phenomena-recensione-bluray-copertina
Home / HOME VIDEO / Phenomena – Recensione del Bluray del film di Dario Argento con Jennifer Connelly e Donald Pleasence

Phenomena – Recensione del Bluray del film di Dario Argento con Jennifer Connelly e Donald Pleasence

Phenomena: In occasione del ritorno cinematografico del maestro Dario Argento, vi presentiamo le nostre recensioni degli ultimi recuperi dei suoi film in Bluray prodotti e realizzati da RaiCom.

Ebbene, con l’uscita in sala della nuova opus di Dario Argento, cioè Occhiali neri, ne abbiamo approfittato per disaminare alcune opere del maestro suddetto, inoltre uscite recentemente in home video. Per un tuffo meandrico, in senso metaforico, speriamo fascinoso, all’interno degli anfratti affascinanti, perturbanti, soavemente ammalianti del suo Cinema fantastico toutcourt, immaginifico, spesso contestato, ultimamente, ahinoi, bistrattato e scarsamente considerato, più e più volte, negli ultimi anni, tristemente soprattutto nelle ultime due decadi, con faciloneria disarmante, scioccamente snobbato e frettolosamente liquidato con irrispettosa superficialità, osiamo dire, nauseante.

Cosicché, dopo le nostre disamine di Tenebre (1982) e del suo apoteotico, brillante esordio registico a tutt’oggi insuperabile ed estasiante, ovvero L’uccello dalle piume di cristallo (1970), è ora il turno di Phenomena, horror sovrannaturale che, in forma generalista e dizionaristica, viene ascritto alla cosiddetta Trilogia degli Animali argentiana.

Phenomena è una pellicola del 1985 della durata di due ore circa, minuto più minuto meno, brevemente accorciata per il mercato internazionale ove è nota anche col titolo Creepers.

Sceneggiata dallo stesso Argento, oltre che naturalmente da lui diretta, assieme a Franco Ferrini a partire da un soggetto originale scritto con quest’ultimo a quattro mani.

Ferrini, fra gli sceneggiatori del mastodontico ed epico C’era una volta in America di Sergio Leone, per cui peraltro Dario Argento fu tra i writer di C’era una volta il West (non scordiamolo mai perché di rilevante importanza imprescindibile all’interno della sua carriera impari e precocemente già molto avanti).

Ferrini, autore anche di Occhiali Neri.

Come sappiamo, una delle protagoniste del film appena menzionatovi di Sergio Leone, fu nientepopodimeno che Jennifer Connelly. Perlomeno, nella parte sua iniziale nei panni della giovane Deborah. Che, nel corso della narrazione e nell’avanzamento della sua età, fu incarnata poi da Elizabeth McGovern.

Connelly, al massimo qui della sua avvenenza adolescenziale e all’apice del suo splendore magnetico veramente eclatante, la quale interpreta una giovanissima ragazza omonima, cioè Jennifer. Jennifer Corvino, italoamericana e figlia del fittizio, famoso attore Paul Corvino. Da non confondere col realmente esistente Paul Sorvino.

Secondo il valente dizionario Morandini, eccone la piccola sinossi esaustiva e le sue lucide, sebbene leggermente opinabili considerazioni in merito:

«Jennifer (Connelly), in Svizzera per studiare, si trova coinvolta in misteriosi assassinii di ragazzine dai quali esce incolume grazie al suo rapporto parapsicologico con gli insetti e all’aiuto di un entomologo paralitico (Donald Pleasence). Sulla scia di Suspiria (1977), la natura ha un posto importante nel 9° film di D. Argento: il vento (phön), l’acqua, gli animali (lo scimpanzé vendicatore), soprattutto gli insetti per i quali il regista mette in opera acrobatiche tecniche di ripresa, contrapposti al degrado degli umani con il punto più basso toccato dal mostruoso figlio di Mrs. Bruckner (makeup dell’ottimo Sergio Stivaletti). Il programmatico disinteresse per la logica narrativa esplode nel delirio truculento dell’ultima mezz’ora con 4 o 5 finali infilati l’uno nell’altro, ulteriore dimostrazione di un narcisismo esibizionistico quasi disperato».

Non concordiamo, a dir il vero, molto col giudizio recensorio espresso da Morandini, il quale assegnò due stellette e mezzo (su una scala da una a cinque) al film di Argento, contestandone, come avete appena sopra letto, i troppi forzati colpi di scena finali, secondo lui allestiti a mo’ di matriosca con esagerati, non necessari twist e da lui reputati noiosamente ripetitivi.

Però aggiungiamo altresì che Phenomena non è quel grande film di cui i fan di Argento si riempiono la bocca, incensandolo incessantemente di lodi sperticate, incapaci di esserne obiettivi per via della loro miope, ottusa, manifesta adorazione e infermabile idolatria nostalgica per l’Argento loro beniamino, specialmente delle sue pellicole del passato.

