Home / RECENSIONI / Biografico / Una Squadra – Panatta&Co. nella docuserie di Domenico Procacci – Recensione

Una Squadra – Panatta&Co. nella docuserie di Domenico Procacci – Recensione

Una Squadra: Al cinema in anteprima il 2-3-4 maggio e poi su Sky a partire dal 14 maggio, in sei puntate la docuserie sui campioni del Tennis italiano.

Tra il 1976 e il 1980 la nazionale italiana di tennis era la squadra da battere. A comporla 4 giocatori che erano tra i primi 20 della classifica ATP: Corrado Barazzutti, Paolo Bertolucci, Adriano Panatta e Tonino Zugarelli.

Allenati e coordinati da un mito del tennis degli anni precedenti, Nicola Pietrangeli, i quattro erano anche uno scontro di personalità differenti che nonostante tutto hanno portato l’Italia a vincere la Coppa Davis nel 1976. Ancora l’unica vittoria italiana.

Cosa funziona in Una Squadra

La docuserie diretta da Domenico Procacci arriva in sala e in tv dopo la presentazione all’ultimo Festival di Torino. Divisa in sei episodi, approfondisce gli eventi singoli e la formazione dei personaggi che hanno portato alla finale a Santiago del Cile.

Nella versione per il cinema, come afferma anche il regista esordiente durante la conferenza stampa, Domenico Procacci, si è scelto di sintetizzare le storie, trovando una linea narrativa dalla quale emergesse soprattutto il carattere dei quattro tennisti.

“Quattro ragazzi che giocavano bene a tennis, non dei professionisti” così si definisce Adriano Panatta in una delle interviste della serie, che si distanzia, come invece dice Zugarelli in conferenza stampa, dal tennis di oggi, votato subito alla perfezione.

L’aspetto umano dei quattro protagonisti è infatti l’elemento più coinvolgente della serie. Il rapporto di odio/amore, di umanità, ma anche di lavoro collettivo dei quattro viene alternato ad aneddoti divertenti di vita e supportato da un lavoro di ricerca e repertorio notevole.

Perché non guardare Una squadra

Si parla del tennis del tempo che fu, fatto di racchette di legno e una leggerezza che forse ora questo sport ha perso. Quello che ritorna, e incredibilmente è attuale, è la polemica di cui sono stati protagonisti i quattro tennisti per la partecipazione alla finale di Coppa Davis nel Cile di Pinochet. Anche in quel caso lo sport si faceva carico di un messaggio che andava oltre la gara.

Il film è in sala il 2-3-4 maggio distribuito da Luce Cinecittà e Fandango e dal 14 maggio su Sky, in concomitanza con la fine degli Internazionali di Tennis di Roma.

Dal 20 maggio sarà invece disponibile il libro omonimo che raccoglie le interviste fatte ai giocatori.

Regia: Domenico Procacci Con: Corrado Barazzutti, Paolo Bertolucci, Adriano Panatta, Tonino Zugarelli Anno: 2022 Durata versione Cinema: 90 minuti (6 Puntate su SKY) Paese: Italia Distribuzione: Luce Cinecittà, Sky e Fandango

About A V

Guarda anche

sposa-in-rosso-recensione-film-copertina

Sposa In Rosso – Recensione del Film di Gianni Costantino con Eduardo Noriega e Sarah Felberbaum

Sposa In Rosso: una piacevole commedia estiva che riunisce le tante anime del mediterraneo in …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.