Home / HOME VIDEO / Il Gatto a Nove Code – Recensione del Bluray del film di Dario Argento con James Franciscus, Karl Malden e Catherine Spaak
gatto-a-nove-code-recensione-bluray-copertina

Il Gatto a Nove Code – Recensione del Bluray del film di Dario Argento con James Franciscus, Karl Malden e Catherine Spaak

Il Gatto a Nove Code: In occasione del ritorno cinematografico del maestro Dario Argento, vi presentiamo le nostre recensioni degli ultimi recuperi dei suoi film in Bluray prodotti e realizzati da RaiCom.

Ebbene, in occasione dell’uscita in sala di Occhiali neri e in concomitanza con le relative uscite in Blu-ray delle pellicole sotto citatevi e da noi precedentemente analizzate, continuiamo e terminiamo qui la nostra breve retrospettiva concernente quattro film importantissimi di Dario Argento. Perciò, dopo Tenebre, Phenomena e il suo esordio registico, ovvero L’uccello dalle piume di cristallo, arriviamo e momentaneamente concludiamo qui il nostro argentiano viaggio filmografico-recensorio con Il Gatto a Nove Code (The Cat o’ Nine Tails).

Cioè, la sua seconda prova dietro la macchina da presa, avvenuta esattamente nel ‘71. L’anno immediatamente successivo a quello in cui avvenne, per l’appunto, il suo esordio sopra appena elencatovi e detto.

Il Gatto a Nove Code, film della durata di circa centododici minuti corposi e netti.

Il Gatto a Nove Code, ai tempi della sua release in Italia, soddisfò ampiamente le aspettative e ottenne il successo sperato. Ripagando appieno i desideri dei produttori. Gli incassi, infatti, furono molto alti, perlomeno per gli standard e canoni dell’epoca. Inizialmente, però, Argento, malgrado la straordinaria accoglienza sia da parte degli spettatori che dell’intellighenzia critica, riguardante L’uccello dalle piume di cristallo, incontrò non poche difficoltà finanziare al fine di poter realizzare tale sua seconda regia. Fu grazie agli americani della National General, rimasti incantati nei riguardi de L’uccello dalle piume di cristallo, che poté portare a compimento Il Gatto a Nove Code. Film da lui, peraltro, interamente sceneggiato, oltre che ovviamente diretto, a partire da un soggetto originale scritto con le collaborazioni di Luigi Cozzi e Dardano Sacchetti. E l’apporto, non accreditato, di Bryan Edgar Wallace.

Il Gatto a Nove Code, aggiungiamo, non è soltanto la seconda opus di Argento, in termini cronologici inerenti il suo excursus cineastico, bensì è anche, naturalmente e logicamente, pleonastico ma opportuno ribadirlo, dopo L’uccello dalle piume di cristallo, il secondo suo film appartenente alla cosiddetta Trilogia degli Animali.

Trama e breve giudizio in merito del Morandini dizionario dei film, a cui aggiungeremo fra parentesi i nomi dei personaggi e dei loro interpreti principali:

«Fatti misteriosi accadono in un centro scientifico dove si studiano la genetica e l’ereditarietà. Alle indagini partecipano un giornalista (Carlo Giordani/James Franciscus) e un enigmista cieco (Franco Amò/Karl Malden). Quattro morti violente prima di identificare l’assassino. 2° film di Argento. Molti difetti nella struttura narrativa, ma la contrapposizione tra l’occhio abnorme dell’assassino e la cecità dell’investigatore e la lunga sequenza del cimitero sono le testimonianze di un talento onirico-nevrotico».

Naturalmente, è molto più complicata e variegata la vicenda e articolata, in modo labirintico, la storia da Argento narrataci, per l’appunto diramataci nella fitta rete d’inganni sottili e perfidi, di losche doppie piste e doppiogiochisti, di raggiri e persino d’inseguimenti automobilistici spericolati e desueti per i canoni di regia argentiani. In cui un ruolo centrale è affidato alla seduttiva e attraente Anna Terzi/Catherine Spaak.

Musiche, al solito pertinenti, evocative e di profonda atmosfera suggestiva, nient’affatto sdolcinate, a differenza invece di quanto scioccamente affermato e tristemente equivocato invece nel dizionario Mereghetti, dopo L’uccello dalle piume di cristallo, di Ennio Morricone. Che poi Argento avrebbe “tradito”, affidandosi ai Goblin.

Montato dal fido ed esperto, valido Franco Fraticelli, fotografato meravigliosamente dal compianto Erico Menczer (Sbatti il mostro in prima pagina).

