Home / RECENSIONI / Documentario / Annie Ernaux – I miei anni Super8 – Viaggio nella vita di un premio Nobel – Recensione

Annie Ernaux – I miei anni Super8 – Viaggio nella vita di un premio Nobel – Recensione

Annie Ernaux – i miei anni Super8 è docu-film creato con i filmati amatoriali del premio Nobel per la letteratura, esce in sala il 6 dicembre dopo la presentazione alla Festa del Cinema di Roma. Un viaggio negli anni ’70 e nella vita di una famiglia borghese poco ordinaria.

Nel 1972, Annie Ernaux e Philippe, suo marito, acquistano una cinepresa Super-8. Genitori di due bambini, Éric e David, la giovane coppia vive ad Annecy, dove Annie insegna letteratura in una scuola secondaria. Tra viaggi e scorci di vita quotidiana, i film di famiglia a colori e muti girati dagli Ernaux sono la cronaca di un’epoca, di una società in trasformazione e un potente racconto di emancipazione femminile.

Cosa funziona in Annie Ernaux – I miei anni Super8

Il docu-film, presentato all’ultima edizione della Festa del cinema di Roma, selezionato e inserito in programma prima della proclamazione del Nobel a Annie Ernaux, è un affascinante viaggio in un territorio che per molti potrebbe richiamare ricordi familiari.

Le memorie in pellicola della famiglia Ernaux assomigliano a quelle delle famiglie europee che negli anni ’70 si potevano permettere una telecamera super8: immagini con colori accesi di vacanze al mare o in montagna, eventi turstici (come una corrida che purtroppo non stupisce nel finale) sorrisi, sguardi in camera, imbarazzi muti o gioia incontenibile.

Il valore aggiunto è il commento a queste immagini della stessa Ernaux, che ci porta all’interno della famiglia, ricostruendo le dinamiche e i sentimenti che circondano quelle inquadrature. Un rapporto che si sfalda, un amore che esplode. Ogni immagine acquista così una terza dimensione, quella della vita vissuta.

Perché non guardare Annie Ernaux – I miei anni Super8

Il film di Annie Ernaux e di suo figlio è un viaggio sentimentale, privo di trama, comandato dallo scorrere della vita e delle immagini che ci portano dal 1972 al 1981, anno in cui la famiglia perde il possesso della telecamera Super8. Si assiste a un flusso di coscienza, un’opera d’arte, più che un film strutturato in modo classico.

Il film è al cinema dal 6 Dicembre con I Wonder Pictures.

Regia: Annie Ernaux e David Ernaux-Briot Con: Annie Ernaux, David, Eric e Philippe Ernaux Anno: 2022 Durata: 61 minuti Paese: Francia Distribuzione: I Wonder Pictures

About A V

Guarda anche

the-fabelmans-recensione-film-copertina

The Fabelmans – Il film più intimo di Steven Spielberg – Recensione

The Fabelmans: L’ultimo bellissimo e malinconico film di Zio Steven è ora in corsa per …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.