Home / RECENSIONI / Musicale / tick, tick… Boom! – Recensione del film Netflix di Lin-Manuel Miranda con un Andrew Garfield in profumo di Oscar

tick, tick… Boom! – Recensione del film Netflix di Lin-Manuel Miranda con un Andrew Garfield in profumo di Oscar

tick, tick… Boom!: Disponibile dal 19 novembre in esclusiva su Netflix il film con protagonista Andrew Garfield, tornato sulla cresta dell’onda con l’ultimo Spider-Man.

Ebbene, oggi recensiamo il film tick, tick… Boom! (attenzione, non ci siamo sbagliati a scrivere il titolo, la dicitura infatti esatta è questa così come da noi riportatavi, cioè con l’iniziale, in forma desueta, in minuscolo), film Netflix, visionabile mondialmente perciò su tale rilevante, oramai imprescindibile e planetaria piattaforma di streaming, a partire da metà novembre dello scorso anno.

tick, tick… Boom! dura la bellezza (e che bellezza, data la notevole qualità abbacinante del film, appassionante e giammai annoiante) di un’ora e cinquantacinque minuti ed è un’opus firmata egregiamente e con ottimo stile, retorico e melodrammatico, sì, ma emozionante a mille, da un assai ispirato Lin-Manuel Miranda (Il ritorno di Mary Poppins) e interpretata, in un tour de force recitativo straordinario, in un one man show coinvolgente e magnetico, da un Andrew Garfield (SilenceThe Amazing Spider-ManLa battaglia di Hacksaw Ridge) in forma strepitosa.

Tant’è che, per la sua interpretazione, assai acclamata, parimenti alle sperticate lodi ricevute al film stesso dall’intellighenzia critica d’oltreoceano che a tick, tick… Boom! ha assegnato, infatti, voti in pagella veramente lusinghieri, subissandolo entusiasticamente di plausi ed elogi a non finire, Garfield ha da poco vinto un meritatissimo Golden Globe e, senz’ombra di dubbio alcuno, entrerà nella cinquina dei contendenti all’ambitissima statuetta dorata degli Oscar.

Noi azzardiamo perfino a scommettere che, con tale sua performance eccellente, vivacissima, superlativa, grintosamente potente e sorprendente magicamente, Garfield potrebbe addirittura vincere l’Academy Award, scalzando da grande outsider, per l’appunto, inaspettatamente vincente all’ultimo momento, quelli che fino a qualche settimana fa parsero a tutti i pretendenti più inattaccabili, ovvero Benedict Cumberbatch de Il potere del cane e soprattutto il favoritissimo Will Smith di Una famiglia vincente – King Richard.

Quest’ultimo dato dagli allibratori e dai cosiddetti esperti di previsioni sui vincitori, per l’appunto riguardanti gli Oscar, come incontestabile vincitore difficilissimamente battibile. Invece, ripetiamo, pare proprio che le certezze inizialmente date per assodate e i sicuri pronostici inappellabili siano stati ultimamente messi in discussione, totalmente. Innanzitutto, le quotazioni di Cumberbatch per il trionfo finale sono decisamente in ascesa, inoltre, Garfield, a detta giustappunto di coloro che amano le predictions concernenti gli Academy Awards, sembra che nel rush finale potrebbe avere non poche possibilità di farcela davvero, smentendo chiunque e compiendo l’apparentemente incredibile.

Ora, stando alla generalista e in tal caso molto approssimativa e sbrigativa Wikipedia, la trama di tick, tick… Boom! è solamente e sostanzialmente questa, cioè la seguente: Un aspirante compositore di musical entra in crisi quando sulla soglia dei trent’anni si accorge di non essere prossimo a realizzare i propri sogni.

Be’, detta così, appare come una vicenda abbastanza anomala e alquanto, per di più, già vista e risaputa, addirittura banale. Non fosse che il compositore altri non fu che Jonathan Larson (impersonato da Garfield), vale a dire il creatore del celeberrimo musical Rent e di quello omonimo che dà il titolo al film. E non solo…

tick, tick… Boom! n’è infatti una sorta di adattamento, anzi, reportage sulla genesi, largamente sui generis, diciamo un biopic romanzato e particolare, sceneggiato da Steven Levenson, molto bello, creativamente spigliato e rinomato, funambolicamente colorato e del tutto azzeccato, da non confondere invece assolutamente col Rent, inteso in forma di lungometraggio, piuttosto fallimentare, realizzato da Chris Columbus alcuni anni addietro.

Cosa funziona in tick, tick… Boom!

Con le musiche a opera, chiaramente, dello stesso defunto e compianto Jonathan Larson, perfettamente montato da Andrew Weisblumhabitué, anzi, collaboratore fisso di Darren Aronofsky da The Wrestler in poi, tick, tick… Boom! è un film magnifico che, malgrado in alcuni punti paia furbescamente studiato per piacere in modo ruffiano, a dispetto di qualche eccesso e cedimento nella parte centrale, commuove parecchio e può fregiarsi, evidenziamolo nuovamente, d’un Andrew Garfiled che dimostra al mondo intero di essere uno dei più grandi giovani attori viventi. È lui che vincerà, a mio avviso, l’Oscar 2022 come Best Actor e se lo merita ampiamente.

La sua è una prova recitativa impressionante, gigantesca. Immane e monumentale. Titanica e colossale, ogni altro aggettivo, per inquadrarla e omaggiarla, sarebbe imbarazzante.

Anche gli altri attori del cast non gli sono però da meno. Bravissima e sempre bellissima, infatti, Vanessa Hudgens, simpatica Alexandra Shipp, superbo e toccante Robin de Jesus.

La magica e sognante, romantica storia di un uomo che non ha mai rinunciato ai propri sogni, andando giustamente contro tutto e tutti. Citando un altro genio della musica morto troppo presto, cioè Jim Morrison, a volte il vincitore è semplicemente un sognatore che non ha mai mollato.

Perché non guardare Tick, tick… Boom! 

Oggettivamente, non vi sono reali motivi per non guardare questo bellissimo film struggente. Ma se non amate i musical, soprattutto se siete persone dal cuore poco tenero, lasciate perdere. Anche se, in tal caso, fareste male.

Il film è disponibile dal 19 novembre in esclusiva Netflix.

Regia: Lin-Manuel Miranda Con: Vanessa Hudgens, Bradley Whitford, Andrew Garfield, Alexandra Shipp, Judith Light, Jordan Fisher, Joanna Adler, Robin de Jesus, Joshua Henry Anno: 2021 Durata: 115 min. Paese: USA Distribuzione: Netflix

About Stefano Falotico

Scrittore di numerosissimi romanzi di narrativa, poesia e saggistica, è un cinefilo che non si fa mancare nulla alla sua fame per il Cinema, scrutatore soprattutto a raggi x delle migliori news provenienti da Hollywood e dintorni.

Guarda anche

athena-recensione-film-copertina

Athena di Romain Gavras con Dali Benssalah, Sami Slimane e Anthony Bajon – Recensione del film Netflix a Venezia 79

Athena: Dopo la presentazione a Venezia 79 arriva su Netflix il film diretto da Romain …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.