ubriaco-d-amore-recensione-bluray-copertina
Home / HOME VIDEO / Ubriaco d’Amore – Recensione del Blu-ray del film di Paul Thomas Anderson con Adam Sandler ed Emily Watson

Ubriaco d’Amore – Recensione del Blu-ray del film di Paul Thomas Anderson con Adam Sandler ed Emily Watson

Ubriaco d’Amore: Dopo anni di attesa è finalmente disponibile in Blu-Ray Disc, grazie all’accordi di distribuzione tra Eagle Pictures e Sony Pictures, il bellissimo film di Paul Thomas Anderson con protagonista un magnifico Adam Sandler.

In occasione della uscita italiana in Blu-ray, ci lanceremo nella breve disamina d’uno dei film più sottovalutati, perfino dai suoi più strenui e irriducibili cultori, di Paul Thomas Anderson (Licorice Pizza), ovvero il bellissimo, dolce e poetico, eppur, ripetiamo, a tutt’oggi ancora snobbato e tristemente liquidato, Ubriaco d’amore (PunchDrunk Love).

Ubriaco d’amore, film della durata brevissima, perlomeno per gli standard “andersoniani” di novantacinque minuti scarsi (ovviamente, a livello di minutaggio e non in senso qualitativo), cioè a malapena di un’ora e mezza circa, uscito nei cinema mondiali nell’anno 2002 e premiato per la miglior regia al Festival di Cannes.

Opus n. 4 di Anderson dopo Sydney, Boogie Nights e Magnolia e, così come spesso avviene per il regista americano, ad eccezione di Vizio di forma/Inherent Vice, tratto dall’omonimo, perlomeno nel suo titolo originale, romanzo di Thomas Pynchon, e Il petroliere/There Will Be Blood, quest’ultimo invece adattato dal libro Il petrolio! firmato da Upton Sinclair, Ubriaco d’amore è scritto e sceneggiato a partire da un suo esclusivo soggetto originale. Il film è ispirato alla storia vera dello statunitense David Phillips, che nel 1999 accumulò una gran quantità di miglia aeree gratis.

Il film è una suggestiva, assai lieve e struggente, sapida e romantica miscelazione di commedia brillante sui generis e melò coinvolgente, potremmo dire, mirabolante, ripieno di stramberie, bizzarrie stilistiche ed efficaci invenzioni strambe, visivamente avvolgente e al contempo esilarante. Per l’appunto, commovente e, caleidoscopico, metaforicamente.

Ora, malgrado le ottimi critiche, non solamente statunitensi, ricevute all’epoca, e i vari premi assegnatigli fra cui quello sopra enunciatovi, assai importante, Ubriaco d’Amore, ribadiamo, è un film di Anderson dimenticato sovente e quasi mai citato. Addirittura, viene spesso considerata una pellicola minore all’interno del suo poliedrico, versatile, a seconda dei gusti, più o meno amabile o lodevole, suo mutevole e fascinoso excursus cineastico e filmografico.

Incredibile, in quanto invece noi la consideriamo una delle sue opere più belle e sincere. Per niente leziosa, non artefatta e priva di molti orpelli cervellotici e intellettualoidi di cui, ahinoi, invece molto del suo Cinema, questo sì, sopravvalutato, è esageratamente pieno in maniera sterile e deleteria.

Trama, qui brevissimamente enunciatavi in pochissime righe per non incorrere in spoiler opportunamente disdicevoli e fuori luogo: Barry Egan (un bravissimo Adam Sandler in uno dei suoi primi ruoli non demenziali) è un imbranato venditore di sturalavandini e suppellettili affini presso una scalcagnata ditta e tira a campare alla bell’è meglio, arrangiandosi come può e vivendo, soprattutto, un’esistenza sentimentalmente arida.

