the-lonely-hearts-killers-recensione-bluray-copertina
Home / HOME VIDEO / The Lonely Hearts Killers – Recensione del Bluray del film

The Lonely Hearts Killers – Recensione del Bluray del film

The Lonely Hearts Killers: Finalmente in Bluray e DVD con Midnight Factory l’ultima esecrabile fatica del controverso Fabrice Du Welz.

Gloria, che vive con la figlia dopo essere scappata da un marito opprimente, conosce un giorno Michael attraverso un sito di incontri. L’uomo, che si rivela presto essere un gigolò affabulatore e truffatore di vedove, instaura con la donna un rapporto torbido e malato prossimo a degenerare in follia.

Bestia strana Fabrice Du Welz, fuori dagli schemi come lo sono pochissimi registi oggi.

Cineasta scomodo, perché sfida il gusto e l’indulgenza dello spettatore, quasi sempre con fine costruttivo, con autoriale e autorevole intelligenza sovversiva, quella necessaria per ogni rilettura o stravolgimento di buona riuscita.

Cosa che purtroppo non capita in questo “Alleluia”, da noi distribuito come The Lonely Hearts Killers (il rimando a “I killers della luna di miele”, cult del 1970 e fonte di chiara ispirazione per Du Welz, è immediato).

Il film è infatti un delirio morboso che, pur conservando alti momenti di regia, si rivela in fin dei conti inconcludente. Squallore e degenerazione morali non trovano infatti un’adeguata corresponsione di scavo e l’asfissiante ripetitività dello schema disperde presto la tensione. Ed è ancora una questione di genere eluso e negato (a prova di questa confusione identitaria, c’è perfino un inutile frammento musical), l’attesa estenuante di una deflagrazione che non arriva, uno stallo alle premesse.

Un grande peccato.

The Lonely Hearts Killers – Il Bluray a cura di Davide Belardo

Prodotto da Midnight Factory e distribuito dalla casa madre Koch Media Italia, il Bluray di The Lonely Hearts Killers viene presentato sul mercato italiano nella consueta edizione Limited Edition della Casa del Male fatto bene, composta da Slipcase di cartone e Booklet redatto dalla redazione di Nocturno.

Girato nativamente in Super 16, variante dei 16mm, il girato originale del film presenta delle immagini molto granulose e sporche che mantiene perfettamente anche nella sua trasposizione domestica. Tutti i lievi difetti riscontrati durante la visione vanno probabilmente ricercati nelle scelte originali del girato e non in limiti del trasferimento.

Per quanto riguarda la parte audio troviamo due tracce in 5.1 DTS HD MA, sia per il doppiaggio italiano che per l’audio originale. Nulla di negativo da segnalare, entrambe suonano potenti e pulite.

Extra purtroppo non pervenuti.

About Raffaele Mussini

Appassionato di cinema a 360°, bulimico di visioni fin da piccolo. Si laurea in Marketing, per scoprire solo qualche anno più tardi che la sua vocazione è la scrittura. Pubblica così due romanzi e un saggio di cinema, "In ordine di sparizione - Più di duecento film che forse non avete mai visto o che avete dimenticato", edito da Corsiero Editore. Sta lavorando a un quarto libro, ma nel poco tempo libero il cinema combatte duramente per farsi strada e conquistarsi il primato tra le sue passioni. Ama Malick, Scorsese e Mario Bava, tra i tantissimi, con una predilezione per l'horror e per il noir d'altri tempi.

Guarda anche

caro-evan-hansen-recensione-film-copertina

Caro Evan Hansen – Un musical che affronta l’ansia sociale – Recensione

Caro Evan Hansen: Diretto da Stephen Chbosky e con un ricco cast che vede la …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.