Home / RECENSIONI / Commedia / Voci d’Oro – L’importanza di dare voce al proprio partner – Recensione

Voci d’Oro – L’importanza di dare voce al proprio partner – Recensione

Voci d’Oro: Dopo la presentazione e la vittoria allo scorso Bif&est di Bari, premio per la miglior regia nella sezione-concorso Panorama Internazionale, il film del regista israeliano Evgeny Ruman, arriva direttamente in streaming dal 24 Aprile in esclusiva sulla piattaforma digitale MioCinema.

1990. Victor (Vladimir Friedman) e Raya Frenkel (Mariya Belkina) sono una coppia nella vita come nel lavoro. Per anni voci d’oro del doppiaggio sovietico, sono oggi delle vere e proprie leggende popolari che hanno prestato la voce a tutti i film occidentali che hanno raggiunto gli schermi dei cinema sovietici.

Con il crollo dell’Unione Sovietica la coppia ha deciso di fare Aliyah per emigrare in Israele come centinaia di migliaia di ebrei sovietici. Nonostante la loro fama di celebri doppiatori però in Israele non c’è bisogno del loro talento e ogni tentativo di ripartire, passa attraverso una serie di bizzarre disavventure.

Con le certezze ormai naufragate e le difficoltà di iniziare una nuova vita, in cui imparare lingua, usi e costumi, la coppia inizia il suo percorso di adattamento ma mentre Raya sembra accettare la sua nuova esistenza, suo marito Victor è sempre più riluttante e depresso. Sarà l’inizio di una nuova esistenza per entrambi con esiti bizzarri, assurdi, dolorosi ma anche divertenti.

Cosa funziona in Voci d’Oro

Attraverso la ricostruzione dello sbarco di migliaia di ebrei sovietici in Israele il regista Evgeny Ruman, ci mostra le difficoltà di riprendere il filo della propria vita lontano dalla terra natia.

Victor e Raya sono una coppia di successo avanti negli anni che nonostante la complicità lavorativa ha smarrito il rapporto di coppia. Immersi in una situazione bizzarra, in cui hanno perso l’identità nazionale e personale, la coppia si deve necessariamente ritrovare prima di iniziare il suo nuovo percorso.

Omaggio al cinema e ad una delle categorie che lo ha reso grande nel mondo, Voci d’Oro, è un film delicato che con ironia cerca di rappresentare anche le difficoltà vissute dagli immigrati.

Perché non guardare Voci d’Oro

Non ci sono peculiari difetti da segnalare, Voci d’Oro, è un film delicato che con grazia e un pizzico di follia cerca di omaggiare un popolo e raccontare una storia d’amore.

Zero colpi di scena o twist narrativi, solo una coppia che tra mille difficoltà deve capire come ritrovarsi. La semplicità non è necessariamente un difetto ma può annoiare chi è alla ricerca di guizzi narrativi.

Il film è disponibile dal 24 Aprile in esclusiva sulla piattaforma digitale MioCinema.  

Regia: Evgeny Ruman. Con Maria Belkin, Vladimir Friedman, Evelin Hagoe, Evelin Hagoel, Uri Klauzner. «continua Elizabeth Kon, Alexander Senderovich Anno: 2019 Durata: 88 min. Paese: Israele Distribuzione: MioCinema

About Davide Belardo

Davide Belardo
Editor director, ideatore e creatore del progetto Darumaview.it da più di 20 anni vive il cinema come una malattia incurabile, videogiocatore incallito ed ex redattore della rivista cartacea Evolution Magazine, ascolta la musica del diavolo ma non beve sangue di vergine.

Guarda anche

cosa-bella-di-una-brutta-giornata-recensione-libro-copertina

La Cosa Bella di una Brutta Giornata – Un ombrello emotivo in formato letterario per le tempeste della vita – Recensione

La Cosa Bella di una Brutta Giornata: La psicoterapeuta Anabel Gonzalez, esperta di gestione delle …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.