Home / RECENSIONI / Drammatico / Trafficante di Virus – La vicenda giudiziaria della virologa Ilaria Capua – Recensione

Trafficante di Virus – La vicenda giudiziaria della virologa Ilaria Capua – Recensione

Trafficante di Virus: nelle sale la pellicola che narra la straordinaria parabola professionale e la surreale vicenda giudiziaria che ha coinvolto la virologa Ilaria Capua.

Presentato al 39° Torino Film Festival, Trafficante di Virus, diretto dalla regista siciliana Costanza Quatriglio, è la trasposizione cinematografica del romanzo autobiografico Io, trafficante di virus, edito da Rizzoli Editore, della virologa Ilaria Capua.

Irene (Anna Foglietta) è una giovane e appassionata virologa che nonostante il notevole talento che la contraddistigue e la abnegazione con la quale porta avanti la sua attività scopre presto il prezzo professionale e personale del suo successo.

Osteggiata da superiori miopi e da familiari che si sentono oscurati dal suo successo la giovane Irene si troverà presto a prendere importanti decisioni in grado di coinvolgere la salute dell’umanità intera. Sua infatti fu la decisione di mettere gratuitamente a disposizione della comunità scientifica mondiale la sequenza genica del virus della Sars allo scopo di consentire agli scienziati africani di contenere i focolai scoppiati in sud Africa che avrebbero potuto portare ad una pandemia.

Cosa funziona in Trafficante di Virus

Un pellicola, alla cui sceneggiatura ha collaborato anche Francesca Archibugi, che si presta a molti diversi livelli di interpretazione. Sicuramente in un’ottica di genere si può guardare a questa vicenda come alla storia di un successo femminile in un contesto come quello italiano nel quale si fatica ancora terribilmente a guardare le donne al di là della dimensione sessuale e il cui successo è guardato con sospetto e ostilità.

In senso più ampio si può guardare a questa storia come alla lotta di una ostinata scienziata per l’abbattimento di quei limiti imposti dalle grandi corporazioni le cui mire economiche diventano in alcuni casi oscacoli alla libera circolazione delle informazioni scientifiche in un ambito come quello della virologia in cui il tempismo è tutto. I

n ultima analisi Trafficante di Virus può essere vista come una pellicola di denuncia contro le storture di un sistema giudiziario da incubo come quello italiano che hanno costretto un talento italiano a lasciare il suo paese.

Perché non guardare Trafficante di Virus

Comunque lo si voglia guardare Trafficante di Virus è una pellicola complessa che, nonostante la freddezza e la meccanicità della trasposizione scenica di alcuni passaggi che non lo rendono completamente riuscito, gode del consueto trasporto che Anna Foglietta infonde nel suo lavoro come anche della assoluta attualità della tematica che la rende una vicenda di sicuro interesse per un pubblico di largo spettro.

Trafficante di virus è in uscita nelle sale italiane per un evento speciale dal 29 Novembre al 1 Dicembre e poi dal 13 dicembre su Prime Video con Medusa Film.

Regia: Costanza Quatriglio Con: Anna Foglietta, Michael E. Rodgers, Andrea Bosca, Roberto Citran, Paolo Calabresi, Luigi Diberti, Isabel Russinova, Beatrice Fedi, Fulvio Falzarano, Alberto Basaluzzo, Donatella Bartoli Anno: 2021 Durata: Paese: Italia Distribuzione: Medusa Film.

About Elix

Guarda anche

one-piece-film-red-recensione-film-copertina

ONE PIECE FILM: RED – All’Arrembaggio da Lucca al Cinema – Speciale/Recensione

Al Lucca Comics & Games si è tenuta l’anteprima europea di ONE PIECE FILM: RED, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.