lamb-blurayesclusiva-sito-cg-cover
Home / HOME VIDEO / Lamb – Recensione del Blu-Ray del film con Noomi Rapace

Lamb – Recensione del Blu-Ray del film con Noomi Rapace

Lamb: Disponibile in esclusiva solo sul sito di CG Entertainment, il film di produzione scandinava, distribuito in USA da A24, diventato velocemente un cult indie nonostante i limiti di un horror che vuol farsi autoriale ma non ci riesce.

In un’isolatissima fattoria islandese vivono Maria (Noomi Rapace) e Ingvar (Hilmir Snær Guðnason) col loro gregge di pecore. La coppia assiste un giorno alla nascita di un misterioso neonato da parte di uno dei loro animali e decide così di tenerlo e crescerlo. La prospettiva di una nuova famiglia cederà il passo a un vortice inarrestabile di distruzione e alla perdita di ogni equilibrio morale ed etico. L’arrivo alla fattoria di Pétur (Björn Hlynur Haraldsson), il fratello di Ingvar, peggiorerà ulteriormente la situazione.

Spazi desolanti e affascinanti, atmosfere alla Béla Tarr (non a caso tra i produttori), poi il ridicolo che si vorrebbe sacrale, il grottesco greve che si vorrebbe perturbante, i toni di indugio che si vorrebbero riflessivi.

Scivolare da una parte piuttosto che dall’altra è un attimo, una questione di gusto e di messinscena, di audacia e di limiti. Limiti che Lamb oltrepassa con spiazzante incoscienza.

Soprattutto, però, non c’è progressione drammatica, non c’è climax e, contrariamente alle intenzioni del film, non ci sono domande né dubbi. Il rimosso, qui, non genera mai orrore, ma solo un vuoto di senso perseverante.

Con una sorpresa finale che, per impatto trash, ricorda l’uomo-topo in chiusura a “Rats – Notte di terrore” di Claudio Fragasso e Bruno Mattei.

lamb-blurayesclusiva-sito-cg-copertina

Prodotto e distribuito da CG Entertainment, su licenza e materiali di Wanted Cinema, il Blu-Ray Disc di Lamb è disponibile in esclusiva solo sul sito della CG.

Visivamente il quadro video è solito e ben definito nonostante il dettaglio morbido, ma comunque incisivo. Qualche leggera incertezza nelle scene più scure probabilmente legato alle scelte fotografiche del girato originale.

Il versante audio vede la presenza di due tracce in 5.1 DTS HD MA, sia per l’italiano che per la lingua originale (disponibili anche in 2.0 Dolby Digital). Entrambe risultano ben bilanciate tra i volumi e cristalline nei dialoghi.

Extra: Scena Tagliata (02:25)

About Raffaele Mussini

Appassionato di cinema a 360°, bulimico di visioni fin da piccolo. Si laurea in Marketing, per scoprire solo qualche anno più tardi che la sua vocazione è la scrittura. Pubblica così due romanzi e un saggio di cinema, "In ordine di sparizione - Più di duecento film che forse non avete mai visto o che avete dimenticato", edito da Corsiero Editore. Sta lavorando a un quarto libro, ma nel poco tempo libero il cinema combatte duramente per farsi strada e conquistarsi il primato tra le sue passioni. Ama Malick, Scorsese e Mario Bava, tra i tantissimi, con una predilezione per l'horror e per il noir d'altri tempi.

Guarda anche

mya-sogno-da-vivere-recensione-film-copertina

Mya – Un sogno da vivere – Il ritorno al cinema di Moccia – Recensione

Mya – Un sogno da vivere è il nuovo film da regista di Federico Moccia, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.