Home / RECENSIONI / The Waiter – Le inattese conseguenze dell’amore – Recensione

The Waiter – Le inattese conseguenze dell’amore – Recensione

The Waiter: Con il suo film il regista greco Steve Krikris porta all’attenzione mondiale il suo lungometraggio d’esordio, un noir intrigante dai risvolti psicologici in una Atene insolitamente silenziosa e minimale.

Renos (Aris Servetalis) è un cameriere che vive ad Atene una vita apparentemente molto ordinata e routinaria.

La sua quotidianità fatta di lavoro e semplici svaghi viene improvvisamente sconvolta dalla scomparsa del suo vicino di casa Milan e dalla frequentazione di due misteriosi personaggi che sembrano essere coinvolti nella vicenda. Un viaggio psicologico colmo di svolte inaspettate nella vita di personaggi sfuggenti quanto sfaccettati.

Cosa funziona in The Waiter

Inspirato a fatti realmente accaduti a New York alla fine degli anni 80, The Waiter è una pellicola fortemente debitrice in termini stilistici alla new wave cinematografica greca, ponendosi in continuità con il linguaggio estetico e stilistico della nuova cinematografia ellenica fatta di un sapiente uso delle immagini, del colore e di grande parsimonia di dialoghi espliciti.

Un cinema in cui i silenzi e l’aura di immagini estremamente curate comunicano molto di più delle parole, privilegiando un linguaggio implicito ed evocativo.

La continuità con la new wave greca è suggerita anche dalla presenza di Aris Servetalis nella parte del protagonista, già visto in “Alps” di Yorgos Lanthimos e in “Apples” di Christos Nikou.

Perché non guardare The Waiter

Premiato in numerosi festival internazionali, tra cui il Thessaloniki Film Festival e il São Paulo International Film Festival, la pellicola del regista greco mette molta carne al fuoco, mescolando il noir, ma anche il registro ironico, con il genere drammatico e l’introspezione psicologica senza però riuscire a costruire un epilogo all’altezza delle aspettative prodotte da una elaborata costruzione narrativa e dalla grande cura messa nella rappresentazione scenica.

Un buon esercizio stilistico di un regista esordiente che promette un grande futuro ma che sembra ancora peccare in parte di poca maturità, soprattutto in fase di scrittura.

The Waiter è disponibile dal 4 giugno in esclusiva sulla piattaforma digitale MIOCINEMA grazie a Lucky Red.

Regia: Steve Krikris Con: Aris Servetalis, Yannis Stankoglou, Alexandros Mavropoulos, Eleanna Finokalioti Anno: 2018 Durata: 95 min. Paese: Grecia Distribuzione: Mio Cinema – Lucky Red

About E P

Guarda anche

il-silenzio-grande-recensione-film-copertina

Il Silenzio Grande – Una famiglia complicata in una casa ingombrante – Recensione

Il Silenzio Grande: Alessandro Gassmann torna alla regia con una commedia che ragiona sulla famiglia, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.