Home / TV / Serie TV / Panic… ma non troppo! Recensione della nuova serie Tv di Prime Video

Panic… ma non troppo! Recensione della nuova serie Tv di Prime Video

Panic: La recensione della prima stagione della serie Amazon Prime Video scritta da Lauren Oliver  e basata sul suo omonimo romanzo del 2014.

Nella (fittizia) cittadina di Carp, in Texas, non solo non succede nulla di interessante, ma non vi è un vero futuro per i suoi giovani, che sperano tutti di andare altrove una volta finito il liceo. Ma gli studi negli Stadi Uniti costano, e non è facile mettere soldi da parte per una nuova vita in quell’ambiente, così ecco che nasce Panic.

Appena comincia l’estate i neo-diplomati possono partecipare a un torneo caratterizzato da sport estremi, o sfide ad alto coraggio. Delle prove non pensate per farti morire… ma nella precedente edizione una coppia di ragazzi è invece morta tragicamente. Questo però non ha fermato organizzatori e partecipanti di Panic, decisi non solo a vincere il ricco montepremi finale, ma anche la noia.

La polizia però, dopo le due morti, è ormai a conoscenza del gioco e fin dal primo giorno si adopera per fermarlo. Così i ragazzi non dovranno solo evitare di morire, ma anche di farsi arrestare.

Il minuscolo trailer di Amazon Prime Video, quello che ti appare random tra una puntata e l’altra di una serie TV è forse uno dei più convincenti degli ultimi tempi.

Essenziale e senza spoiler (mentre quello ufficiale, da 2:24 minuti, ne contiene uno mica tanto piccolo…) oltre a darti l’idea di una meravigliosa serie tv horror/thriller incentrata sui giovani, la scena della passerella non può non far ricordare a un appassionato dei “Simpson” la puntata “La guerra segreta di Lisa Simpson”, con la scena della passerella molto simile a quella dell’eliminatore che Bart e Lisa hanno dovuto affrontare nel loro anno di Accademia Militare.

Ma i trailer sono spesso e volentieri ingannevoli, e questo è il caso di Panic.

Dei dieci episodi della prima (e forse unica, visto il finale) stagione le parti riguardanti le sfide di Panic sono davvero limitate, e il meglio della tensione viene regalato con le prime due sfide.

Gran parte del minutaggio è riservato alle storie d’amore dei protagonisti, i problemi con le loro famiglie, e a una ratificata storia investigativa che punta a scoprire chi muove i fili di Panic.

Una serie di intrecci interessanti ma anche un po’ complicati da seguire, e con almeno un buco di trama (quello che coinvolge Lily, la sorella della protagonista Heather) non da poco.

Il cast è molto buono, e convincente, con molti membri quasi sconosciuti. I più noti sono Jessica Sula (nel ruolo di Natalie Williams) che ha recitato in Split di M. Night Shyamalan, Enrique Murciano (sceriffo James Cortez) presente in Collateral Beauty, Todd Williams (Capitano John Williams), Teen Wolf e San Andreas, mentre Mike Faist (Dodge) sarà uno dei protagonisti nel nuovo “West Side Story” di Steven Spielberg.

Panic dunque sa un po’ di occasione sprecata, e se non sono riusciti ad osare di più lo si può immaginare dai tanti avvertimenti rilasciati sia prima che dopo ogni episodio da Amazon Prime Video.

Non soltanto il “Non provate a farlo a casa” che fa tanto nostalgia dei primi anni 2000, quando andava in onda il Wrestling su Italia Uno, ma anche il ricordare che, se hai pensieri suicidi, ci sono dei numeri telefonici disposti ad aiutarti. Queste sono le scritte americane (che tra l’altro, nella nostra versione, non sono molto fruibili: la prima resta in originale senza sottotitoli, mentre la seconda ha i sottotitoli in italiano, ma è difficile riuscire a leggerli prima che inizi in automatico la puntata successiva).

Nella nostra gli avvertimenti sono abbastanza classici: oltre a dichiarare che è indicato per un’età non inferiore ai 16 anni, in una puntata appare addirittura la segnalazione di nudità… ma si tratta solo di qualche calendario di modelle in topless appesi al muro.

Panic è una serie che parla di primi amori e vizi americani (abbiamo anche una scena in un locale di spogliarelliste) ma nonostante questo non ci sono vere scene di nudo, anche se quelli che vengono definiti giovani sono più vicini ai 30 anni che ai 17 (ricordiamo che in America il liceo dura 4 anni).

Troppa paura di eventuali ripercussioni, insomma, purtroppo molti vedono ancora lo schermo come una sorta di babysitter, o maestro di vita, invece di trattarlo come un mondo di finzione e di intrattenimento.

Per concludere: quando si tratta di raffigurare un animale per niente domestico (come dicevamo, non vogliamo darvelo noi questo spoiler se non avete visto il trailer completo) la CGI lascia un po’ a desiderare.

Panic è disponibile su Amazon Prime Video dal 28 maggio.

Regia: Megan Griffiths, Gandja Monteiro, Viet Nguyen, Jamie Travis, Ry Russo-Young, Leigh Janiak. Con Jordan Elsass, Olivia Welch, Mike Faist, Jessica Sula, Ray Nicholson, Cosme Flores, Todd Williams, Camron Jones, Sharmita Bhattacharya, Martin Bats Bradford, Derrick Gilbert, Gary Teague, Kerri Medders, Lee Stringer, Ashlyn Alessi, Bryce Cass, Tonya Glanz, Mercedes Griffeth, Charlotte Delaney Riggs, Luke Slattery, David W. Thompson, Andrew Tinpo Lee Anno: 2021 Durata: 40 -49 min. – episodi: 10 Paese: USA Distribuzione: Amazon Prime Video

About Valerio Brandi

Guarda anche

el-otro-tom-recensione-film

El Otro Tom – Recensione del film di Rodrigo Plà

El Otro Tom: Il film di Rodrigo Plà è stato presentato nella sezione Orizzonti della …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.