Home / RECENSIONI / Madre: Una donna disposta a tutto per salvare suo figlio – Recensione

Madre: Una donna disposta a tutto per salvare suo figlio – Recensione

Madre: Torna al cinema l’affascinante film di Bong Joon- ho, il regista premio Oscar per “Parasite“. Un intenso e affascinante viaggio nella mente di una donna disposta a tutto per salvare suo figlio.

Madre (Kim Hye-ja) è una donna che ha come un’unica ragione di vita suo figlio. Do-joon (Won Bin) ha 27 anni e a causa di una disabilità intellettiva si comporta spesso in modo sconsiderato e pericoloso.

Una notte, mentre torna a casa ubriaco, segue una studentessa in un vicolo buio. La mattina seguente, la studentessa è ritrovata morta e Do-joon viene accusato dell’omicidio. 

La donna si rifiuta di credere che il figlio sia colpevole, ma dimostrarlo è difficile. I poliziotti sono interessati a chiudere le indagini il prima possibile e l’avvocato si preoccupa solo della sua parcella.

Armata di un incredibile coraggio e di uno smodato istinto materno, decide di risolvere il caso da sola. É disposta a tutto per salvare Do-joon

Cosa funziona in Madre

Un film intenso, un thriller psicologico sul rapporto madre-figlio che porta lo spettatore a immedesimarsi in un personaggio vittima del destino che non si arrende di fronte ad esso. 

Madre è un viaggio nella mente della sua protagonista ma non solo. Bong Joon-ho, infatti, offre allo spettatore anche una lucida critica della società coreana: una società in cui tutto ha un prezzo, una società in cui regna l’egoismo, una società in cui i ricchi vincono sempre.  

I personaggi che affollano la pellicola sono intriganti e ben costruiti. Non ci sono “buoni” in madre, neanche la protagonista, interpretata dalla straordinaria Kim Hye-ja, è un personaggio positivo. Ci sono solo persone mosse dalla legge dell’interesse. 

Perché non guardare Madre

Madre è un film profondo e ben costruito ma non adatto a tutti. Non è infatti un thriller che vuole stupire il pubblico con svolte sorprendenti, ma una pellicola dai tempi dilatati che deve essere affrontata come un intenso e affascinante viaggio nella mente della protagonista.

Il film è al cinema dal 1 luglio con PFA Films.

Regia: Bong Joon-ho Con: Bin Won, Ku Jin, Hye-ja Kim, Je-mun Yun, Jeon Mi-seon, Woo-hee Cheon, Hyeong-kuk Lim, Kyeong-jin Min, Myung-shin Park Anno: 2009 Durata: 128 min. Paese: Corea del sud Distribuzione: PFA Films

About Cristina Ceccarelli

Guarda anche

il-silenzio-grande-recensione-film-copertina

Il Silenzio Grande – Una famiglia complicata in una casa ingombrante – Recensione

Il Silenzio Grande: Alessandro Gassmann torna alla regia con una commedia che ragiona sulla famiglia, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.