Home / RECENSIONI / L’Angelo dei Muri – Il nuovo grande film di Lorenzo Bianchini

L’Angelo dei Muri – Il nuovo grande film di Lorenzo Bianchini

L’Angelo dei Muri: il regista di culto di Lidrîs cuadrade di trê (2001), torna in sala con una perla cinematografica della tensione, grazie allo sforzo produttivo di Tucker Film, Rai Cinema e MYmovies, confermando il suo fulgido talento.

Pietro (Pierre Richard) è un anziano solo che in un datato appartamento a Trieste nel quale ha trascorso tutta la sua vita e ha cresciuto la sua famiglia. Viene purtroppo raggiunto dall’avviso di uno sfratto esecutivo, evento che lo fa cadere in uno stato di angoscia.

In un attimo di disperazione decide di non lasciare la casa e si costruisce un anfratto con dei mattoni per nascondersi e rimanere all’interno della casa. Il suo piano sembra funzionare finché un giorno in casa arrivano Zala (Iva Krajnc) e Sanya (Gioia Heinz), la figlia che sta perdendo la vista.

Pietro, che attraversa la sua vita già come un fantasma, finisce per diventare il fantasma della casa in cui ha vissuto la sua vita diventando lo spettatore di qualcosa di straordinario.

Cosa funziona in L’Angelo dei Muri

Lorenzo Bianchini con piglio sicuro dirige magistralmente la pellicola costruendo un piccolo gioiello cinematografico in formato thriller, coadiuvato dal ottimo cast (Iva Krajnc, Arthur Defays, Paolo Fagiolo) tra cui spicca la performance di Pierre Richard e della splendida piccola Gioia Heinz.

Come tanti grandi registi prima di lui Lorenzo Bianchini sceglie una casa affascinante come strumento cinematografico per costruire il senso di oppressione necessario all’opera e si dimostra incredibilmente maturo nel saperla sfruttare al meglio.

La perdita della casa per una persona anziana è già di per sé una tragedia ma assume una valenza ancora più ampia se essa è la summa dei ricordi di una vita intera.

Bellissima la scelta del filtro freddo dei colori ad enfatizzare il senso di solitudine e di angoscia che coadiuva una colonna sonora semplice ma funzionale alla costruzione della tensione.

Perché non guardare L’Angelo dei Muri

Splendida pellicola di tensione, L’Angelo dei Muri è una scelta non adatta solo per coloro che al cinema sono in cerca di leggerezza.

L’Angelo dei Muri è in sala da 09 giugno 2022 con Tucker Film.

Regia: Lorenzo Bianchini Con: Pierre Richard, Iva Krajnc, Gioia Heinz, Arthur Defays, Paolo Fagiolo, Zita Fusco, Franko Korosec, Alessandro Mizzi, Adriano Giraldi Anno: 2021 Durata: 102 min. Paese: Italia Distribuzione: Tucker Film

About Elix

Guarda anche

stranger-things-4-recensione-ultimi-episodi

Stranger Things 4 – Recensione degli ultimi due straordinari episodi della serie Netflix

Stranger Things 4: La recensione degli episodi 8 e 9 della serie Netflix. Ebbene, dal …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.