licorice-pizza-recensione-bluray-recensione
Home / HOME VIDEO / Licorice Pizza – Recensione del Blu-Ray Disc

Licorice Pizza – Recensione del Blu-Ray Disc

Licorice Pizza: L’ultimo film di Paul Thomas Anderson probabilmente non è il capolavoro che molti affermano, ma è sicuramente un mirabile esempio di prestigiosissimo cinema.

A Los Angeles nei primi anni settanta, il giovane e vagamente goffo Gary Valentine (Cooper Hoffman) dichiara amore eterno ad Alana Kane (Alana Haim), ragazza più grande di lui e ben più scaltra e indipendente.

Inizialmente lei rifiuta, ma l’insistenza di lui porterà i due a un susseguirsi di vicissitudini più o meno sentimentali immerse negli umori e nelle atmosfere dorate e nostalgiche di quel periodo irripetibile. Sarà un continuo rincorrersi, negarsi, allontanarsi e riunirsi, in un cortocircuito di ingenua ma spontanea attrazione.

Una commedia leggera per Paul Thomas Anderson (no, “Ubriaco d’amore” era tutta un’altra cosa: ben più sofferto e concettualmente impegnativo), magnetica e vitale, vintage (ma senza troppa nostalgia) e fuggente, impregnata del suo inimitabile stile e del suo illuminato senso per il cinema.

Non il suo film migliore (nonostante le continuino a piovere dieci e lode dovunque), forse sforbiciabile di un quarto d’ora, ma comunque una visione prelibata con momenti bellissimi (la scena sul letto d’acqua, con Let Me Roll It di Paul McCartney in sottofondo) e una colonna sonora meravigliosa.

Gustoso e piacevolmente ondivago, come gli inafferrabili personaggi di contorno pienamente “andersoniani”, tra tutti Sean Penn (inappagabile la sequenza della cavalcata in moto) e Bradley Cooper schizoide e inavvicinabile. Un piacere di vibrante spontaneità, come le frequenti corse a rotta di collo dei protagonisti.

Alana Haim è una rivelazione.

Licorice Pizza – Il Blu-Ray a cura di Davide Belardo

Prodotto e distribuito da Eagle Pictures il Blu-Ray Disc di Licorice Pizza mostra un comparto tecnico di qualità, circa venti minuti di extra e un sottobicchiere come gadget.

Il quadro video è praticamente perfetto, riproduce fedelmente quanto visto in sala ma soprattutto le scelte di girato e fotografia del film. Presente una grana naturale che regala alla pellicola il giusto look anni’70 anche grazie al croma caratterizzato da colori caldi e brillanti. Non abbiamo notato segni di cedimento neanche nelle scene più scure.

Sul versante audio troviamo due tracce in 5.1 DTS HD MA, sia per il doppiaggio italiano (molto buono) che per la preferibile lingua originale inglese. Entrambe ben bilanciate e cristalline, ideali per mettere in luce l’ottima colonna sonora del film e i suoi dialoghi.

Reparto extra ridotto all’osso ma comunque di sufficiente interesse. Include un sottobicchiere come Gadget.

  • Scena tagliata (02:14) Scena eliminata dal montaggio finale.
  • Camera test (04:04) Camera test della scena iniziale e di altre scene del film.
  • Dietro le quinte (10.38) Immagini dal set durante le riprese.
  • Trailer

About Raffaele Mussini

Appassionato di cinema a 360°, bulimico di visioni fin da piccolo. Si laurea in Marketing, per scoprire solo qualche anno più tardi che la sua vocazione è la scrittura. Pubblica così due romanzi e un saggio di cinema, "In ordine di sparizione - Più di duecento film che forse non avete mai visto o che avete dimenticato", edito da Corsiero Editore. Sta lavorando a un quarto libro, ma nel poco tempo libero il cinema combatte duramente per farsi strada e conquistarsi il primato tra le sue passioni. Ama Malick, Scorsese e Mario Bava, tra i tantissimi, con una predilezione per l'horror e per il noir d'altri tempi.

Guarda anche

smile-recensione-film-copertina

Smile – Quando la Morte ti sorride – Recensione

Smile: Ora in sala il debutto cinematografico di Parker Finn, basato sul suo stesso cortometraggio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.