Home / HOME VIDEO / Diabolik – Bluray: Recensione e Video Unboxing della Limited Edition

Diabolik – Bluray: Recensione e Video Unboxing della Limited Edition

Diabolik: Disponibile finalmente in Home Video, anche in una lussuosa Limited Edtion in Bluray con fumetto e card da Collezione, il film dei Manetti Bros. dedicato al “Re del Terrore” delle sorelle Giussani.

Siamo nella fittizia città di Clerville, anni Sessanta. Diabolik (Luca Marinelli) è uno spietato ladro e assassino, la cui vera identità è ignota, che si lascerà sedurre dal fascino di Lady Kant (Miriam Leone), una sensuale ereditiera appena arrivata in città con appresso un famoso diamante rosa.

Ma sulle tracce di Diabolik c’è l’ispettore Ginko (Valerio Mastandrea), sempre più vicino a scoprire la sua vera identità.

Regia correttissima ma per nulla incalzante, ammiccamenti pop più o meno azzeccati (soprattutto nel tripudio di split screen della parte finale), una direzione d’attori pessima (la recitazione così sopra le righe è straniante e spesso scivola nel ridicolo), una lunghezza eccessiva e una generale sensazione di artificiosità, di fake, di contraffatto.

Cionondimeno, il film è ammantato di una cupezza fotografica e scenografica che richiamano più la contemporaneità del fumetto, ma contribuiscono a spegnere il film, a smorzarlo, a incupirlo in maniera diametralmente opposta al divertimento che dal film invece dovrebbe scaturire.

Certo non proprio tutto è da buttare: la prima parte è efficace e Miriam Leone perfetta, ma al complesso nuoce soprattutto Luca Marinelli che, per quanto bravo, sta a Diabolik come – chessò – Udo Kier a Babbo Natale.

Quindi sì, il rimpianto per la carica e il vigore dello scanzonato e – quello sì – divertente cult di Mario Bava viene automatico.

Questo ovviamente è il parere di chi dal progetto dei Manetti Bros. si aspettava maggior coraggio nel rinvigorire il nuovo cinema italiano. Se invece volete leggere una visione sul film del tutto contraria, in cui viene apprezzata la volontà di citare un certo tipo di cinema classico, vi rimandiamo alla nostra recensione della sua uscita in sala al seguente link.

Diabolik – Il Bluray a cura di Davide Belardo

Prodotta e distribuita da Eagle Pictures, su licenza e materiali 01/Rai Cinema, l’edizione limitata di Diabolik include il disco Bluray e DVD del film, 2 Card da collezione e il prezioso fumetto numero 3 che lo ha ispirato. Scopri l’edizione con il nostro Video Unboxing in testa all’articolo.

Tecnicamente parlando siamo al cospetto di un ottimo prodotto che sul piano video presenta immagini ben definite, dettagliate e con dei neri solidissimi. Qualche incertezza e morbidezza nelle scene con gli effetti speciali, probabilmente dovuti anche alla necessità di nascondere i limiti produttivi, ma in generale è un quadro completamente promosso.

Sul versante audio troviamo una traccia in 5.1 DTS HD MA di grande impatto. Convincente sia sul piano del bilanciamento dei volumi che sulla divisione e utilizzo dei canali.

Di pregevole fattura anche il reparto dei contenuti speciali grazie soprattutto alla presenza di un Backstage di circa 47 minuti. Un extra non da poco considerato che per i film italiani spesso il tutto è limitato a clip promozionali di brevissima durata.

  • Backstage: Diabolik sotto la maschera (47:00) Diario produttivo sulla realizzazione del film con interviste e immagini dal set.
  • Gli effetti speciali (02:00) Breve clip sulla creazione degli effetti visivi.
  • Videoclip “La profondità degli abissi” (3:00) Il video della canzone di Manuel Agnelli.

About Raffaele Mussini

Appassionato di cinema a 360°, bulimico di visioni fin da piccolo. Si laurea in Marketing, per scoprire solo qualche anno più tardi che la sua vocazione è la scrittura. Pubblica così due romanzi e un saggio di cinema, "In ordine di sparizione - Più di duecento film che forse non avete mai visto o che avete dimenticato", edito da Corsiero Editore. Sta lavorando a un quarto libro, ma nel poco tempo libero il cinema combatte duramente per farsi strada e conquistarsi il primato tra le sue passioni. Ama Malick, Scorsese e Mario Bava, tra i tantissimi, con una predilezione per l'horror e per il noir d'altri tempi.

Guarda anche

good-morning-tel-aviv-recensione-film-copertina

Good Morning Tel Aviv – Recensione del doc di Giovanna Gagliardi

Good morning Tel Aviv è stato presentato alla Festa del cinema di Roma 2022 ed …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.