In poche parole, non ha alcuna relazione affettiva col sesso opposto. E ciò è forse imputabile al suo carattere innatamente schivo e timido e, in particolar modo, al fatto che è cresciuto in una famiglia con sette sorelle che, nei suoi slanci passionali ed emotivi, l’hanno sempre condizionato e psicologicamente castrato a esporsi e farsi avanti verso il gentil sesso.

Un giorno, però, nella triste e desolata vita di Barry, accade qualcosa di prodigiosamente, involontariamente inaspettato. Cioè una donna di nome Lena Leonard (una perfetta, come di consueto, Emily Watson) porta la sua macchina in riparazione presso l’officina del meccanico che è ubicata in zona attigua all’ufficio ove lavora Barry. Per varie circostanze che non vi staremo dettagliatamente a spiegarvi, Barry conosce quindi Lena. Ovviamente tra loro scatta qualcosa di magico e, per entrambi, emozionalmente tanto imprevisto quanto delicatamente bellissimo.

Nel cast, un ex habitué del Cinema di Anderson, ovvero il compianto e indimenticabile Philip Seymour Hoffman e la solita, strepitosa “macchietta” di Luis Guzmán (Carlito’s Way, anche lui ex presenza frequente dei primi film di Anderson e amico, anche nella vita reale, di Sandler col quale, l’anno successivo ad Ubriaco d’Amore, girò Terapia d’urto).

Pertinenti musiche soavi di Jon Brion ed eccelsa, sebbene tetra e dai toni assai scuri e plumbei, fotografia di Robert Elswit per un film intimistico assai intelligente, mai scontato e dolcemente, amabilmente toccante che sa coniugare con arguzia e leggerezza il dramma alla comedy più esilarante e briosa.

Da vedere assolutamente e quanto prima da rivalutare ampiamente.

Ubriaco d’Amore – Il Blu-Ray a cura di Davide Belardo

Prodotto e distribuito da Eagle Pictures, su licenza e materiali forniti da Sony Pictures, il Blu-Ray Disc di Ubriaco d’Amore, offre un master di qualità ma con qualche anno sulle spalle, Audio lossless e il recupero di alcuni extra. Nella confezione è incluso anche un sottobicchiere dedicato al film.

Da un trasferimento in digitale supervisionato dallo stesso Paul Thomas Anderson, creato da un interpositivo in 35 mm, il quadro video mette in mostra un girato con luce naturale, colori a volte desaturati e altri quasi psichedelici oltre ad un discreto dettaglio e definizione. La scelta della fotografia è quella di realizzare un film con look a basso badget, questo trasferimento lo conferma e lo afferma perfettamente. In attesa di una nuova scansione in 4K è il miglior master disponibile sul nostro mercato.

Sul versante audio troviamo due codifiche in 5.1 DTS HD MA, sia per il doppiaggio italiano che per la lingua originale. Entrambe risultano pulite e ben bilanciate tra i dialoghi e la splendida colonna sonora.

Il reparto extra include invece il recupero di alcuni degli extra presenti nella Doppio DVD di Sony Pictures, ormai fuori catalogo da diversi anni. All’interno un sottobicchiere dedicato al film.

  • Featurette (12:00) Clip realizzata nel 2002 di Paul Thomas Anderson con Adam Sandler ed Emily Watson, insieme alla musica di Jon Brion. In inglese, senza sottotitoli.
  • (Blossoms and Blood) Scene eliminate (09:40) Scene tagliate dal montaggio finale 
  • Easter Egg (00:55) Breve momento con Philip Seymour Hoffman.

About Stefano Falotico

Scrittore di numerosissimi romanzi di narrativa, poesia e saggistica, è un cinefilo che non si fa mancare nulla alla sua fame per il Cinema, scrutatore soprattutto a raggi x delle migliori news provenienti da Hollywood e dintorni.

Guarda anche

minions-2-recensione-film-copertina

Minions 2 – Come Gru diventa cattivissimo – Recensione

Minions 2: Prodotto da Illumination Entertainment e distribuito da Universal Pictures, dopo essere stato presentato …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.