Home / RECENSIONI / Documentario / Kentannos – L’età è uno stato mentale – Recensione

Kentannos – L’età è uno stato mentale – Recensione

Kentannos è disponibile online dal 9 aprile, il documentario che segue le storie di alcuni quasi centenari in tre zone della terra dove sono più numerosi: Costa Rica, Sardegna e Giappone.

Girato tra Costa Rica, Giappone e Sardegna, Kentannos intreccia emozioni e sfide quotidiane di alcuni giovani centenari che, alla soglia del primo secolo di vita – e talvolta anche oltre – non smettono di vivere in maniera straordinariamente normale, senza rinunciare ai propri desideri.

 In Costa Rica, la figlia di Pachito teme che a 98 anni il padre non sia più in grado di andare a cavallo, e cerca di proibirglielo; in Sardegna, Adolfo chiede come regalo per i suoi 93 anni di poter coronare il suo sogno di tutta la vita: pilotare un aeroplano; sull’isola di Okinawa, Tomi, 93 anni, fa parte di una famosa pop band, e continua ad andare in tournée in tutto il Giappone.

 Un film sulla passione di vivere che, con estrema tenerezza, ci ricorda che l’età è solo uno stato mentale.

Cosa funziona in Kentannos

In un anno in cui essere anziani è diventato la cosa più rischiosa, un anno in cui molti hanno dovuto salutare i loro nonni o gli anziani genitori a causa di un virus mai visto prima, arriva questo documentario di Victor Cruz che celebra la lunga durata che per fortuna alcune vite raggiungono.

Il documentario è una co-produzione italo-argentina e ci porta in tre parti del mondo dove è più facile trovare centenari o quasi tali. In Costa Rica l’ultracentenaria Pachita chiacchiera con i suoi figli di 97 e 93 anni, pensando a quel che sarà quando lei non ci sarà più. In Sardegna Adolfo medita con la moglie sul passato, cercando di realizzare il suo sogno. A Okinawa Tomi piange la morte del figlio, ma decide di tornare a sorridere, ritrovando una sua passione.

Perché non guardare Kentannos

L’elemento che disturba la linearità del documentario di Victor Cruz è che ci mette di fronte alla semplicità che in fondo è la vita, mostrandola da quella che apparentemente è quasi la fine.

Gli anziani protagonisti hanno davanti a loro poco futuro, ma questo non li spaventa. Ad alcuni spaventa il passato e il dolore troppo forte che racchiude il ricordo, ad altri invece il passato manca. Ma tutti i protagonisti sono saldamente ancorati al presente, al vivere il momento e a gustarselo come un arancia mangiata lentamente in veranda, come fa uno dei personaggi.

Kentannos è disponibile online su #iorestoinsala e Chili dal 9 aprile

Regia: Victor Cruz Con: Antonio Cabiddu, Pachita Villego, Tomi menaka Paese: Argentina Durata: 81 minuti Distribuzione: Antani distribuzione

About A V

Avatar

Guarda anche

cosa-bella-di-una-brutta-giornata-recensione-libro-copertina

La Cosa Bella di una Brutta Giornata – Un ombrello emotivo in formato letterario per le tempeste della vita – Recensione

La Cosa Bella di una Brutta Giornata: La psicoterapeuta Anabel Gonzalez, esperta di gestione delle …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.