Home / RECENSIONI / Commedia / The Christmas Show – Il reality natalizio di Alberto Ferrari – Recensione

The Christmas Show – Il reality natalizio di Alberto Ferrari – Recensione

The Christmas Show: distribuito da Viva Productions in collaborazione con Altre Storie e Adler Entertainment, questo nuovo film di Alberto Ferrari racconta la storia natalizia ispirata ai film di Frank Capra, e ambientata in un moderno reality casalingo, con un ricchissimo cast comprendente anche molti doppiatori italiani.

Dal non festeggiare il Natale… al ritrovarsi a vivere nella casa del “Grande Babbo Natale”.

Questa è la sorte capitata alla famiglia di Sofia (Serena Autieri), che dopo la scomparsa del marito proprio in occasione del Natale ha smesso da anni di festeggiare tale festa, almeno fino a quando la figlia Alice Rovati (Alice Ferrari) non ha iscritto di nascosto la sua casa al The Christmas Show, un reality stile Grande Fratello tutto dedicato al Natale.

Mamma Sofia accetta comunque di partecipare, sia per non deludere la figlia che vede in questo spettacolo un trampolino di lancio per la sua carriera di cantante, ma anche per provare a vincere il montepremi finale, e salvare casa e ambiente lavorativo da grossi debiti.
Certo, la sfida si preannuncia parecchio tosta e snervante, perché al reality non parteciperà solo la famiglia Rovati, ma anche il viscido datore di lavoro di Sofia, Oscar (Francesco Pannofino) e il vicino di casa Pierre (Raoul Bova), misterioso ed affascinante… Chi vincerà il The Christmas Show?

Cosa funziona in The Christmas Show

Non è solamente un particolare villaggio di Babbo Natale pugliese, The Christmas Show è anche la Casa del Grande Fratello… dei doppiatori.
I doppiatori Italiani, professionisti od occasionali, abbondano in questo nuovo film di Alberto Ferrari, regista conosciuto per La terza stella con Ale & Franz, e per aver diretto decine di puntate di Distretto di Polizia.

La protagonista Serena Autieri ha legato le sue esperienze al leggio alla Disney, grazie ad Elsa di Frozen, e ultimamente, anche al personaggio di Vivian nel musical Cenerentola di Kay Cannon. Anche Raoul Bova è una voce Disneyana (Hercules, Bolt, Cip) così come Tullio Solenghi, dopo essere stato lo zio Scar del Re Leone, qua si ritrova ad interpretare Nonno Angelo, un irriverente seguace di Che Guerava.

Tra i talent del mondo del doppiaggio in questo film compare pure Greg (il compagno di merende di Lillo) e poi ci sono i professionisti: naturalmente Francesco Pannofino, ma anche una bellissima sorpresa, Carlo Valli, voce storica dell’indimenticato Robin Williams, che in The Christmas Show doppia fuori campo (clicca qui per la nostra intervista in esclusiva) l’amico virtuale del figlio di Sofia, Ricky (Giulio Nunziante).

Il rapporto tra loro due è decisamente la situazione più emozionante e meglio riuscita del film, non solo perché è sempre un piacere sentire la voce di Carlo Valli, ma anche perché ricorda benissimo molti film cult degli anni ‘90, come Mamma ho perso l’aereo (le scene nel capanno degli attrezzi sono un chiaro rimando) con protagonisti bambini introversi e coraggiosi, in grado di affrontare le difficoltà causate dagli adulti a modo loro.

Nonostante la natura “malvagia” del personaggio, l’Oscar di Francesco Pannofino è la vera anima della casa, con momenti un po’ slapstick, e tante risate dovute alla sua mimica facciale e al suo grande talento attoriale.
L’empatia nei confronti dei personaggi positivi di questa storia comincia a nascere nello spettatore soprattutto nel secondo atto, così da rendere The Christmas Show una buona storia natalizia ispirata ai capolavori di Frank Capra (con il leggendario regista citato, volutamente, con Frank Goats, nome dell’autore che tanto piace non solo ad Oscar ma alla nonna Rita, interpretata da Ornella Muti) perché la famiglia Rovati troverà la forza non solo di superare il lutto e di festeggiare di nuovo il Natale, ma soprattutto capirà quali sono le persone veramente importanti con cui condividere la vita.

Perché non guardare The Christmas Show

Se la storia comincia ad ingranare ed emozionare a partire del secondo atto, è perché il primo è quasi del tutto privo di emozioni positive, troppo incentrato sui momenti di produzione e immedesimazione del reality show e ben poco sui sentimenti della famiglia Rovati.

Qualche scena comica non funziona (in particolare quella dell’astice, ma anche la pipa di nonno Angelo) così come si poteva evitare qualche scena ripetitiva tra Oscar e i suoi compari.

Il film è al cinema dal 17 Novembre per la distribuzione di Viva Productions in collaborazione con Altre Storie e Adler Entertainment.

Regia: Alberto Ferrari Con: Raoul Bova, Serena Autieri, Francesco Pannofino, Tullio Solenghi, Ornella Muti, Claudio Gregori, Gianni Franco, Francesca Della Ragione, Emanuele Pacca, Cristiano Piacenti, Nicolo Bertonelli, Jerry Mastrodomenico, Alice Andrea Ferrari, Daniele Foresi, Giulio Nunziante Cesaro, Adriano Occulto, Francesca Giovannetti, Valentina Illuminati, Ferdinando Ciaccia Anno: 2022 Durata: 106 min. Paese: Italia Distribuzione: Altre Storie 

About Valerio Brandi

Guarda anche

vicini-di-casa-recensione-film-copertina

Vicini di casa – Una Commedia Afrodisiaca – Recensione del Film

Vicini di Casa: prodotto da Lotus Production, una società di Leone Film Group e Baires …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.