Home / RECENSIONI / Drammatico / As Bestas – Non è un paese per cittadini – Recensione

As Bestas – Non è un paese per cittadini – Recensione

As Bestas, il nuovo film di Rodrigo Sorogoyen mette in scena un nuovo tipo di lotta di classe: il cittadino che torna alla natura contro il paesano che vuole scappare. Presentato in Concorso a Cannes e in anteprima alla Festa del Cinema di Roma 2022. In sala dal 13 Aprile.

Antoine (Denis Ménochet) e Olga (Marina Foïs) sono una coppia francese che si è stabilita da tempo in un piccolo villaggio dell’entroterra galiziano.
Lì conducono una vita tranquilla, anche se la convivenza con la popolazione locale non è idilliaca come vorrebbero. Scoppia un conflitto con i loro vicini, i fratelli Anta (Luis Zahera e Diego Anido), per cui la tensione si fa crescente in tutto il villaggio fino a raggiungere un punto di non ritorno.

Cosa funziona in As Bestas

Il nuovo film di Rodrigo Sorogoyen non lascia un secondo di respiro. Sebbene la tensione cresca lentamente, ma inesorabilmente viene da dire, non c’è una scena in cui non succeda qualcosa di essenziale per lo sviluppo della storia. Ogni singolo gesto è giustificato, ogni passaggio sarà reso più chiaro dalle scene a venire.

Il punto di forza del film è quindi la scrittura, oltre che una prova del gruppo di attori molto efficace, tra tutti quella di Marina Fois, con il suo personaggio che cresce all’ombra del protagonista per poi rivelarsi nella seconda parte del film.

Un altro aspetto di questa pellicola è invece comune a diverse altri film visti ai Festival di quest’anno, da Venezia 79 a Cannes, dove anche As Bestas è stato presentato.

Come ne Gli spiriti dell’isola assistiamo impotenti alla dissoluzione dell’animo umano a causa della testardaggine della correttezza delle proprie posizioni contro ogni logica che porta inevitabilmente al conflitto. Per citare un film che fa della vendetta la sua storia principale “Se non ci sono regole, viviamo con le bestie”. La filosofia di John Wick è applicabile anche a questo film nonostante sia di fattura diversa dal blockbuster con protagonista Keanu Reeves.

Perché non guardare As Bestas

Il nuovo film di Sorogoyen è uno sguardo rassegnato sulla condizione umana, sulle fissazioni e sui conflitti che inevitabilmente accadono anche nei contesti più idilliaci.

As Bestas lascia un senso di amarezza a fine visione, è facile ragionare sulla poca comunicazione dei protagonisti, ostacolati anche dal mix di lingue, (francese, castellano, dialetto galiziano) tutti elementi che altri autori spagnoli avrebbero virato sulla commedia nera.

Il film è stato vincitore sia ai premi Goya in Spagna che ai César in Francia ed è in sala dal 13 aprile distribuito da Movies Inspired con Lucky Red.

Regia: Rodrigo Sorogoyen Con: Denis Menochet, Marina Fois, Luis Zahera, Diego Anido, Marie Colomb Anno: 2022 Durata: 115 min. Paese: Spagna Distribuzione: Movies Inspired con Lucky Red

About A V

Guarda anche

la-morte-e-un-problema-dei-vivi-recensione-film-copertina

La morte è un problema dei vivi – Una commedia noir dalla Finlandia – Recensione

La morte è un problema dei vivi: In sala il film di Teemu Nikki, passato …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.