Home / RECENSIONI / Noir / Nido di Vipere – Alla ricerca di un ipotetico riscatto sociale nascosto all’interno di una borsa – Recensione

Nido di Vipere – Alla ricerca di un ipotetico riscatto sociale nascosto all’interno di una borsa – Recensione

Nido di Vipere: Uno dei migliori debutti cinematografici del cinema coreano, Kim Yong-hoon al suo primo film da regista, arriva finalmente nei cinema italiano dal 15 settembre, dopo aver fatto il giro di vari festival nel mondo.

Joong-man (Seong-woo Bae), un umile inserviente, che, insieme alla moglie, deve prendersi cura della madre malata, trova una grande borsa piena di soldi in un armadietto della sauna in cui lavora.

Non sa che dietro alla borsa si nasconde un intreccio di storie e di spietati malviventi: Tae-young (Woo-sung Jung) un doganiere indebitato e innamorato di un’astuta truffatrice, è messo alle strette dal suo strozzino; una giovane escort, Mi-ran (Hyeon-bin Shin) è una vittima di abusi domestici di cui si innamora un immigrato illegale. Tutti questi personaggi si danno la caccia per mettere le mani sulla borsa, venendo risucchiati in un vortice di guai, omicidi e sfortuna.

Cosa funziona in Nido di Vipere

In Nido di Vipere, Kim Yong-hoon adatta un romanzo del giapponese Sone Keisuke con spunti tarantiniani, ma soprattutto con riferimenti a “Fargo” e “Non è un paese per vecchi“, e mostra tutto il suo talento nella regia raccontando le difficili esistenze di un gruppo di persone tra loro sconosciute, eppure legate dal destino e da una borsa piena di denaro.

Il regista coreano riesce a far funzionare perfettamente la narrazione della storia e tutti i suoi incroci tra i personaggi, dividendo la storia in capitoli ma caratterizzata da una cronologia sfalsata.

Perché non guardare Nido di Vipere

Non vedetelo semplicemente perché non vi piace il genere noir e pulp perché in Nido c’è proprio tutto quello che serve per un noir di successo senza esclusione di colpi.

Il film è al cinema dal 15 settembre con Officine UBU.

Regia:

Regia: Kim Yong-Hoon Con: Jeon Do-yeon, Woo-sung Jung, Yuh Jung Youn, Seong-woo Bae, Hyeon-bin Shin, Jeong Man-sik, Jin Kyung, Ga-ram Jung, Jun-han Kim, Jin-Woong Bae, Heo Dong-won, Jang Eui-Don, Kwon Hyuk-bum, Yong-hwa Jung Anno: 2022 Durata: 109 min. Paese: Corea del sud Distribuzione: Officine Ubu

About Silvia Aceti

Guarda anche

orlando-recensione-film-copertina

Orlando – Recensione del Film di Daniele Vicari con Michele Placido

Orlando: presentato fuori concorso al Torino Film Festival 2022 l’ultima toccante pellicola di Daniele Vicari narra gli …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.