Home / RECENSIONI / Avventura / Dungeons & Dragons – L’onore dei ladri – Quando il gioco diventa un Film – Recensione

Dungeons & Dragons – L’onore dei ladri – Quando il gioco diventa un Film – Recensione

Dungeons & Dragons – L’onore dei ladri riporta al cinema dopo una lunga attesa il celebre gioco di ruolo nato nell’ormai lontano 1974, un risultato decisamente migliore dei precedenti adattamenti live-action e che fa ben sperare per una nuova saga fantasy cinematografica.

In un fantastico mondo vive Edgin Darvis (Chris Pine). Qual è la sua storia, per farla breve?

Un tempo apparteneva alla gilda degli arpisti ma dopo che ha subito un terribile lutto ha deciso di rinunciare alla rettitudine ed intraprendere la “carriera” di ladruncolo. Una sorta di vendetta al mondo crudele che gli aveva tolto la cosa più preziosa della sua vita.

L’esistenza da ladro procede senza troppi intoppi, affiancato da compagni fidati come Holga Kilgore (Michelle Rodriguez), Simon Aumar (Justice Smith) e Forge Fitzwilliam (Hugh Grant), almeno finché non viene a conoscenza di un artefatto magico capace perfino di riportare in vita le persone.

Il colpo della vita in tutti i sensi ma le cose su questo punto sembrano andare proprio male, il furto fallisce e lui ed Holga vengono arrestati.
Dopo due anni di prigionia hanno la possibilità di essere di nuovo liberi e di provare a riprendersi tutto quanto. Ci riusciranno?

Cosa funziona in Dungeons & Dragons – L’onore dei ladri

Sin dal momento in cui Dungeons & Dragons – L’onore dei ladri è stato annunciato il “giocatore fantasy” è tornato a sognare o almeno a sperare al cinema con il suo gioco preferito, dato che l’ultima trasposizione live-action sul grande schermo di questo celebre gioco di ruolo è vecchia quasi un quarto di secolo e soprattutto non è mai stata gradita dalla maggioranza sia dagli affezionati giocatori ma anche dai semplici appassionati del genere fantasy.

Speranza che si è rivelata ben presto decisamente una certezza perché Dungeons & Dragons – L’onore dei ladri si è rivelato un film convincente per la maggior parte di queste due categorie di spettatori: per quel che riguarda gli assidui giocatori, grandi e piccini, sarà una vera e propria immersione in una delle tante storie che i loro dadi hanno contribuito a creare, così come non mancheranno i riferimenti all’unica opera audiovisiva veramente apprezzata del franchise prima di questo film, ossia la serie animata del 1983, mentre per coloro che non si sono mai seduti a un tavolo da gioco di Dungeons & Dragons il divertimento non mancherà, perché il nuovo film diretto da da Jonathan Goldstein e John Francis Daley è intrigante e avvincente, a tratti commovente, ma anche molto divertente. Del resto questi registi in passato hanno sceneggiato un piccolo doppio capolavoro di commedia di nome Come ammazzare il capo… e vivere felici!

Ci saranno dunque buone risate nel corso della storia ma dirette coi tempi giusti per non rovinare i momenti veramente seri e drammatici legati ai protagonisti positivi di questa storia in cui è molto facile immedesimarsi (non solo Edgin ed Holga ma anche Kira, interpretata da Chloe Coleman) o provare ammirazione (l’eroico Xenk che ha il volto di Regé-Jean Page).

Un lungometraggio assolutamente da vedere ma anche sentire, grazie al grande lavoro del dialoghista e direttore di doppiaggio Massimo Giuliani che ha avuto al suo fianco in questa avventura eccellenti voci come Stefano Crescentini (Edgin), Alessia Amendola (Holga), Simone D’Andrea (Xenk), Alex Polidori (Simon Aumar), Luca Ward (Hugh Grant), Veronica Benassi (Doric), Ilaria Pellicone (Kira) e Christian Iansante (Marlamin).

Perché non guardare Dungeons & Dragons – L’onore dei ladri

Un fantasy apprezzato da molti ma naturalmente non da tutti. Il semplice fruitore del genere potrebbe vedere in Dungeons & Dragons – L’onore dei ladri un qualcosa di già fin troppo visto e qualche appassionato giocatore di ruolo magari non avrà gradito le licenze poetiche usate appositamente per questo lungometraggio, come il fatto che un druido non può trasformarsi in un Orsogufo dato che si tratta di una bestia magica frutto di un incrocio tra due creature.

Al cinema dal 29 Marzo con Eagle Pictures su licenza Paramount Pictures.

Regia: John Francis Daley, Jonathan Goldstein Con: Chris Pine, Michelle Rodriguez, Regé-Jean Page, Justice Smith, Sophia Lillis, Hugh Grant, Chloe Coleman, Daisy Head, Nicholas Blane, Kyle Hixon, Spencer Wilding, Will Irvine, Bryan Larkin, Sarah Amankwah, Colin Carnegie, John Francis Daley Anno: 2023 Durata: 134 min. Paese: USA Distribuzione: Eagle Pictures

About Valerio Brandi

Guarda anche

eric-recensione-serie-tv

Eric – Recensione della serie tv di Netflix

Eric: Recensione della serie tv Netflix con un grande Benedict Cumberbatch Oggi recensiamo, con grande …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.