Home / RECENSIONI / Commedia / Astolfo – Inno alla vita e all’amore – Recensione

Astolfo – Inno alla vita e all’amore – Recensione

Astolfo: presentato in occasione della diciassettesima Festa del Cinema di Roma, e distribuito in sala da Lucky Red, questo nuovo film di Gianni Di Gregorio è un simpatico inno all’amore per ogni età.
 
Astolfo (Gianni Di Gregorio) è un professore romano in pensione che, dopo essere stato sfrattato, è costretto a trovarsi una nuova casa. Non potendosi permettere una nuova sistemazione nella Capitale, decide di tornare al suo vecchio paesino, dove possiede ancora una parte di una antica casa nobiliare.

Una volta arrivato al borgo, la sua situazione non sembra molto migliorata: la casa non è più la stessa della sua gioventù, tra espropri e nuovi “coinquilini”. Si prospetta un finale di vita molto precario e pieno di delusioni, anche se l’incontro con la bella Stefania (Stefania Sandrelli) forse cambierà alcune cose… 

Cosa funziona in Astolfo 

Nuovo progetto a tutto tondo per Gianni Di Gregorio, perché anche con Astolfo non è solo l’attore protagonista, ma anche regista e sceneggiatore. Una simpatica commedia decisamente adatta per gli spettatori della sua generazione, ma non solo.

La storia è incentrata su dei pensionati che non rinunciano alla felicità e all’amore nonostante la terza età, ma ci sono anche personaggi secondari più giovani di loro che cercano di tirare avanti nonostante i problemi relativi alla precarietà, lavorativa ed immobiliare.  

Astolfo dunque è dedicato anche a loro, per affrontare queste problematiche, attuali o forse future, con un sorriso, o perlomeno con la voglia di sdrammatizzare un po’, così come con leggerezza ed intelligenza è trattata la politica comunale, in particolare su quella truffa legalizzata (almeno per quel che riguarda le modalità di ricorso) di nome esproprio.

Perché non guardare Astolfo  

Tutto bene in questo lungometraggio, girato nei comuni di Vasto in Abruzzo e Artena nel Lazio, a parte un piccolo neo sul finale, che ci è apparso un minimo troppo sbrigativo, soprattutto su alcune questioni irrisolte di Astolfo e dei suoi amici.  Del resto che conosce il cinema di Gianni Di Gregorio è cosciente che il film finisce quando Di Gregorio decide che è il momento di chiuderlo.

Il film è al cinema dal 20 ottobre con Lucky Red.

Regia: Gianni Di Gregorio Con: Stefania Sandrelli, Gianni Di Gregorio, Simone Colombari, Agnese Nano, Alberto Testone Anno: 2022 Durata: 97 min. Paese: Italia Distribuzione: Lucky Red.

About Valerio Brandi

Guarda anche

non-volere-volare-recensione-film-copertina

Non volere volare – Consigli per essere liberi – Recensione

Non volere volare parte da Londra e arriva in Islanda, un percorso tortuoso per i …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.