Home / RECENSIONI / Azione / Morbius – Un buon esordio da vampiro Marvel per Jared Leto – Recensione

Morbius – Un buon esordio da vampiro Marvel per Jared Leto – Recensione

Morbius: Dopo una lunga attesa per via dei rimandi dovuti alla pandemia di Covid –19, arriva finalmente in sala, grazie a Sony e Waner Bros., il primo live-action dedicato al celebre antieroe della Marvel, con protagonista il premio Oscar Jared Leto.

Il brillante dottore Michael Morbius (Jared Leto) è costretto fin dalla tenera età a camminare con le stampelle, affetto una rara malattia del sangue che potrebbe causargli una dolorosa morte prematura. Anche per questo ha usato il suo enorme quoziente intellettivo a servizio della scienza media, per trovare una cura per tutti quelli come lui, come il suo migliore amico Loxias Crown (Matt Smith), principale benefattore delle sue ricerche, dedicate soprattutto ai pipistrelli

Alcune sottospecie di questi mammiferi sono molto interessanti per via del fatto che si nutrono solo di sangue, e il loro DNA potrebbe essere la chiave… ma accelerare così tanto l’evoluzione tra uomo e animale non sarà pericoloso?  

Cosa funziona in Morbius  

Diretto da Daniel Espinosa (regista di Life – Non oltrepassare il limite) dopo essere apparso in due serie animate (Spider-Man – L’Uomo Ragno ed Ultimate Spider-Man) il vampiro creato nel 1971 da Roy Thomas e Gil Kane ha finalmente un volto umano, grazie a Jared Leto.  

Un personaggio come Venom molto violento e controverso per via della sua natura omicida, e anche se Morbius non si può propriamente definire un horror splatter, è certamente un film decisamente diverso da quelli di solito proposti dal Disneyano Marvel Cinematic Universe, essendo molto serio, cupo, senza veri momenti umoristici (l’unico che cerca di regalarli è l’agente Rodriguez, ma sono solo un piccolissimo contorno nella storia) e pieno di morti di ogni tipo in scena.  

Altre buone conferme, insomma, dalla Marvel targata Sony, che sembra voler ancor di più cimentarsi in un proprio universo narrativo, andando anche a ripescare uno dei pochissimi elementi positivi usciti fuori dalla saga trilogia dello Spider-Man di Tom Holland (vedasi le due scene durante i titoli di coda).  

E questo se lo augura soprattutto Jared Leto, per niente fortunato come Joker nel DC Extendend Universe, e che quindi potrebbe avere maggior fortuna nella Marvel, e le premesse ci sono tutte, perché il suo Morbius è un personaggio decisamente profondo ed empatico, soprattutto nella prima parte del lungometraggio, senza dimenticare che in Italia abbiamo avuto anche stavolta la fortuna di sentirlo doppiato da Emiliano Coltorti, la cui voce sembra sempre più indicata per i personaggi più o meno pazzoidi.  

Molto buone le scene d’azione, con l’utilizzo anche della slow motion che faranno piacere agli appassionati del cinema di Zack Snyder, a cui la regia sembra dunque ispirarsi un po’, con rimandi a Batman, voluti o meno, nelle scene coi pipistrelli, e c’è anche un po’ di horror qua e là: sulla scia di It nel corridoio d’ospedale, ma anche di “Un lupo mannaro americano a Londra” quando si sfugge dai vampiri per le metropolitane di New York.  


Perché non guardare Morbius  
 
In passato diversi villain dei cinecomic Marvel targati Sony non sono stati del tutto convincenti, e il Loxias Crown di Matt Smith rientra in questa categoria, per via di un fisico non molto fedele al personaggio dei fumetti originali, ma anche per alcune scene un po’ imbarazzanti che ricordano il pessimo Venom di Spider-Man 3.

Il combattimento finale non è dunque la parte migliore del film, il mancato rispetto del classico archetipo del super-cattivo rende la scena meno coinvolgente, un po’ come quella tra Sivana e Shazam nel film del 2019, così come in alcuni momenti ci sembra purtroppo di rivedere alcune sequenze clou di “Twilight“.  

Regia: Daniel Espinosa Con: Jared Leto, Michael Keaton, Matt Smith, Jared Harris, Chris Dodd, Tina Louise Owens, Barry Aird, Abraham Popoola, Dave Simon, Amanda Perez, Kadrolsha Ona Carole, Clara Rosager, Ruth Horrocks, Charlie Shotwell, Archie Renaux, Corey Johnson, Sam Sahota, Bentley Kalu, Sam Wilkinson, Adam El Hagar, Kalle Hennie, Ria Fend, Al Madrigal, Tyrese Gibson, Adria Arjona Anno: 2022 Durata: 108 min. Paese: USA Distribuzione: Warner Bros Italia

About Valerio Brandi

Guarda anche

orlando-recensione-film-copertina

Orlando – Recensione del Film di Daniele Vicari con Michele Placido

Orlando: presentato fuori concorso al Torino Film Festival 2022 l’ultima toccante pellicola di Daniele Vicari narra gli …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.