Home / RECENSIONI / Drammatico / Hill of Vision – Recensione dell’ultima fatica di Roberto Faenza

Hill of Vision – Recensione dell’ultima fatica di Roberto Faenza

Hill of Vision: il prolifico regista Roberto Faenza torna al cinema con Altre Storie, grazie alla collaborazione con Rai Cinema, per raccontare l’avventurosa vita di Mario Capecchi, uno degli orgogli italiani.

La storia di Mario Capecchi, Premio Nobel per la Medicina nel 2007, è una storia emblematica a tanti livelli.

Cresciuto durante la seconda guerra mondiale, Mario (Lorenzo Ciamei) è figlio di due genitori che non potrebbero essere più lontani negli ideali e nella storia personale: Lucy (Laura Haddock), un’americana antifascista impegnata nella resistenza, e Luciano (Francesco Montanari), un esaltato militare seguace del Duce.

Entrambi impegnati nella lotta su i due fronti separati lasciano Mario in un paesino dell’Alto Adige in compagnia di altri ragazzini, sotto la protezione di una famiglia del posto. A seguito di un bombardamento Mario teme di mettere in pericolo con la sua presenza la famiglia che lo ha accolto e decide di fuggire via, iniziando una vita randagia di espedienti che durerà anni.

Ritrovata la madre alla fine della guerra Mario (Jake Donald-Crookes) finirà in America nella quale verrà velocemente bollato come un italiano senza speranza su cui non investire.

Cosa funziona in Hill of Vision

Hill of Vision è la storia di tanti bambini, prime vittime della guerra, che finiscono troppo facilmente bersaglio di sfruttatori di ogni genere e tipo.

Ma è anche il racconto del fallimento dei sistemi educativi dei paesi così detti avanzati sempre troppo pronti ad abbandonare coloro che non riescono immediatamente ad adattarsi e a correre dietro il sistema.

Fu solo grazie alla perseveranza e all’amore dei sui zii che Mario, prima con il wrestling e poi con la scienza, impererà ad avere fiducia in se stesso ed a trovare la sua strada.

Una strada che lo portò al premio Nobel nel 2007 per i suoi studi sulle cellule staminali embrionali.

Perché non guardare Hill of Vision

Opera ad alto valore educativo Hill of Vision è una pellicola girata però con uno stile televisivo la cui resa scenica un tantino artificiosa farà storcere il naso ad alcuni.

Hill of Vision è in uscita nelle sale italiane il 16 giugno 2022 con Altre Storie.

Regia: Roberto Faenza Con: Laura Haddock, Edward Holcroft, Elisa Lasowski, Francesco Montanari, Jake Donald-Crookes, Lorenzo Ciamei, Sofia D’Elia, Beatrice Aiello, Marco Boriero, Ruben Buccella, Andrea Dallan, Rufus Gleave Anno: 2022 Durata: 104 min. Paese: Italia Distribuzione: Altre Storie

About Elix

Guarda anche

stranger-things-4-recensione-ultimi-episodi

Stranger Things 4 – Recensione degli ultimi due straordinari episodi della serie Netflix

Stranger Things 4: La recensione degli episodi 8 e 9 della serie Netflix. Ebbene, dal …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.