Home / RECENSIONI / Drammatico / Maledetta Primavera – Un intimo racconto autobiografico – Recensione

Maledetta Primavera – Un intimo racconto autobiografico – Recensione

Maledetta Primavera: Elisa Amoruso, già nota per i documentari Bellissime e Chiara Ferragni: Unposted, con il suo ultimo film porta sul grande schermo un racconto di formazione con molti elementi autobiografici in una Italia anni 80 colma di pregiudizi, pudori e solitudini vista dagli occhi di una quasi adolescente che si appresta a iniziare la sua vita.

Nina (Emma Fasano) si affaccia all’adolescenza in una famiglia complicata, piena di aspettative disilluse e desideri di riscatto ma anche di innegabile passione. I suoi genitori, interpretati da Micaela Ramazzotti e Giampaolo Morelli, seppur legati da un legame difficile da sciogliere passano il tempo a recriminarsi reciprocamente e a cercare di sbarcare il lunario sempre con maggiori difficoltà.

Fra un litigio e un trasloco in periferia Nina e suo fratello più piccolo (Federico Ielapi, il Pinocchio di Garrone) si trovano costretti ad affrontare quello che è uno degli eventi più spaventosi dell’infanzia, il primo giorno in una nuova scuola.

Nonostante l’esordio burrascoso Nina diventa presto amica di Sirley (Manon Bresch), una ragazza adottata piuttosto problematica da cui non potrà non sentirsi attratta da una affinità che non comprende completamente.

Cosa funziona in Maledetta Primavera

Elisa Amoruso attraverso la narrazione di questo passaggio adolescenziale fa il ritratto di una Italia prossima in termini temporali ma incredibilmente lontana per molti aspetti.

Uno sguardo nostalgico di un momento della vita emotivamente spiazzante per l’intensità delle emozioni come anche per sua ingenuità che fa il parallelo ad un momento storico dell’Italia anch’esso carico di aspettative quanto di semplicità.  

Perché non guardare Maledetta Primavera

Maledetta Primavera è probabilmente l’opera più intimante sentita della regista romana che porta lo spettatore direttamente nei suoi ricordi familiari più intimi.

Un ritratto personale e familiare ben tratteggiato e assolutamente autentico che però non si discosta per originalità da tanta cinematografia italiana recente e che quindi potrebbe risultare per alcuni come qualcosa di già visto.

Il film dopo la prestazione della sezione RIFLESSI alla Festa del Cinema di Roma 2020 uscirà nelle sale il 3 giugno 2021 distribuito da BIM Distribuzione.

Regia: Elisa Amoruso Con: Micaela Ramazzotti, Giampaolo Morelli, Emma Fasano, Federico Ielapi, Manon Bresch, Fabrizia Sacchi, Sara Franchetti, Massimo Cagnina, Eliana Miglio, Claudio Bigagli, Roberto Fazioli Anno: 2020 Durata: 94 min. Paese: Italia Distribuzione: Bim Distribuzione

About Eli Freso

Guarda anche

sweet-tooth-recensione-serie-copertina

Sweet Tooth – l’Homo Sapiens Cervus salverà il mondo – Recensione

Disponibile su Netflix dallo scorso 4 giugno, la prima stagione di Sweet Tooth porta per …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.