Phenomena è un film che, oggettivamente, rivisto oggi e col senno di poi, appare indubbiamente datato, risulta in molti punti quasi addirittura trash ma è terribilmente amabile in quanto simpaticamente naïf.

A partire da una Dalila Di Lazzaro altezzosa e dallo sguardo perennemente severo, ben poco credibile nei panni della direttrice dell’istituto collegiale nelle cui estreme vicinanze il maniaco-mostro semina morte, panico e terrore a tutt’andare e senza soluzione continuità alcuna.

Puntellato dall’incalzante, inquietante colonna sonora, a modulazioni assai elettroniche, degli onnipresenti Goblin, presenze fisse, in quegli anni, nel Cinema di Argento, Phenomena abbonda anche, nella sua soundtrack, di tracce importanti degli Iron Maiden e dei Motörhead.

Onestamente, a volte la musica è, sebbene funzionale quando puntualmente utilizzata per alimentare e aumentare la suspense delle scene topiche a maggior tasso di suggestione emotiva e paura indottaci, al contempo troppo invadente e per l’appunto insistita sin allo sfinimento tedioso. Quasi fosse stata introdotta persistentemente per dilatare a iosa e colmare molte scene forse superflue o un po’ monotone.

La Connelly, per quanto già talentuosa e brava, in alcuni frangenti pare spaesata, ancora troppo acerba e incerta, non soltanto a causa sua poiché la sua qua e là titubante recitazione non appieno convincente non è sempre ben diretta con mano ferma, decisa e rigida.

Detto ciò, Phenomena mantiene intatti molti pregi innegabili ed evidenti.

Pregevole è infatti la fotografia di Romano Albani. Qui alla sua seconda collaborazione con Argento dopo Inferno. Venne smentito però il facile detto non c’è due senza tre. In quanto, Albani e Argento, dopo le prime due esperienze collaborative, non incrociarono più i loro destini professionali-artistici.

Montaggio di Franco Fraticelli (Dellamorte Dellamore).

Nel cast, Daria Nicolodi, Federica Mastroianni, Michele Soavi e Patrick Bauchau.

Phenomena – Il Bluray a cura di Davide Belardo

Attenzione: Considerato che la produzione di RaiCom è un semplice copia incolla per ogni edizione, sul piano tecnico e extra ma cambia ovviamente il film, abbiamo deciso di riproporre lo stesso testo per le nostre note tecniche.

Prodotto e realizzato da RaiCom, società del Gruppo Rai non collegata a RaiCinema e che detiene i diritti di sfruttamento di circa 500 film del catalogo Titanus, Phenomena arriva per la prima volta in Bluray in Italia purtroppo con poche luci e molte ombre.

Nel realizzare la sua edizione RaiCom non ha raccolto l’invito del distributore Eagle Pictures, che immaginiamo ci sia stato, vista la cura proposta nelle sue produzioni recenti anche per il recupero dei classici vedi “I 400 Colpi“. Il Bluray di Phenomena è un prodotto non curato già negli orribili artwork della slipcover di cartone e cover dell’amaray.

Tecnicamente parlando il master utilizzato è restaurato ed è stato fornito da Titanus, proposto però in questa edizione codificato in 25fps e non 24. La definizione, il dettaglio e la pulizia dell’immagine sono godibili ma dispiace segnalare un errore del genere nel 2022.

Sul versante audio troviamo una traccia in 2.0 Dolby Digital di sufficiente qualità per godere della visione del film. Presenti i sottotitoli in Italiano (anche in inglese) necessari per la visione dei non udenti.

Extra: trailer e galleria fotografica.

Considerazioni: Purtroppo RaiCom ha perso la possibilità di regalarci delle ottime versioni da collezione dei film di Dario Argento. Il buon master restaurato, probabilmente di matrice e utilizzo televisivo, viene in parte dilaniato dalla scarsa cura proposta nel confezionare il prodotto. Gli appassionati sicuramente hanno la possibilità di rivolgersi all’estero con le ottime edizioni Arrow, ora anche in 4K e arricchite di extra.

Per chi consigliare quindi queste uscite? Principalmente per gli utenti non udenti che hanno bisogno dei sottotitoli in Italiano per godersi il film. Per gli appassionati home video che non acquistano prodotti esteri e anche per chi colleziona solo uscite italiane (di Argento e non).

About Stefano Falotico

Scrittore di numerosissimi romanzi di narrativa, poesia e saggistica, è un cinefilo che non si fa mancare nulla alla sua fame per il Cinema, scrutatore soprattutto a raggi x delle migliori news provenienti da Hollywood e dintorni.

Guarda anche

halo-stagione-1-disponibile-dvd-bluray-4k-copertina

Halo – Stagione 1 – Disponibile in DVD, Bluray e 4K Seelbook (Video Unboxing)

L’epica serie prodotta da Showtime disponibile in DVD, Blu-ray, 4K UHD e in Steelbook 4K …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.