Home / RECENSIONI / Run – Il ritorono di Sarah Paulson al cinema – Recensione

Run – Il ritorono di Sarah Paulson al cinema – Recensione

Run: Dal 10 giugno, torna in sala Aneesh Chaganty, regista dell’acclamato Searching (Sundance Fest 2018), con un nuovo thriller sempre basato sui rapporti familiari con protagonista Sarah Paulson.

Chloe (Kiera Allen) è una ragazza diciasettenne costretta in casa per via della sua salute. Ha bisogno delle cure costanti di sua madre Diane (Sarah Paulson), che da quando è nata è la sua ombra, ha stravolto la sua vita per la figlia: la loro routine quotidiana è completamente strutturata in base alle cure di cui ha bisogno Chloe.

Ben presto però scopriamo che non tutto è ciò che sembra e che, se ci fosse un premio cinematografico per la categoria “Mamma psicopatica”, sicuramente il personaggio di Diane, interpretato da Sarah Paulson, sarebbe tra le classificate.

Cosa funziona in Run

Run è un thriller dalla trama molto semplice e lineare. Se dovessimo fare un confronto con il precedente “Searching“, sicuramente non lo reggerebbe perché non è innovativo come l’esordio cinematografico di Aneesh Chaganty.

Però è comunque un buon film interpretato da due attrici di tutto rispetto: Sarah Paulson, ormai è evidentemente devota e portata a questo genere di personaggi, anche grazie a tutti i ruoli interpretati sotto la regia di Ryan Murphy, che l’ha eletta a sua musa; Kiera Allen, è al suo debutto, ed è in grado di reggere il confronto, sia a livello fisico che interpretativo.

Il punto di partenza, la sindrome di Münchausen per procura, è uno spunto interessante e diverso dal solito per indagare sui rapporti tra genitori e figli e sulle patologie psichiatriche

Perché non guardare Run

Come già detto, Run non ha niente di innovativo e sorprendente. Fa il suo, ma non lascia allo spettatore nessun dubbio fin dall’inizio: si svela immediatamente e si capisce dove andrà a parare. Da subito ci ricorda l’impianto narrativo di “Misery non deve morire“, e il personaggio di Diane ricorda Annie Wilkes, anche se forse fa meno paura.

Seppur non sorprendente, possiamo però considerare Run come un film sufficientemente godibile e non del tutto un passo falso del regista indiano.

Run è al cinema dal 10 giugno distribuito da Universal Pictures e Lucky Red.

Regia: Aneesh Chaganty. Con Sarah Paulson, Kiera Allen, Pat Healy, Erik Athavale, Sharon Bajer,  Bradley Sawatzky, Sara Sohn, BJ Harrison, Onalee Ames Anno: 2020 Durata: 90 min. Paese: USA Distribuzione: Lucky Red e Universal Pictures

About Silvia Aceti

Guarda anche

il-silenzio-grande-recensione-film-copertina

Il Silenzio Grande – Una famiglia complicata in una casa ingombrante – Recensione

Il Silenzio Grande: Alessandro Gassmann torna alla regia con una commedia che ragiona sulla famiglia, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.