Bellamente tetro, ricolmo brillantemente di argute battute che stemperano sapidamente la tensione e risultano corrosive, taglienti, più pungenti delle lame utilizzate dall’assassino ricercato, ricercatissimo nei particolari, è però stranamente il film che, per stessa ammissione di Argento, lui ama meno, a torto e a nostro avviso. In quanto, sebbene imperfetto, dal finale leggermente fiacco e in molte sue parti incompiuto, disomogeneo e meno emotivamente impattante, per l’appunto compatto, rispetto ad altre opere più potenti di Argento, Il Gatto a Nove Code emana straordinariamente, irripetibilmente il suo ammaliante fascino godibilmente malsano, trattando e ben sviluppando tematiche di matrice lombrosiana e di natura investigativa a riguardo che non passeranno mai di moda. Mindhunter docet. Cosicché, Il Gatto a Nove Code divenne, all’istante, un importante modello d’ispirazione per altre pellicole, non solo argentiane, a venire, divenne forse perfino involontariamente una fascinosa storia di detection non priva di elementi perturbanti ancor oggi capaci di emozionarci e inconsciamente disturbarci con finezza qualitativa del tutto non trascurabile.

Dunque, forse non un film memorabile, però imprescindibile nel percorso artistico di un grande cineasta che, alla sua sola seconda incursione dietro la macchina da presa, dimostrò di sapersi già giostrare mirabilmente con un’appassionante materiale, ripetiamo, in gran parte da lui stesso scritto, decisamente allettante e non solo visivamente trasposto in immagini suadenti, bensì espostoci narrativamente e a livello diegetico con estrema classe di pregiata scuola stimabile.

Il Gatto a Nove Code – Il Bluray a cura di Davide Belardo

Attenzione: Considerato che la produzione di RaiCom è un semplice copia incolla per ogni edizione, sul piano tecnico e extra ma cambia ovviamente il film, abbiamo deciso di riproporre lo stesso testo per le nostre note tecniche.

Prodotto e realizzato da RaiCom, società del Gruppo Rai non collegata a RaiCinema e che detiene i diritti di sfruttamento di circa 500 film del catalogo Titanus, Il Gatto a Nove Code arriva per la prima volta in Bluray in Italia purtroppo con poche luci e molte ombre.

Nel realizzare la sua edizione RaiCom non ha raccolto l’invito del distributore Eagle Pictures, che immaginiamo ci sia stato, vista la cura proposta nelle sue produzioni recenti anche per il recupero dei classici vedi “I 400 Colpi“. Il Bluray de Il Gatto a Nove Code è un prodotto non curato già negli orribili artwork della slipcover di cartone e cover dell’amaray.

Tecnicamente parlando il master utilizzato è restaurato ed è stato fornito da Titanus, proposto però in questa edizione codificato in 25fps e non 24. La definizione, il dettaglio e la pulizia dell’immagine sono godibili ma dispiace segnalare un errore del genere nel 2022.

Sul versante audio troviamo una traccia in 2.0 Dolby Digital di sufficiente qualità per godere della visione del film. Presenti i sottotitoli in Italiano (anche in inglese) necessari per la visione dei non udenti.

Extra: trailer e galleria fotografica.

Considerazioni: Purtroppo RaiCom ha perso la possibilità di regalarci delle ottime versioni da collezione dei film di Dario Argento. Il buon master restaurato, probabilmente di matrice e utilizzo televisivo, viene in parte dilaniato dalla scarsa cura proposta nel confezionare il prodotto. Gli appassionati sicuramente hanno la possibilità di rivolgersi all’estero con le ottime edizioni Arrow, ora anche in 4K e arricchite di extra.

Per chi consigliare quindi queste uscite? Principalmente per gli utenti non udenti che hanno bisogno dei sottotitoli in Italiano per godersi il film. Per gli appassionati home video che non acquistano prodotti esteri e anche per chi colleziona solo uscite italiane (di Argento e non).

About Stefano Falotico

Scrittore di numerosissimi romanzi di narrativa, poesia e saggistica, è un cinefilo che non si fa mancare nulla alla sua fame per il Cinema, scrutatore soprattutto a raggi x delle migliori news provenienti da Hollywood e dintorni.

Guarda anche

stranger-things-4-recensione-ultimi-episodi

Stranger Things 4 – Recensione degli ultimi due straordinari episodi della serie Netflix

Stranger Things 4: La recensione degli episodi 8 e 9 della serie Netflix. Ebbene, dal …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.