Home / RECENSIONI / Azione / Ant-Man and the Wasp: Quantumania – Il formichiere quantico – Recensione

Ant-Man and the Wasp: Quantumania – Il formichiere quantico – Recensione

Ant-Man and the Wasp: Quantumania: Ora al cinema il terzo capitolo dedicato all’uomo formica, il trentunesimo film del Marvel Cinematic Universe e il primo della “Fase Cinque”.

Dopo gli avvenimenti di Avengers: Endgame (2019), Scott Lang (Paul Rudd) e Hope van Dyne (Evangeline Lilly), vivono la loro vita felicemente insieme alla figlia di ScottCassie Lang (Kathryn Newton), e ai genitori di HopeHenry “Hank” Pym (Michael Douglas) e Janet van Dyne (Michelle Pfeiffer). Nel tentativo di mappare il regno quantico si ritrovano accidentalmente intrappolati nello stesso e dovranno affrontare un nuovo nemico, Kang il Conquistatore (Jonathan Majors).

Cosa funziona in Ant-Man and the Wasp: Quantumania

Tornano i protagonisti della ora trilogia di Ant-Man e torna, dietro la macchina da presa, anche Peyton Reed dopo l’ottimo lavoro con i due capitoli precedenti.

Per questa terza avventura il team creativo capitanato da Kevin Feige, ci immerge alla scoperta del regno quantico, legando finalmente in maniera più marcata le serie in onda su Disney+ con l’universo cinematografico.

Per l’occasione questo primo film della fase 5 del Marvel Cinematic Universe ci porta alla scoperta di Kang il Conquistatore, uno dei supercriminali più celebri dei fumetti Marvel che abbiamo già visto nella prima stagione dedicata alla serie di Loki.

Il regno quantico ci viene mostrato come un universo condiviso di vari pianeti, ricorda molto da vicino quello di Star Wars, in cui Kang e il suo spietato tirapiedi, dettano legge annientando e soggiogando tutte le altre razze e culture.

Il film riprende il canovaccio dei precedenti episodi, ma anche della maggior parte dei prodotti Marvel, riallacciando il filo con quanto visto in passato, allontanandosi dalla quarta che invece aveva cercato di rimescolare le carte attraverso il multiverso, gettando le basi per quello che vedremo in questa fase ma soprattutto nella prossima.

Aspettatevi quindi tanta azione, moltissima ironia, citazioni e alcuni personaggi veramente fuori di testa.

Perché non guardare Ant-Man and the Wasp: Quantumania

Parliamoci chiaro 31 film al cinema e ora anche le serie TV su Disney+ sono tanto materiale visivo e qualcuno può aver gettato la spugna. I prodotti Marvel sono pensati per essere generalisti, piacere alla masse e in questo caso, il bilanciamento di determinate soluzioni narrative, e la prevedibilità di alcune scelte, possono sicuramente scoraggiare gli spettatori più smaliziati o quelli che dopo oltre un decennio si aspettano un pizzico di originalità in più.

Alcune come quella di rendere fallibile un supercattivo come Kang il Conquistatore possono restare indigeste tuttavia, se così non fosse, ci troveremmo davanti ai titoli di coda del film, o all’ultima pagina del fumetto, un secondo dopo averlo incontrato.

Il film è al cinema dal 15 febbraio con Disney.

Regia: Peyton Reed Con: Paul Rudd, Evangeline Lilly, Jonathan Majors, Kathryn Newton, Bill Murray, Michelle Pfeiffer, Michael Douglas, William Jackson Harper, Katy M. O’Brian, Randall Park, Corey Stoll, Tianyi Kiy Anno: 2023 Durata: 125 min. Paese: USA Distribuzione: Walt Disney 

About Davide Belardo

Editor director, ideatore e creatore del progetto Darumaview.it da più di 20 anni vive il cinema come una malattia incurabile, videogiocatore incallito ed ex redattore della rivista cartacea Evolution Magazine, ascolta la musica del diavolo ma non beve sangue di vergine.

Guarda anche

madoff-recensione-serie

Madoff – Il mostro di Wall Street – Recensione del documentario Netflix

Madoff – Il mostro di Wall Street – Recensione del documentario Netflix Dopo aver concisamente …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.