danko-recensione-4k-bluray-copertina
Home / HOME VIDEO / Danko – Recensione del 4K Bluray del film di Walter Hill con Arnold Schwarzenegger e James Belushi

Danko – Recensione del 4K Bluray del film di Walter Hill con Arnold Schwarzenegger e James Belushi

Danko: Finalmente disponibile in 4K Ultra HD, per la collana 4Kult di Eagle Pictures, il film diretto da Walter Hill con Arnold Schwarzenegger e James Belushi.

Ebbene, oggi recensiamo Danko, firmato dal maestro Walter Hill. Regista che ovviamente non abbisogna di presentazioni, autore infatti di capolavori magistrali e sensazionali, di opere epocali e leggendarie quali I guerrieri della notte, Strade di fuoco, I guerrieri della palude silenziosa, I cavalieri dalle lunghe ombre…

Walter Hill, che aspettiamo prossimamente, con enorme trepidazione ed enorme hype, come si suol dire oggigiorno, tirando in ballo un’espressione di moda e assai in voga, enorme, col suo nuovo western, Dead for a Dollar, con Willem Dafoe & Christoph Waltz, suo annunciato ritorno dietro la macchina da presa a distanza di molti anni dalla sua ultima prova registica, risalente a Nemesi con Sigourney Weaver del 2016.

Ma ora torniamo a Danko, uscito nelle sale mondiali nel 1988, il cui titolo originale è Red Heat.

Pellicola della durata di un’ora e quarantaquattro minuti, sceneggiata da Troy Kennedy-Martin (Un colpo all’italiana) ed Harry Kleiner (Bullitt) da un soggetto e una storia originali dello stesso Hill.

Danko è stata in assoluto la prima produzione statunitense a cui fu concessa la rara possibilità di girare molte scene a Mosca, specie nell’incipit, nella celeberrima Piazza Rossa situata nei pressi del Cremlino, sino a quel momento preclusa severamente a ogni film finanziato, per l’appunto, dagli States, per via della Guerra Fredda. Trama, brevissimamente da noi qui riassunta in modo saliente e speriamo esaustivamente netto…

Il durissimo, taurino, muscoloso Ivan Danko, titano russo da non confondere con Ivan Drago/Dolph Lundgren di Rocky IV (possibile che gli sceneggiatori americani avessero, a quei tempi, così poca fantasia nell’inventare i nomi dei characters dei protagonisti delle loro storie cinematografiche, scopiazzandosi in modo monotono e parossistico, dunque a vicenda in modo così imbarazzante da farci arrossire?), cioè un poliziotto tutto d’un pezzo, severissimo e lucidamente spietato contro i suoi nemici a mo’ d’un Terminator sui generis (naturalmente, Arnold Schwarzenegger), viene assoldato e mandato a Chicago, quindi associato a uno sbirro del luogo, Art (Jim Belushi), al fine di poter finalmente catturare il temibile e, sin a questo momento, imprendibile Viktor Rostavili (Ed O’Ross). 

Inizialmente, le forti differenze caratteriali e culturali fra Danko e Art, fra cui istintivamente non scorre, come si suol dire, buon sangue, scateneranno non pochi vicendevoli problemi, rendendo complicato perfino il già tortuoso e ostico cammino delle indagini spericolate. Poi, tutto si risolverà per il meglio e il terribile villain sarà consegnato alla giustizia oppure addirittura finirà giustamente morto ammazzato? Chissà…

In pieno periodo immediatamente conseguente alla Perestrojka, Walter Hill gira un adrenalinico film d’action che si guarda che è un piacere e fila liscio come l’olio. Divertentissimo e al contempo avvincente dal primo all’ultimo minuto, dal ritmo prepotentemente incalzante che non lascia un sol attimo di tregua, inchiodandoci fra colpi di scena spiazzanti, scene d’inseguimento ad alto tasso di spettacolarità funambolica e perfino volutamente surreali e ironicamente eccessive, per l’appunto, intrattenendo con enorme gusto ma non prendendosi sanamente mai sul serio in modo noioso e pretenzioso.

Cast eterogeneo ove, oltre ai citati Schwarzy e Belushi, sfilano i nomi degli indimenticabili caratteristi Peter Boyle (Taxi Driver), di Pruitt Taylor Vince (La leggenda del pianista sull’oceano), Brion James (Leon Kowalski di Blade Runner), Peter Jason e si fanno notare, si distinguono le presenze importanti di Richard Bright, Laurence Fishburne e di una già torbida, irresistibile, sexy e conturbante Gina Gershon giovanissima.

Musiche di James Horner e bella fotografia funzionale di Matthew F. Leonetti per un purissimo, secchissimo, strepitoso seppur non eccelso e non un capolavoro, thriller d’azione che fa il suo sporco dovere godibilissimo e che, grazie ad alcuni tocchi di classe del geniaccio Hill, ci regala attimi di stupenda suspense alternati a momenti esilaranti e bellamente goliardici.

Danko – Il 4K Bluray a cura di Davide Belardo

Prodotto e distribuito da Eagle Pictures, su licenza e materiali di StudioCanal,  la versione COMBO (4K+Bluray) di Danko è ora disponibile sul nostro mercato grazie alla collana 4Kult, dedicata al recupero dei classici in formato 4K, accompagnata da una Card da collezione limitata e numerata (1000 Prime Copie).

Il nuovo master in ultra definizione realizzato da una nuova scansione in 4K, partendo negativi originali in 35 mm di StudioCanal, mostra significativi miglioramenti rispetto al precedente Bluray, incluso nella confezione, per quanto riguarda dettaglio, definizione, gestione del contrasto, colori e luminosità.

Le migliorie vanno ricercate non solo nell’aumento di risoluzione ma anche e soprattutto nel piacevole utilizzo dei filtri in dotazione del formato 4K. Permane qualche lievi incertezza sulla gestione della grana e degli oggetti sullo sfondo che in alcune sequenze mostrano un leggero rumore video, tuttavia quasi totalmente impercettibili. Non aspettatevi la stessa resa di “Atto di Forzama in generale i miglioramenti sono netti e tangibili.

Sul versante audio trova spazio una traccia in 2.0 DTS HD MA per il doppiaggio italiano più che sufficiente per godere della visione nella nostra lingua. Altra pasta e spessore per l’originale inglese offerto in una più aggressiva e suggestiva codifica in 5.1 DTS HD MA, ben calibrata e pulita.

Un solo extra, ma di interesse, presente solo su disco 4K.

  • Arnold Schwarzenegger – L’uomo che conquisto Hollywood (15:36) Breve speciale sulla carriera del mitico Arnold.

About Stefano Falotico

Scrittore di numerosissimi romanzi di narrativa, poesia e saggistica, è un cinefilo che non si fa mancare nulla alla sua fame per il Cinema, scrutatore soprattutto a raggi x delle migliori news provenienti da Hollywood e dintorni.

Guarda anche

good-morning-tel-aviv-recensione-film-copertina

Good Morning Tel Aviv – Recensione del doc di Giovanna Gagliardi

Good morning Tel Aviv è stato presentato alla Festa del cinema di Roma 2022 ed …

Un commento

  1. Visto al cinema! Fu una bellissima sorpresa! Ottima recensione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.