Home / RECENSIONI / Avventura / Asteroid City – Sempre Wes Anderson, ma con un po’ di esistenzialismo – Recensione

Asteroid City – Sempre Wes Anderson, ma con un po’ di esistenzialismo – Recensione

Asteroid City arriva in sala dopo la presentazione all’ultimo Festival di Cannes. Stavolta il regista americano ha uno sguardo più introspettivo.

Asteroid City si svolge in un’immaginaria città americana nel deserto nel 1955: L’itinerario di una convention di giovani astronomi e cadetti spaziali (organizzata per riunire studenti e genitori di tutto il paese per una competizione accademica e di affiatamento) viene spettacolarmente sconvolto da eventi che cambiano il mondo.

Cosa funziona in Asteroid City

Anche in questo film troviamo lo stile registico classico a cui Wes Anderson (The French Dispatch) ci ha abituato: inquadrature simmetriche, movimenti di macchina rigidi e essenziali (carrello laterale, zoom avanti) e colori molto accesi.

Il tutto arricchito dal solito cast di stelle, da Edward Norton a Scarlett Johannson a Margot Robbie, fino a un Jeff Goldblum da scovare. Per la prima volta nel cast c’è anche Tom Hanks, in un ruolo cinico un po’ diverso dal suo solito.

La differenza di questo film rispetto al classico Anderson, sta nel fatto che non siamo soltanto nel territorio di commedia romantica un po’ strana. Questa volta l’argomento principale è il destino del mondo, il futuro e la fine. Dell’umano singolo e dell’umanità in generale.

Perché non vedere Asteroid City

Se volete essere stupiti da Wes Anderson con qualcosa girato in maniera diversa, questo non è il vostro film. Attenzione, il regista texano usa il tono strampalato dei suoi film per mostrare azioni e reazioni a eventi drammatici. Una menzione va alle giovani gemelle Faris, divertenti e determinate.

Presentato al festival di Cannes il film sarà al cinema dal 14 settembre con Universal Pictures.

Regia: Wes Anderson Con: Jason Schwartzman, Scarlett Johansson, Tom Hanks, Jeffrey Wright, Tilda Swinton, Bryan Cranston, Edward Norton, Adrien Brody, Liev Schreiber, Hope Davis, Stephen Park, Rupert Friend, Maya Hawke, Steve Carell, Matt Dillon, Hong Chau, Willem Dafoe, Margot Robbie, Tony Revolori, Jake Ryan, Jeff Goldblum Anno: 2023 Durata: 105 min. Paese: USA Distribuzione: Universal pictures

About A V

Guarda anche

if-gli-amici-immaginari-recensione-film-copertina

IF – Gli amici immaginari – John Krasinski dirige Ryan Reynolds in un film per tutti – Recensione

IF – Gli amici immaginari: Un film per tutta la famiglia diretto da John Krasinski, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.