mestiere che lo porta spesso ad essere distante fisicamente e mentalmente. La loro relazione è stata certificata da un test, che, dopo l’estrazione dolorosa di un’unghia, ha confermato il loro rispettivo innamoramento.

Qualcosa non torna per Anna che, per vederci più a fondo, accetta un lavoro presso l’Istituto dell’Amore, dove avvengono questi test. Qui lavora fianco a fianco con Amir (Riz Ahmed) , di cui presto si invaghisce.

Cosa funziona in Fingernails

Nella sua opera prima, Apples, Christos Nikou raccontava di una pandemia di amnesia, in cui il suo protagonista doveva ritrovare il modo di funzionare in modo “normale”. Ritornare ad essere abile attraverso la riabilitazione medica.

Anche in questa seconda opera i protagonisti hanno bisogno di un giudizio esterno per essere certi delle proprie emozioni. Come in The Lobster, del maestro Lanthimos, l’amore è il motore della vicenda, per essere accettabili bisogna essere in coppia, e la coppia deve essere stabile.

Tanto è importante questo status che Amir si inventa una relazione pur di non essere etichettato diversamente. La recitazione è forzatamente distaccata e poco emotiva, ma nonostante tutto si percepisce la passione. Alcuni elementi di cultura pop vengono inseriti per rendere l’atmosfera meno cupa, con diversi riferimenti alla musica anni’80.

Perché non guardare Fingernails

Che l’amore sia complicato lo sa chiunque abbia intrapreso o cercato di intraprendere una storia di relazione di coppia. Avere la certezza di essere amati e amare data da fonti esterne sarebbe sicuramente un sollievo per molti.

Ciò che fa pensare è il dolore che bisogna affrontare per avere questa certezza: farsi estrarre un’unghia intera come accade nei film di spionaggio ai prigionieri che hanno qualche informazione utile. Sottoporsi a una tortura di questo tipo piuttosto che affrontare le proprie emozioni è forse qualcosa che il film ci suggerisce di analizzare.

Il film è stato presentato nella sezione Grand Public della Festa del cinema di Roma 2023 ed è disponibile su Apple TV+ dal 3 novembre.

Regia: Christos Nikou Con: Jessie Buckley, Riz Ahmed, Jeremy Allen White, Luke Wilson Anno: 2023 Durata: 113 min. Paese: USA Distribuzione: Apple TV+

About A V

Guarda anche

le-avventure-del-piccolo-nicolas-recensione-film-copertina

Le avventure del piccolo Nicolas: come è nato il bambino di Sempé e Goscinny – Recensione

Le avventure del piccolo Nicolas è il primo film d’animazione dedicato all’iconico personaggio creato negli …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.