Home / RECENSIONI / Horror / Possession – L’Appartamento del Diavolo – Recensione del film di Albert Pintó

Possession – L’Appartamento del Diavolo – Recensione del film di Albert Pintó

Possession – L’Appartamento del Diavolo: Albert Pintó riporta in sala dal 28 luglio le possessioni demoniache.

Ambientata nel 1976 a Madrid, la storia si concentra sulla famiglia Olmedo, che si trasferisce dalla campagna per ricominciare una nuova vita. Lottando per sbarcare il lunario, i problemi della famiglia sono aggravati da malevoli fenomeni nella loro nuova casa.

Cosa funziona in Possession – L’Appartamento del Diavolo

Possession – L’Appartamento del Diavolo è un horror meravigliosamente atmosferico, che sforna uno jump scare dopo l’altro, sostenuto da immagini inquietanti e dalla vigorosa fotografia di Daniel Sosa Segura.

Il film funziona per il modo in cui riesce a piegare e manipolare semplici esperienze umane in terrificanti incubi viventi a cui non si può sfuggire.

Perché non guardare Possession – L’Appartamento del Diavolo

Il rovescio della medaglia del concentrarsi sullo spaventare il pubblico è che a volte i personaggi non sono così sviluppati come potrebbero essere.

Inoltre sembra che la metafora su cui ci vuol far riflettere Pintó, e cioè che fede e cultura generano grandi famiglie e povertà, e il pensiero antiquato crea mostri, utilizzando l’atmosfera di ritorno al passato, conserva quel vecchio cliché horror del mostruoso “altro”, ricorrendo al personaggio disabile fisico come canale del soprannaturale.

Per quanto ben intenzionato e ricco di potenziale, Possession – L’Appartamento del Diavolo, finisce per sprecare le sue buone intenzioni con raffigurazioni datate e problematiche di persone disabili e transgender.

Il film è al cinema dal 28 luglio con Lucky Red.

Regia: Albert Pintó Con: Begoña Vargas, Sergio Castellanos, José Luis de Madariaga, Concha Velasco, María Ballesteros, Bea Segura, Javier Botet, Antonio Del Olmo, Paco Ochoa Anno: 2020 Durata: 104 min. Paese: Spagna Distribuzione: Lucky Red 

About Silvia Aceti

Guarda anche

run-recensione-film-copertina

Run e Maternal ora disponibili in Bluray e DVD

Due incredibili film targati Lucky Red in arrivo in Home Video grazie a Koch Media …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.