Home / RECENSIONI / Azione / Blue Beetle: l’esordio di Jaime Reyes al cinema – Recensione

Blue Beetle: l’esordio di Jaime Reyes al cinema – Recensione

Blue Beetle: primo adattamento (sul grande schermo) live-action dedicato a Jaime Reyes, il terzo possessore dei poteri dello scarabeo blu, un personaggio apparso per la prima volta nei fumetti nel 2006 grazie alla mente di Keith Giffen e John Rogers e ai disegni di Cully Hamner, al cinema dal 17 agosto 2023 distribuito da Warner Bros Pictures Italia

A Palmera City è appena tornato il giovane Jaime Reyes (Xolo Maridueña), fresco di laurea in giurisprudenza.

Un percorso universitario che lo ha tenuto lontano dai problemi della sua famiglia, ormai in bancarotta, soprattutto da quando Victoria Kord (Susan Sarandon) ha acquistato gran parte delle strutture e delle attività della cittadina.

Una volta saputa la verità, cerca anche lui di darsi da fare il più possibile per tentare un miracolo finanziario. Purtroppo, con i lavoretti umili sembra ottenere ben poco. Deve puntare a diventare avvocato per la Kord, o al limite, occuparsi di uno strano scarabeo blu…

Cosa funziona in Blue Beetle

Secondo lungometraggio in lingua inglese per Ángel Manuel Soto, regista portoricano che si affaccia dunque per la prima volta al cinema pop introducendo in un live-action cinematografico (in tv era già apparso grazie a Smallville, ed interpretato da Jaden Brandt Bartlett) un personaggio abbastanza di nicchia ma neanche del tutto sconosciuto.

Come tanti altri personaggi dell’Universo DC Comics, Blue Beetle ha avuto più di un alter ego, e il più giovane ed innovativo è senza dubbio l’ultimo, appunto Jaime Reyes, versione che sempre per restare in tema dell’audiovisivo più che con Smallville ha avuto un vero risalto grazie alla meravigliosa serie animata Young Justice, dato che è uno dei personaggi più importanti dell’intera seconda stagione.

E proprio gli appassionati della creatura ideata da Brandon Vietti e Greg Weisman potranno maggiormente apprezzare i poteri di questo nuovo Blue Beetle perché, trasformazione in scarabeo a parte, sono pressoché identici e al tempo stesso regalano una buona adrenalina nella maggior parte delle scene d’azione presenti in questo lungometraggio, a cui va aggiunta anche un po’ di commozione, purtroppo limitata e anche tardiva, ma comunque presente.

Difficile poi pensare oggi a un interprete diverso per il personaggio, perché Xolo Maridueña è sicuramente uno dei più noti e talentuosi attori latinoamericani della sua generazione, avendo anche lui contribuito con pieno merito al rilancio del mito di Karate Kid grazie alla formidabile serie Tv contemporanea Cobra Kai.

Completano il cast non solo la già citata e leggendaria Susan Sarandon ma anche altri elementi latini di assoluto valore come Adriana Barraza González (Nana Reyes), Elpidia Carrillo (Rocío Reyes), Bruna Marquezine (Jenny Kord), George Lopez (Rudy Reyes) senza dimenticare Raoul Trujillo, lui non latino ma di origini native americane, e noto caratterista soprattutto per quel che riguarda i personaggi particolarmente possenti e prestanti, e infatti in Blue Beetle lo vediamo interpretare uno scagnozzo alquanto… indistruttibile!

Molto buona anche la versione italiana diretta da Alessio Puccio, con i dialoghi di Marco Liguori, l’assistenza al doppiaggio di Roberta Schiavon, Lorenzo Del Bufalo come fonico di doppiaggio e Marco Ippoliti come fonico di mix, e le voci di Lorenzo Crisci (Jaime Reyes/Blue Beetle), Rossa Caputo (Milagro Reyes), Giulia Franceschetti (Jenny Kord), Stefano Thermes (Rudy Reyes), Eugenio Marinelli (Alberto Reyes), Anna Rita Pasanisi (Victoria Kord), Tiziana Avarista (Rocío Reyes) e Saverio Indrio (Carapax).

Penultimo film del DC Extended Universe prima del totale riavvio di James Gunn, o forse sarebbe meglio definirlo come “lungometraggio indipendente in attesa di collocazione”?

Questo perché Blue Beetle è decisamente il primo film post addio di Snyder che non presenta neanche un minimo riferimento ai personaggi o alle situazioni viste nei primi quattro capitoli più la Zack Snyder’s Justice League.

Sì, vengono nominati Superman e Batman, ma non solo non compaiono gli attori, ma neanche controfigure con addosso i loro costumi.

Potrebbero essere gli eroi pensati da Snyder, o quelli che ha in serbo Gunn per il futuro, o semplicemente quelli presenti nell’universo specifico di questo Jaime Reyes, e nulla più.

Una soluzione intelligente per non precludere nuovi utilizzi di questo personaggio in futuro, una scelta molto più logica rispetto al finale di The Flash.

Perché non guardare Blue Beetle

Tolte le scene in cui il protagonista mette in mostra i suoi poteri, e qualche momento di dramma familiare, Blue Beetle è un altro film difficile da digerire e da portare a termine, sia per l’eccessivo utilizzo di una comicità demenziale che ricorda sia i Marvel Studios che “El Chapulìn Colorado” o se preferite, l’Uomo Ape dei Simpson, ma soprattutto per continui messaggi politici pieni solo di retorica e faziosità, come la battuta “Batman è fascista”, che dopo la visione totale della pellicola risulta essere soltanto un insulto gratuito e senza senso, nata solo per aizzare gli animi o per via una totale ignoranza nei confronti dell’iconico personaggio creato da Bill Finger e Bob Kane.

Chissà se ci sarà un seguito, tutto dipende non solo dagli incassi ma anche dal volere di Gunn, in quel caso si spera in una storia senza più retorica ed istigazione al vandalismo iconoclasta, ma basata sul reale potenziale che questo personaggio in passato ci ha già mostrato, tra fumetti e serie televisive.

Il film è al cinema dal 17 Agosto con Warner Bros.

Regia: Angel Manuel Soto Con: Xolo Mariduena, Adriana Barraza, Damián Alcázar, Elpidia Carrillo, Bruna Marquezine, Raoul Max Trujillo, Susan Sarandon, George Lopez, Harvey Guillen, Belissa Escobedo, Jorge Jimenez Anno: 2023 Durata: 127 min. Paese: USA, Messico Distribuzione: Warner Bros Italia

About Valerio Brandi

Guarda anche

antonia-recensione-serie-tv-copertina

Antonia – Recensione dei primi tre episodi della nuova serie Prime Video

Antonia è una nuova serie dramedy diretta da Chiara Malta, scritta da Elisa Casseri, Carlotta …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.